Blia.it NON utilizza cookie proprietari (v. informativa)
Blia.it

Morsàsco Comune in provincia di Alessandria (687 ab., CAP 15010, TEL. 0144). 
morse, agg. invar. Sistema di comunicazione, in cui le lettere e i numeri sono rappresentati da sequenze di punti e linee. 
Morse, Samuel Finley Breese (Charlestown 1791-New York 1872) Inventore statunitense. Prese spunto dalle scoperte di A. M. Ampère sull'elettromagnetismo per realizzare il telegrafo nel 1837. Sviluppò il codice omonimo e nel 1844 inviò il primo messaggio in alfabeto Morse da Washington a Baltimora. Nell'alfabeto Morse ogni carattere è abbinato a una sequenza univoca di punti e linee, separati da pause, trasmessi sotto forma di impulsi elettrici di lunga (linea) o breve (punto) durata. 
Morsèlli, Guìdo (Bologna 1912-Varese 1973) Romanziere. Tra le opere Divertimento 1889 (postumo, 1975) e Dissipatio H. G. (postumo, 1977). 
morsétto, sm. 1 Piccola morsa per stringere, bloccare. ~ morsa. 2 Dispositivo usato per collegare conduttori elettrici. ~ cavallotto. 
morsicàre, v. tr. Mordere leggermente con piccoli morsi. ~ azzannare. 
morsicatùra, sf. L'azione del morsicare e il segno che ne risulta. 
morsicchiàre, v. tr. Mangiare a piccoli morsi. 
mòrso, sm. 1 L'atto del mordere e il segno che ne risulta. il morso del cane non sembrava guarire. 2 Boccone, pezzo di cibo. 3 Tipo di imboccatura che si mette in bocca ai cavalli e a cui si attaccano le redini. mettere il morso a qualcuno, dominarlo, assoggettarlo. 
morsùra, sf. Sottoporre lastre di metallo all'azione del mordente, per fare incisioni. 
mòrta, sf. Alveo fluviale abbandonato. 
mortadèlla, sf. Salume di carne suina, tipico di Bologna. 
mortàio, sm. 1 Recipiente usato per pestare spezie e simili. 2 Pezzo di artiglieria usato per scagliare bombe con traiettoria molto curva. i mortai procedettero a decimare le trincee nemiche
mortaìsta, sm. (pl.-i) Militare addetto all'uso del mortaio. 
mortàle, agg. e sm. agg. 1 Soggetto a morte. 2 Che cagiona morte. ~ letale. <> innocuo. 3 Di morto o di morte. 4 Tipico, proprio dell'uomo, dell'umanità. le debolezze mortali. 5 Insopportabile. aveva un alito mortale
sm. Uomo, in quanto tale, destinato a morire. ~ essere umano. <> dio, immortale. 
mortalità, sf. 1 L'essere mortale. 2 La quantità o la percentuale delle morti. 
mortalménte, avv. In modo mortale. 
Mortàra Comune in provincia di Pavia (14.093 ab., CAP 27036, TEL. 0384). Centro agricolo e commerciale (coltivazione e mercato di foraggi, grano e riso), zootecnico e industriale (prodotti alimentari, tessili, meccanici e calzaturifici) della Lomellina. Il 21 marzo 1849 fu teatro della battaglia che vide le truppe austriache sconfiggere quelle piemontesi. Vi si trovano le chiese di San Lorenzo, del XIV sec., e di Sant'Albino, del IX sec. Gli abitanti sono detti Mortaresi
Mortàra Garavèlli, Bìce (Montemagno, Asti 1931-) Linguista italiana. Ha eseguito lavori di ricerca linguistica (La parola d'altri, 1985; Manuale di retorica, 1989) e ha curato l'edizione di una delle principali opere morali del '600, La ricreazione del savio di D. Bartoli. 
mortarétto, sm. Fuoco d'artificio di forma cilindrica che scoppia con gran fragore. 
<< indice >>