Blia.it NON utilizza cookie proprietari (v. informativa)
Blia.it


Oggi è domenica 19 febbraio 2016, il sole sorge (a Roma *) alle ore 7 e tramonta alle ore 17 (l'almanacco di domani lo trovate qui, l'archivio invece è qui)

Ricorrenze (da Wikipedia)

Nati

Le prime pagine dei quotidiani CORRIERE DELLA SERA, GIORNALE, MESSAGGERO, REPUBBLICA, SOLE 24 ORE, STAMPA, UNITA`, del giorno 19/02 del 2010 2011 2012 2013

Un piatto al giorno (dal Televideo RAI)

* * MINESTRA DI CECI E CASTAGNE Dosi per 4: 200g di ceci, 200g di castagne secche, 200g di maltagliati di farina di castagne, cipolla, rosmarino, olio e.v. d'oliva, sale, pepe. Mettere a bagno i ceci per 12 ore, cambiare l'acqua, unire un pizzico di bicarbonato di sodio e lessarli, salando verso fine cottura. Far rinvenire le castagne secche in acqua e lessarle. Imbiondire nell'olio rosmarino e cipolla finemente tritata;unire i ceci cotti passandone 1/4 al passino e fare lo stesso con le castagne. Far insaporire ed aggiungere 1,5 l d'acqua. Al bollore cuocervi la pasta. pagina=578">578 Cucina pagina=580">580 Sapori ritrovati

Cinque voci scelti a caso dall'enciclopedia


adontàre, v. v. tr. Recare onta. ~ offendere. 
v. intr. pron. Sdegnarsi, risentirsi. 
diàpiro, sm. Massa di rocce plastiche e leggere risalite attraverso le rocce sovrastanti più pesanti e più recenti. 
prorogàbile, agg. Che si può prorogare. 
SA Sigla tedesca (Sturmabteilungen) delle squadre militari naziste create da Hitler e denominate anche camicie brune, per il colore della loro divisa. Inizialmente comandate da H. Göring, passarono, dal 1931, sotto il comando di E. Rhöm, che le potenziò enormemente tanto che, nel 1934, disponeva di circa 3.000.000 di unità. Per questo Hitler decise di eliminare Rhöm con tutto il suo stato maggiore il 30 giugno del 1934 (la notte dei lunghi coltelli). L'eccidio, attuato da Himmler con reparti delle SS, liquidò l'organizzazione. 
sa 
Sigla di sine anno (senza indicazione dell'anno, usato nelle indicazioni bibliografiche). 
SA 
Sigla di Società Anonima. 
Tòdi Comune in provincia di Perugia (16.722 ab., CAP 06059, TEL. 075). Centro industriale (vetrerie, prodotti dell'abbigliamento e del legno), della fabbricazione artigianale di mobili e turistico. Fondata dagli etruschi con il nome di Tuder, divenne successivamente municipio romano. Fu oggetto di disputa tra bizantini e longobardi e fu libero comune fino al XIV sec. Vi si trovano il palazzo dei Priori, costruito tra il XIII e il XIV sec., il palazzo del Capitano e il palazzo del Popolo, del XIII sec., la chiesa di Santa Maria della Consolazione, costruita su progetto del Bramante tra il XVI e il XVII sec., il duomo del XII-XVI sec. e resti di mura di epoca medievale. Gli abitanti sono detti Tudertini, Tuderti o Todini

indice

* gli orari di alba e tramonto di altre città li puoi trovare alla pagina calendario solare