Novità del sito: Cerca le coordinate geografiche su Google Maps

balaninus, sm. invar. Genere di Insetti Coleotteri della famiglia dei Curculionidi aventi dimensioni medie e piccole e capo che si allunga in un rostro lungo e sottile. 
balanìte, sf. Infiammazione della mucosa del glande causata da agenti infettivi o irritanti. 
balàno, sm. Piccolo crostaceo. 
balanoglòsso, sm. Genere di animali marini vermiformi dal corpo suddiviso in proboscide, collare e addome e provvisti di una faringe branchiale dalle numerose fessure visibili sull'addome. 
balanophora, sf. invar. Genere di piante tropicali prive di clorofilla della famiglia delle Balanoforacee che parassitano le radici di alcune specie arboree asiatiche e australiane. 
Balanzóne (dottor) Nome di una maschera della commedia dell'arte che indossa un costume nero e verde con cappello a tese rialzate sui lati. Nacque a Bologna per prendere in giro i professori dell'università. 
balàscio, sm. Varietà di rubino. 
bàlata, sf. Denominazione di alcuni grandi alberi del Brasile settentrionale, del Venezuela e della Guaiana dal cui lattice si ricava una gomma e la gomma ricavata da tali alberi. 
Balaton Lago (591 km2) dell'Ungheria. Lungo ca. 80 km e generalmente poco profondo, con rive piatte. È località turistica e termale. 
balaùsta, sf. Frutto del melograno. 
balaùstra, sf. Balaustrata. ~ parapetto. 
balaustràta, sf. Parapetto di balaustri collegati da un basamento e una cimosa. 
balaustrìno, sm. Piccolo compasso di precisione. 
balaùstro, sm. Ogni piccola colonna ornamentale della balaustra. 
Bal´zs, Béla (Szeged 1884-Budapest 1949) Sceneggiatore cinematografico ungherese. Lavorò a Lo spirito del film (1930) e a L'arte del cinema (1945). 
balbettaménto, sm. Il balbettare. 
balbettàre, v. v. intr. 1 Parlare, articolando le parole con incertezza e difficoltà. balbettava ancora per l'incidente subėto. 2 Il primo parlare dei bambini piccoli. 
v. tr. Parlare a stento e in modo confuso. balbettō qualche scusa, ma fu inutile
balbettìo, sm. Balbettamento continuo. 
Balbìno, Dècimo Cèlio Calvìno (178-238) Imperatore romano. Dopo la morte dei due Gordiani, nel 238, venne eletto dal senato con Pupieno; in contrasto tra loro, vennero entrambi assassinati dai pretoriani. 
bàlbo, agg. Balbuziente. 
<< indice >>

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)