Enciclopedia

tabellóne, sm. 1 Grande struttura tabulare affissa su sostegni o pareti. 2 Tavola rettangolare che sostiene il canestro nella pallacanestro. 
tabernàcolo, sm. 1 Tenda in cui gli ebrei custodivano l'Arca dell'Alleanza durante il pellegrinaggio nel deserto e successivamente parte del tempio adibita a custodia dell'Arca. 2 Piccola nicchia chiusa, in cui viene conservata l'Eucarestia. 3 Edicola, nicchia, piccola cappella contenente un'immagine sacra. 4 Presso gli antichi romani la tenda del comandante di un accampamento. 
Tabiàno Bàgni Località dell'Emilia Romagna vicino a Salsomaggiore nota per le sue terme. 
tableau, sm. invar. 1 Prospetto, specchietto. 2 Tavolo verde su cui si gioca alla roulette. 
tabloid, sm. invar. 1 Periodico scandalistico, di formato intermedio fra la rivista e il quotidiano. 2 Il formato di questo tipo di giornale. 
tablòide, sm. Compressa dalla forma tondeggiante. 
Tabora Città (67.000 ab.) della Tanzania, capoluogo della regione omonima. 
tabouret, sm. invar. Sedile a quattro gambe dell'epoca di Luigi XIV. Era ricoperto di velluto o damasco ed era privo di schienale. 
Tabriz Città (1.100.000 ab.) dell'Iran, capoluogo della provincia dell'Azerbaigian Centrale, in un'oasi alle pendici del monte Sahand. Mercato di prodotti agricoli e bestiame. Artigianato di tappeti. Le industrie presenti sono quelle chimiche, petrolchimiche, tessili, alimentari e del cuoio. Sede delle rovine della grande Moschea Azzurra (famosa per i suoi mosaici). Fondata quasi certamente dagli assiri, venne distrutta più volte da violenti terremoti. 
tabù, sm. invar. 1 Ciò che viene ritenuto sacro e inviolabile, nelle religioni animiste. 2 Ciò che non è accessibile, non può essere toccato o trattato in un discorso. ~ inibizione. 
Il termine si riferisce a persone, oggetti o luoghi sui quali vige un'interdizione morale, religiosa o sociale la cui violazione comporta severe sanzioni o la punizione divina. Il tabù può riguardare la sfera del sacro e avere lo scopo di preservare l'uomo dalla potenza del divino o la sfera sessuale per preservare dall'impurità. Sigmund Freud analizzò in Totem e tabý (1913) la relazione esistente tra il tabù nella cultura primitiva e il comportamento individuabile nelle nevrosi ossessive. 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)