Enciclopedia

transurànico, agg. (pl. m.-ci) Di elemento chimico radioattivo artificiale che ha numero atomico superiore a quello dell'uranio. 
transustanziàrsi, v. intr. pron. Mutare sostanza. 
transustanziazióne, sf. Conversione del pane e del vino nel Corpo e Sangue di Cristo, pur mantenendo le sembianze esterne, nella teologia cattolica. 
Transvaal Provincia della Repubblica sudafricana (7.532.000 ab.) con capoluogo Pretoria. Si estende per 229.358 km2 tra i fiumi Vaal, Limpopo e i monti Lebombo e confina con Botswana, Zimbabwe, Mozambico e Swaziland. Il territorio è un altopiano (Alto Veld) di 1.300-1.500 m, che giunge ai suoi margini a vette di 2.000-2.650 m con il gruppo montuoso dei Draghi, e a 1.800 m a sud-ovest con il Witwatersrand. Viene praticata l'agricoltura con coltivazioni di cereali, banane, tabacco, frutta. Attivo è anche l'allevamento ovino. Il sottosuolo è ricchissimo e offre giacimenti di oro, carbone, diamanti, rame, manganese, antimonio, ferro, cromite, stagno, tungsteno, fosfati, localizzati in particolare nel Witwatersrand. Le industrie sono siderurgiche, meccaniche, chimiche, alimentari, tessili, del cemento, della gomma. Tra le città importanti Johannesburg. Il Transvaal venne colonizzato dai boeri che avevano lasciato la colonia del Capo nel 1835 incalzati dagli inglesi. La ricchezza in diamanti attirò le mire inglesi e portò al dominio britannico sulla regione che scatenò poi la rivolta boera del 1881 conclusasi con la restaurazione della repubblica. Di nuovo fu la scoperta di miniere d'oro (1886) a dare il via al lungo conflitto anglo-boero (1899-1902), che portò all'istituzione delle colonie inglesi dell'Orange e del Transvaal, che entrò a far parte dell'Unione sudafricana nel 1910. 
transversióne, sf. Il meccanismo che caratterizza le mutazioni puntiformi nelle quali, eseguita su di un filamento di DNA la sostituzione di una base purinica con una primidinica, l'inverso si verifica sull'altro filamento. 
trantràn, o tran tran, sm. invar. Termine onomatopeico per indicare una situazione monotona che si ripete continuamente. 
tranvài, sm. invar. 1 Sistema di trasporto urbano realizzato su binari. 2 Tram. 
tranvìa, sf. Tranvai. 
tranviàrio, agg. (pl.-ari) Riguardante la tranvia. 
tranvière, sm. Chi fa parte del personale tranviario. ~ conducente, conduttore. 


Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Per contattare la redazione di Blia.it potete scrivere a: infoblia@gmail.com (attenzione, blia.it non ha nessun rapporto con banche, scuole o altri enti/aziende, i cui indirizzi sono visualizzati al solo scopo di rendere un servizio agli utenti del sito)