Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Blia.it

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate


Blia.it

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

  

Condividi questa pagina su Facebook 

Condividi su Google Plus

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

prepùbere, agg. Relativo al periodo precedente la pubertà. 
prepuziàle, agg. Riferito al prepuzio. 
prepùzio, sm. Rivestimento cutaneo-mucoso retrattile del pene che ricopre il glande a cui è unito da un tratto fibroso (frenulo o filetto) che, a volte, se troppo corto, causa una fimosi. 
preraffaelìta, agg., sm. e sf. (pl. m.-i) agg. Relativo al preraffaellismo. 
sm. e sf. Seguace del preraffaellismo. 
preraffaellìsmo, sm. Movimento artistico e letterario sorto in Inghilterra nel 1848 a opera di D. G. Rossetti, W. H. Hunt, J. E. Millais, F. G. Stephens, W. M. Rossetti, T. Woolner e J. Collinson. Fu poi J. Ruskin a strutturare una teoria basata sulle tendenze del movimento, che erano quelle di rivalutazione del medioevo, degli artisti precedenti a Raffaello (di cui il termine preraffaellismo) e delle culture primitive, per estenderne l'ambito anche al campo sociale ed educativo. In seguito, con A. C. Swinburne il movimento si spinse oltre, sfociando poi nelle tendenze artistiche dell'estetismo e del decadentismo. 
prerogatìva, sf. 1 Diritto speciale concesso a qualcuno. ~ privilegio. 2 Proprietà caratteristica. ~ connotazione, dote. 
preromanticìsmo, sm. Corrente di pensiero e letteraria che alla fine del Settecento anticipò determinate caratteristiche tipiche del romanticismo, come le atmosfere malinconiche, l'attrazione per la natura, le meditazioni su temi sepolcrali e orridi. Il movimento si diffuse in primo luogo in Inghilterra, Francia e Germania, per poi diffondersi in tutta Europa. I principali esponenti del movimento furono J. Macpherson in Inghilterra (Canti di Ossian), A. von Haller e S. Gessner in Germania, I. Pindemonte (Prose e poesie campestri) e A. Verri (Le notti romane) in Italia. 
preromàntico, agg. (pl. m.-ci) Relativo al preromanticismo. 
présa, sf. 1 L'atto del prendere. ~ cattura, conquista. presa di ferro, tenace. 2 La forza esercitata dalla mano nel prendere. 3 Colpire. 4 Attacco per acqua, corrente elettrica e simili. ~ bocchettone, attaccatura. 5 Attaccamento, indurimento di malta o collanti. fare presa
Presa del potere da parte di Luigi XIV, La Film storico, francese (1966). Regia di Roberto Rossellini. Interpreti: Jean-Marie Patte, Raymond Jourdan, Katharina Renn. Titolo originale: La prise du pouvoir par Louis XIV 
Presagi Opera di poesia di P. Salinas (1923). 
presàgio, sm. 1 Segno premonitore. ~ augurio, auspicio. 2 Presentimento, profezia. 
presagìre, v. tr. e intr. 1 Predire cosa futura. ~ indovinare, intuire. 2 Presentire. ~ avvertire, capire. 
presàgo, agg. (pl. m.-ghi) Che sente, che ha presentimento del futuro, che lo prevede. 
Pré-Saint-Didier Comune in provincia di Aosta (976 ab., CAP 11010, TEL. 0165). 
presalàrio, sm. Assegno di studio universitario. 
presàme, sm. Ciò che si mette nel latte per farlo coagulare. 
Presanèlla Massiccio montuoso delle Alpi Retiche, a nord-est dell'Adamello, con il quale forma un unico sistema. Vetta più elevata, la cima omonima (3.556 m). Turismo invernale. 
presbiacusìa, sf. Diminuzione dell'udito che si manifesta in particolare nell'età senile. 
presbiopìa, sf. Termine medico che definisce un difetto della vista, dovuto a un'imprecisa rifrazione, per cui l'individuo ha difficoltà nella visione degli oggetti vicini. Si tratta di un difetto che colpisce soprattutto le persone che hanno superato i quarant'anni di età e si corregge utilizzando lenti convergenti. A differenza della ipermetropìa, causata da una insufficiente lunghezza del bulbo oculare e indipendente dall'età, la presbiopia è dovuta alla perdita di elasticità del cristallino. 
<< indice >>