Novità del sito: Mappe antiche

Enciclopedia

astronàutico, agg. Che riguarda l'astronautica. 
astronàve, sf. Veicolo per la navigazione nello spazio. 
astronomìa, sf. Scienza che si occupa dell'osservazione dei corpi celesti e dei fenomeni a essi legati. Approfondisce, in particolare, gli studi riguardanti la materia presente nell'universo, la sua ripartizione, moto, struttura, composizione ed evoluzione. Si distinguono branche diverse dell'astronomia, in base al soggetto di studio e a metodi e tecniche impiegati nella ricerca. Prende in esame il sistema solare, le stelle fisse, gli ammassi stellari, la materia interstellare, le galassie, l'universo. I radiotelescopi ma soprattutto i telescopi, sia orbitali sia terrestri, sempre più potenti e perfezionati, hanno permesso di compiere grandi avanzamenti nelle ricerche. L'astronomia classica include l'astrometria, o astronomia di posizione, che esamina la posizione angolare degli oggetti celesti considerando solo l'aspetto cinematico del loro moto, e la meccanica celeste, che si occupa dell'aspetto dinamico. La cosmologia guarda all'universo nella sua totalità; la cosmogonia studia l'origine del sistema solare. L'astrofisica considera la natura degli oggetti celesti, determinando corrispondenze con fenomeni generati in laboratorio o approfonditi teoricamente con l'ausilio del calcolatore. Le più recenti branche fanno riferimento alle diverse bande spettrali in cui si possono esaminare gli oggetti celesti e sono costituite dall'astronomia nell'infrarosso, nell'ultravioletto, nei raggi X e nei raggi gamma e dalla radioastronomia. L'astronomia è una scienza di antichissime origini, di cui si hanno notizie sin dall'epoca protostorica. Babilonesi, cinesi, indiani, fenici ed egizi e aztechi avevano addirittura approntato osservatori astronomici. I greci, in particolare, furono i più eccellenti studiosi di questo campo con Talete, Pitagora, Aristotele, Eratostene, Aristarco, Ipparco e Tolomeo (II sec. d. C.), che si preoccupò di archiviare tutti gli studi antecedenti. Nel medioevo la scienza fu consolidata dagli arabi, trasmettitori dell'eredità greca. In occidente, la fase di rinnovamento fu avviata da Copernico e proseguita da Tycho Brahe, Keplero, Galilei e Newton. 
astronomicaménte, avv. Dal punto di vista astronomico. 
astronòmico, agg. 1 Riguardante l'astronomia. ~ spaziale. 2 Smisurato. ~ eccessivo. <> modico. ha un prezzo astronomico
astrònomo, sm. Studioso di astronomia. 
astropecten, sm. invar. Genere di stelle marine dell'ordine dei Fanerozoni, famiglia degli Astropettidi, caratterizzate da braccia molto allargate alla base. 
Astrophel e Stella Opera di poesia di Ph. Sidney (1580-1584, pubblicata postuma nel 1591). 
Astruc, Alexandre (Parigi 1923-) Regista cinematografico francese. Antesignano della nouvelle vague, ha realizzato film cerebrali e sofisticati; successivamente, dopo le versioni cinematografiche di alcune opere letterarie, si è occupato di sceneggiati televisivi e documentari. Tra le sue opere, La tenda scarlatta (1952), L'educazione sentimentale (1962, tratto dall'omonimo romanzo di Flaubert) e La lunga marcia (1966). 
astrusaménte, avv. In modo astruso. ~ incomprensibilmente. 

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)