Novità del sito: Mappe antiche

venàle, agg. 1 Fatto per danaro. 2 Che agisce per lucro. ~ prezzolato. <> disinteressato. 
venalità, sf. L'essere venale. 
venalménte, avv. In modo venale. 
venàre, v. v. tr. Segnare con venature. 
v. intr. pron. 1 Coprirsi di venature. 2 Essere dotato di particolari tonalità, sfumature. 
Venarìa Comune in provincia di Torino (30.614 ab., CAP 10078, TEL. 011). Centro industriale (prodotti del legno, chimici, tessili, meccanici ed elettromeccanici). Vi si trova il castello, costruito tra il XVII e il XVIII sec. Gli abitanti sono detti Venariesi
Venaròtta Comune in provincia di Ascoli Piceno (2.272 ab., CAP 63040, TEL. 0736). 
Venàsca Comune in provincia di Cuneo (1.538 ab., CAP 12020, TEL. 0175). 
venàto, agg. Segnato da venature. ~ rigato. 
venatòrio, agg. Relativo alla caccia. 
venatùra, sf. 1 Segno ramificato, che percorre una superficie di legno o di marmo. ~ striatura. 2 Crepa. ~ incrinatura. 
Venàus Comune in provincia di Torino (984 ab., CAP 10050, TEL. 0122). 
Venceslào (santo) (907?-936) In ceco Václav. Santo nazionale boemo e duca di Boemia dal 921. Figlio del duca Vratislao, ebbe un'educazione cristiana grazie alla nonna, Santa Ludmilla. Evangelizzò il paese. Fu ucciso dal fratello Boleslao, che lo accusò di antinazionalismo per aver fatto atto di sottomissione al re di Germania Enrico I l'Uccellatore. 
Venceslào (sovrani) Nome di sovrani. 
Venceslao I 
(1205-Bareun 1253) Figlio di Ottocaro I, gli succedette come re di Boemia. Combatté per il ducato austriaco contro l'imperatore Federico II; estinti i Babenberg, il ducato fu assegnato a suo figlio Ottocaro II. 
Venceslao II 
(Praga 1271-1305) Figlio di Ottocaro II, gli succedette come re di Boemia nel 1278. Nel 1300 ottenne anche la corona polacca e garantì quella ungherese al figlio Venceslao III. 
Venceslao III 
(1289-Olomouc 1306) Figlio di Venceslao II e re d'Ungheria dal 1301, gli succedette nel 1305 in Boemia e Polonia, rinunciando alla corona ungherese. 
vendémmia, sf. Raccolta dell'uva; la quantità di uva raccolta; il periodo dell'anno durante il quale si fa la raccolta dell'uva. 
vendemmiàio, sm. Nome del primo mese del calendario rivoluzionario francese (22 settembre-21 ottobre). 
vendemmiàre, v. v. tr. 1 Raccogliere l'uva. 2 Conseguire, procacciare. ~ mietere. 
v. intr. Fare la vendemmia. 
vendemmiatóre, sm. (f.-trìce) Chi fa la vendemmia. 
vendemmiatrìce, sf. Macchina agricola che permette di vendemmiare automaticamente. 
véndere, v. v. tr. 1 Cedere ad altri la proprietà di qualcosa dietro compenso. ~ commercializzare. <> comprare. vendere al dettaglio, all'ingrosso. 2 Fare commercio di ciò che non dovrebbe essere oggetto di lucro, come coscienza, patria. ~ piazzare. vendere l'anima al diavolo, essere disposto a tutto pur di guadagnare; vendere fumo, vantare cose non vere. 
v. rifl. Fare mercato della propria dignità. ~ prostituirsi. 
vendétta, sf. 1 Offesa o danno che si arreca ad altri per ritorsione. ~ rappresaglia. <> remissione. giurare vendetta; vendetta trasversale, che colpisce i familiari. 2 Punizione, castigo. vendetta divina
<< indice >>

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)