Enciclopedia

sensibilizzatóre, agg. e sm. 1 In fotografia, di agente che rende il materiale fotografico sensibile all'azione della luce o di altre radiazioni. 2 In fisiologia e medicina, sensibilizzante. 
sensibilizzazióne, sf. 1 L'effetto di rendere sensibile. 2 Rendere una sostanza chimica reattiva a un certo agente. 
sensibilménte, avv. 1 Attraverso i sensi. 2 Con notevole intensità. 
sensìsmo, sm. Dottrina che pone come sola fonte del conoscere la sensazione. Il termine sensismo entrò a far parte del linguaggio filosofico ai primi dell'Ottocento, ma una forma di sensismo gnoseologico si incontra, nella storia della filosofia, già con i sofisti, in particolare con Protagora. Nella storia del materialismo, una dottrina sensistica, in opposizione al razionalismo cartesiano, è espressa, per esempio, da Hobbes, Locke e Gassendi. Classico del sensismo resta il Traité des sensations (Trattato delle sensazioni) di Condillac del 1754, che descrive le varie facoltà dell'animo a partire dalla sensazione. Temi sensistici in età moderna furono ripresi dalla dottrina psicologica di Ardigò. 
sensìsta, sm. (pl.-i) Sostenitore della filosofia del sensismo, secondo la quale ogni conoscenza deriva dall'esperienza sensibile. 
sensìstico, agg. (pl. m.-ci) Relativo alla filosofia dei sensisti. 
sensitìva, sf. Nome volgare della Mimosa pudica, un arbusto della famiglia delle Mimosacee originaria del Brasile. 
sensitività, sf. L'essere sensitivo. 
sensitìvo, agg. e sm. agg. 1 Riguardante la percezione tramite i sensi. 2 Molto sensibile. 
sm. Chi è dotato di poteri paranormali. ~ recettivo, telepate. 
sensitometrìa, sf. In fotografia, studio delle caratteristiche e delle proprietà delle emulsioni sensibili. 

Mastodon

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Per contattare la redazione di Blia.it potete scrivere a: infoblia@gmail.com
(attenzione, blia.it non ha nessun rapporto con banche, scuole o altri enti/aziende, i cui indirizzi sono visualizzati al solo scopo di rendere un servizio agli utenti del sito)