Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl


Oggi è venerdì 24 aprile 2016, il sole sorge (a Roma *) alle ore 5 e 14 minuti e tramonta alle ore 19 e 1 minuti (l'almanacco di domani lo trovate qui, l'archivio invece è qui)

Ricorrenze (da Wikipedia)

Nati

Le prime pagine dei quotidiani CORRIERE DELLA SERA, GIORNALE, MESSAGGERO, REPUBBLICA, SOLE 24 ORE, STAMPA, UNITA`, del giorno 24/04 del 2010 2011 2012 2013

Un piatto al giorno (dal Televideo RAI)

* * RISOTTO CON I RICCI DI MARE Dosi per 4: 320g di riso Carnaroli, 24 ricci di mare, 2 cipollotti, 1 limone, prezzemolo, aglio novello, vino bianco secco, brodo di pesce q.b., una noce di burro, olio e.v. d'oliva, sale, pepe bianco. Lavare i ricci, aprirli, asportarne il frutto, condirli con succo di limone, olio, prezzemolo tritato, sale e farli marinare in frigorifero. Brasare nell' olio un trito di cipollotto, aglio, prezzemolo, unire il riso, tostarlo e sfumare col vino. Portare a cottura col brodo, togliere dal fuoco, mantecare con il burro e accomodare nei piatti, mettendo al centro di ciascuno i ricci. pagina=578">578 Cucina pagina=580">580 Sapori ritrovati

Cinque voci scelti a caso dall'enciclopedia


Dana, James Dwight(Utica 1813-New Haven 1895) Geologo statunitense. Insieme con il figlio Edward Salisbury compì importanti ricerche di mineralogia e petrografia. 
dedicazióne, sf.Atto o cerimonia con cui si consacra una chiesa o un altare. 
ittìti Gli ittiti erano un'antica popolazione indoeuropea migrata dal Caucaso in Asia Minore intorno al 2000 a. C. e lì stanziatasi nella zona dell'odierna Cappadocia settentrionale. L'antico impero (1680-1500 a. C.), con capitale Hattusa, fu fondato da Labarna (1680-1650 a. C.) e si sostituì alla primitiva organizzazione costituita da città stato spesso in competizione tra di loro. A Labarna succedette il figlio Labarna II, che si fece chiamare Hattusili I, a sua volta seguito da Mursili I (1620-1590 a. C.). Tali sovrani estesero l'impero fino ai confini del regno babilonese. Dopo il regno di Mursili seguì un periodo di decadenza che durò fino a quando Suppiluliuma (1380-1345 a. C.) non fece rifiorire l'impero (nuovo impero, 1400-1200 a. C.). Egli e i suoi successori Mursili II (1345-1315 a. C.) e Hattusili III (1285-1250 a. C.) occuparono nuove terre, combattendo con Egitto, urriti e mitanni e arrivando a estendersi dall'Egeo fino alla Siria e alla Palestina. Nel 1294 a. C., sotto Mutawalii, la battaglia di Qadesh spinse gli Egiziani a ritirarsi. Hattusili III e Ramesse II conclusero un trattato di pace con essi. L'espansione degli ittiti terminò quando, durante il tentativo di conquistare le regioni occidentali dell'Asia Minore, si scontrarono con i popoli del mare, i quali alla fine causarono la caduta dell'impero ittita nell'XI sec. a. C. Quello che ne rimase furono dei regni con dinastie ittite in Siria, Cappadocia e Cilicia, che sopravvissero fino all'VIII sec. a. C. L'organizzazione dell'impero era di tipo feudale, con compagini militari a capo delle quali il re univa in sé il potere politico e quello religioso, coadiuvato dalla nobiltà guerriera. Nell'arte ittita si sentono influssi mesopotamici e anatolici. Le produzioni artistiche vanno dai rilievi monumentali delle pareti dei santuari rupestri (Yazilikaya), agli amuleti d'oro e d'argento, ai sigilli decorati, alle ceramiche policrome fino ai palazzi fortificati, ai templi e alle mura che sorgevano nelle maggiori città (Hattusa, Alaca-Hüyük e Alisar). La religione ittita era politeista e risentì degli influssi di assiri, babilonesi e urriti. Gli ittiti adoravano il Sole, la Luna e Venere. Gli dei più importanti erano Teshup, dio delle tempeste e della fertilità, e la sua sposa Arinna. La lingua era di tipo indoeuropeo appartenente alle lingue centum. Era scritta in caratteri cuneiformi con forti influssi asiani sul lessico. Gli scritti sono per lo più di genere mitologico (poemi di Telipinu, Kumarbi ecc.). Sono presenti anche molte traduzioni di opere babilonesi (Gilgamesh), oltre a documenti di tipo cronachistico e annalistico. 
poliisobutilène, sm. Polimero dell'isobutilene, viene utilizzato anche come plastificante e come impermeabilizzante. 
sabotàggio, sm. (pl.-i) Effetto del sabotare. ~ boicottaggio, danneggiamento. 

indice

* gli orari di alba e tramonto di altre città li puoi trovare alla pagina calendario solare