Blia.it NON utilizza cookie proprietari (v. informativa)
Blia.it


Oggi è mercoledì 10 febbraio 2017, il sole sorge (a Roma *) alle ore 7 e 12 minuti e tramonta alle ore 17 e 35 minuti (l'almanacco di domani lo trovate qui, l'archivio invece è qui)

Ricorrenze (da Wikipedia)

Nati

Le prime pagine dei quotidiani CORRIERE DELLA SERA, GIORNALE, MESSAGGERO, REPUBBLICA, SOLE 24 ORE, STAMPA, UNITA`, del giorno 10/02 del 2010 2011 2012 2013

Un piatto al giorno (dal Televideo RAI)

* * CAVATELLI VONGOLE E FRIARELLI Dosi per 4: 400g di cavatelli caserecci 1kg di vongole veraci, 500g di broccoletti, aglio, olio extravergine d'oliva sale, peperoncino. Lavare le vongole dopo averle tenute a bagno in acqua e sale e farle aprire sul fuoco. Mentre bolle l'acqua, mondare e lavare i broccoletti riducendoli in ciccetti. Lessarli al dente,toglierli e nella stessa acqua tuffare i cavatelli. A parte preparare un intingolo d'aglio, olio e peperoncino. Unire l'acqua filtrata delle vongole e infine farvi saltare pasta, broccoletti e vongole. pagina=578">578 Cucina pagina=580">580 Sapori ritrovati

Cinque voci scelti a caso dall'enciclopedia


abbeveratóio, sm. Recipiente o luogo in cui le bestie bevono. ~ beverino, truogolo. 
Atène Capitale della Grecia (886.000 ab.; grande Atene con Pireo e sobborghi 3.207.000 ab.) e capoluogo dell'Attica. Giace nel centro di una pianura adiacente al mare, tra i monti Imetto e Aigaleos e il Golfo di Egina; la città si affaccia sulle insenature del Falero e del Pireo. La pianura è solcata dai due torrenti Cefiso e Ilisso ed è movimentata da prominenze calcaree, tra cui quella dell'Acropoli (156 m) che, insieme al Licabetto (277 m), sovrasta la città a nord. L'odierna città si è accresciuta, da quando è divenuta capitale del nuovo stato (1834), sviluppandosi a partire dall'antico centro e distribuendosi in più direzioni, con la creazione dei moderni quartieri e occupando ben 25 km di costa. Nella zona costiera periferica sorgono le raffinerie di petrolio e gli impianti industriali che interessano i settori tessili, dell'abbigliamento, meccanico, chimico (fertilizzanti), delle materie plastiche, alimentari, del tabacco; Atene, insieme ai sobborghi e al Pireo, il porto più importante del paese, concentra circa il 60% delle attività economiche di tutta la Grecia e il 30% della popolazione e costituisce il principale centro delle reti di comunicazioni stradali, ferroviarie, marittime e aeree. Attira turisti e studiosi da tutto il mondo per la ricchezza del suo patrimonio artistico (resti di epoca micenea, classica e romana), per le collezioni dei suoi musei (Museo Nazionale Archeologico, Museo dell'Acropoli, Museo dell'Agorà, Museo Bizantino, Benaki sono solo alcuni) e per le pregevoli chiese bizantine. Il fulcro della città antica era costituito dall'acropoli; col tempo è andato allargandosi in varie direzioni. In epoca tardo micenea (X sec. a. C.) e nel periodo geometrico (900-700 a. C.) occupava l'acropoli, la necropoli, le colline della Pnice, delle Ninfe, dell'Aeropago, del Museo. In epoca classica, l'acropoli fu adibita al culto e la città si estese nella pianura a nord-ovest dell'acropoli; l'agorà fu riservata alla vita civile e agli scambi commerciali; altri quartieri sorsero in direzione del Pireo. Erode Attico e C. Adriano (I sec. a. C.), contribuirono ad abbellire la città che ormai giungeva fino alle pendici dell'Imetto. La sua origine è incerta e attribuita a personaggi mitologici. Una delle sedi della civiltà micenea (II millennio a. C.), iniziò l'ascesa politica guidata in origine da una monarchia e poi da arconti (XI-VII secc. a. C.), fu provvista di una costituzione democratica da Dracone (624-621), da Solone (594 a. C.) e, dopo l'interruzione della tirannia di Pisistrato (560-528), da Clistene (508 a. C.): questi consolidarono la forma di governo democratico diretto di Atene e la resero il centro cittadino (polis) più significativo di tutta la Grecia. Con Pericle, demagogo o capo del popolo, democraticamente eletto stratega, affrontò e quindi vinse l'impero persiano (500-479). Fu questo per Atene il periodo di massimo splendore e di massima estensione: divenne il centro morale, politico e culturale della Grecia, affermandosi come potenza commerciale e militare, ricca, per il predominio sui mari, di una efficientissima flotta, che le valse la supremazia sulla lega delio-attica. Dopo la guerra del Peloponneso (431-404 a. C.), contro la rivale Sparta, fu insieme a quest'ultima soggiogata dai macedoni (338 a. C.), quindi dai romani (146 a. C.). I crociati, sottrattala ai bizantini dopo la quarta crociata, ne fecero un ducato (1205); risorse economicamente sotto catalani, fiorentini e veneziani. Maometto II la conquistò nel 1456 e rimase sotto il dominio ottomano fino al 1833. Dopo la guerra di indipendenza contro i turchi (1821-1830), diventò capitale del regno di Grecia (1834). 
Bibbièna (Bibbiena, Arezzo 1470-Roma 1520) Pseudonimo di Bernardo Dovizi. Commediografo. Tra le opere La Calandria (1513). 
cattòlico, agg. e sm. (pl. m.-ci) agg. 1 Universale, con riferimento alla chiesa cristiana di Roma. 2 Che è proprio della chiesa di Roma. professa la fede cattolica. 3 Che si ispira ai principi religiosi, morali e sociali propugnati dalla chiesa cattolica. il partito cattolico era molto forte all'epoca
sm. Chi professa la religione cattolica. 
Diofànto (sec. II) Matematico greco (in greco Dióphantos). Compì importanti studi sulle equazioni di primo e secondo grado. Attivo alla scuola di Alessandria, ha scritto tredici libri di Aritmetica, raccolta di problemi sui numeri di cui sono giunti fino a noi solo sei libri, e I numeri poligonali, opuscolo su temi marginali. Oggi si dicono diofantee equazioni algebriche a coefficienti interi di cui si vuole cercare soluzioni intere. 

indice

* gli orari di alba e tramonto di altre città li puoi trovare alla pagina calendario solare