Enciclopedia

Selàrgius Comune in provincia di Cagliari (23.237 ab., CAP 09047, TEL. 070). Centro agricolo (coltivazione di ortaggi e frutta), dell'allevamento di ovini e industriale (prodotti del legno e meccanici). Gli abitanti sono detti Selargini
sèlce, sf. Roccia sedimentaria composta da calcedonio, onice, quarzo e resti organici. Di vario colore, ha grana finissima con tipica frattura concoide. Nella preistoria fu usata per la costruzione di utensili. 
Sélci Comune in provincia di Rieti (937 ab., CAP 02040, TEL. 0765). 
selciàre, v. tr. Pavimentare strade con lastre di marmo o cubetti di porfido. 
selciàto, agg. e sm. agg. Pavimentato con pietre. 
sm. Strada che è pavimentata con pietre. ~ lastricato, acciottolato. 
selciatóre, sm. Chi è addetto a selciare le strade. 
selciatùra, sf. L'operazione di pavimentazione per ottenere un selciato. 
sélcio, sm. Sasso. 
Sèle Fiume della Campania (64 km) che nasce alle pendici del monte Cervialto (1.809 m). Alimenta l'acquedotto pugliese e sfocia nel golfo di Salerno dopo aver attraversato la Piana del Sele. Questa pianura è stata bonificata in parte tra le due guerre mondiali (1936) e negli anni successivi la fine della seconda guerra mondiale. La diga di Persano e la fitta rete di canali, indispensabili per l'irrigazione della pianura, consentono all'agricoltura (colture ortofrutticole) e all'allevamento un sempre maggiore sviluppo anche nell'ambito dell'attività economica di tutto il salernitano. 
Sèlegas Comune in provincia di Cagliari (1.506 ab., CAP 09040, TEL. 070). 


Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Per contattare la redazione di Blia.it potete scrivere a: infoblia@gmail.com (attenzione, blia.it non ha nessun rapporto con banche, scuole o altri enti/aziende, i cui indirizzi sono visualizzati al solo scopo di rendere un servizio agli utenti del sito)