Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

metallogràfico, agg. (pl. m.-ci) Relativo alla metallografia. 
metallògrafo, sm. Studioso di metallografia. 
metallòide, sm. Elemento chimico privo di lucentezza e duttilità, cattivo conduttore del calore e dell'elettricità. 
metalloproteìna, sf. Proteina coniugata il cui gruppo prostetico è formato da una metalloporfirina. 
metalloscòpio, sm. In metallurgia, apparecchio utilizzato per rivelare i difetti strutturali o superficiali di pezzi di metallo. 
metallurgìa, sf. Scienza che studia i metodi e le tecnologie per la produzione e la lavorazione dei metalli, studiandone le proprietà e caratteristiche, in particolare relativamente alla protezione contro la corrosione. Si divide in metallurgia estrattiva e metallurgia fisica. La prima riguarda la preparazione del materiale grezzo, l'estrazione del metallo, la sua elaborazione e la preparazione delle leghe. L'estrazione è a sua volta distinta in pirometallurgia, nella quale il minerale è ridotto con carbone (usata per ferro, rame, piombo); elettrometallurgia, nella quale si ottiene il metallo per elettrolisi di sali fusi (alluminio, magnesio); galvanotecnica e idrometallurgia, nella quale il minerale è trattato con una soluzione tale da formare un sale solubile del metallo stesso (usata per argento, oro, nichel, zinco). Il metallo così ottenuto viene elaborato, mediante diversi processi come la raffinazione, l'affinazione per ottenere un metallo puro e l'alligazione per ottenere una sua lega di composizione definita. La metallurgia fisica consiste di tutti i processi di lavorazione dei metalli, per fusione, sinterizzazione, lavorazione plastica a caldo o a freddo, nonché i trattamenti termici e di superficie (brasatura, tempra, placcatura ecc.). 
metallùrgico, agg. e sm. (pl. m.-ci) agg. Relativo alla metallurgia. 
sm. Operaio che lavora i metalli nelle industrie metallurgiche. 
metallurgìsta, sm. e sf. (pl. m.-i) Che si occupa di metallurgia. 
metalmeccànico, agg. e sm. (pl. m.-ci) agg. Relativo alla metallurgia e alla meccanica. 
sm. Operaio delle industrie metallurgiche e meccaniche. 
metalògica, sf. (pl.-che) In matematica e in informatica, studio della semantica e della sintassi dei sistemi e dei linguaggi formali. 
metalògico, agg. (pl. m.-ci) Che è al di fuori delle leggi della logica. 
metamatemàtica, sf. (pl.-che) Secondo Hilbert, l'insieme dei metodi che utilizza la logica matematica per analizzare la coerenza di un linguaggio e per verificare la validità delle dimostrazioni. 
metamerìa, sf. 1 In chimica, un tipo di isomeria, tipica delle ammine, che dipende dalla sostituzione dell'azoto amminico con gruppi organici. 2 In zoologia, caratteristica della struttura corporea di molti animali, consistente nella ripetizione di segmenti di apparati lungo l'asse maggiore del corpo. 
metamèrico, agg. (pl. m.-ci) Relativo alla metameria. 
metàmero, agg. e sm. agg. In chimica, di un composto isomero di un altro per metameria. 
sm. In zoologia, ognuno dei segmenti del corpo di un organismo metamerico. 
metamòrfico, agg. (pl. m.-ci) Relativo a metamorfosi, soggetto a metamorfosi. 
metamorfìsmo, sm. È l'insieme di trasformazioni fisico-chimiche subite da una roccia sottoposta a variazioni di temperatura e pressione o ad agenti chimici e che producono la sua trasformazione o ristrutturazione. Quando, soprattutto per cause endogene, la temperatura aumenta, aumenta anche la solubilità in acqua dei minerali, la capacità della roccia di deformarsi senza rompersi e, quindi, si verificano fenomeni di ricristallizzazione. Quando invece aumenta la pressione, i minerali tendono a trasformarsi in altri minerali a minor volume molecolare o a modificare l'orientamento del reticolo cristallino. Gli agenti chimici infine possono modificare la composizione dei minerali, per apporto di nuove sostanze. 
metamorfopsìa, sf. Disturbo della vista per il quale il soggetto vede gli oggetti di forma diversa da quella reale. 
metamorfosàre, v. v. tr. 1 Sottoporre a metamorfosi. 2 Trasformare. ~ cambiare. 3 In geologia, trasformare una roccia con un processo di metamorfismo. 
v. intr. pron. Essere soggetto a metamorfosi. 
metamorfosàto, agg. Che presenta metamorfosi. 
<< indice >>