Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: Quanto inquina la tua auto?

  

Novità del sito: Verifica fattura elettronica ordinaria e PA

Calvìno, Giovànni (Noyon 1509-Ginevra 1564) Riformatore religioso francese. Studiò filosofia e diritto a Parigi, Orléans e Bourges. Nel 1533 si convertì alla fede riformata; soggiornò per un breve periodo a Basilea, ove pubblicò l'Institutio christianae religionis (1536), opera fondamentale per l'esposizione della sua dottrina. Trasferitosi a Ginevra fu costretto alla fuga, essendo falliti i suoi tentativi di imporre uno stato teocratico. Rientrato nel 1541 nella città svizzera, acquistò grande autorità come predicatore e professore di teologia, tanto da poter imporre le Ordinanze ecclesiastiche (1541), organo politico religioso per l'organizzazione della chiesa di Ginevra. I punti fondamentali della sua dottrina sono la doppia predestinazione (solo gli eletti si salveranno), il ruolo decisivo della grazia divina, il rifiuto della struttura gerarchica della chiesa, il valore simbolico dei sacramenti, fra i quali vengono accettati solo il battesimo e la cena eucaristica. Nome francese Jean Calvin, propriamente Cauvin, latinizzato Calvinus
Calvìno, Ìtalo (Santiago de Las Vegas, Cuba 1923-Siena 1985) Scrittore che iniziò la sua carriera ispirandosi alla resistenza (Il sentiero dei nidi di ragno, 1948; Ultimo viene il corvo, 1949), per poi calarsi in una narrativa densa di fantasia. Tra le sue opere, la trilogia fantastica I nostri antenati (Il visconte dimezzato, 1952, Il barone rampante, 1957, Il cavaliere inesistente, 1960), Marcovaldo ovvero Le stagioni in cittą (1963); Le cosmicomiche (1965); Ti con zero (1968); Le cittą invisibili (1972); Lezioni americane (pubblicato postumo nel 1988, raccolta di sei conferenze sulla letteratura tenute da Calvino all'università di Harvard nel 1985-1986). Il barone rampante è il romanzo più noto di Calvino ed è stato tradotto in quindici lingue. È la storia fantastica di un ragazzo che sale su un albero per gioco e decide di non scendere più a terra per nessuna ragione. Saltando da un albero all'altro trascorre tutta la sua vita e riesce anche ad assistere ad avvenimenti storici come la rivoluzione francese e le guerre di Napoleone. Per ricchezza di motivi e costanza di risultati, l'opera di Calvino è probabilmente ineguagliata tra gli scrittori italiani contemporanei. 
Calvisàno Comune in provincia di Brescia (6.809 ab., CAP 25012, TEL. 030). 
calvìzie, sf. Scarsità o mancanza totale di capelli. 
Calvizzàno Comune in provincia di Napoli (10.122 ab., CAP 80012, TEL. 081). 
càlvo, agg. e sm. agg. 1 Privo di capelli. ~ pelato. <> capelluto. 2 Privo di vegetazione. 
sm. Chi è affetto da calvizie. <> capellone. 
Calvo Sotelo, José (Tuy 1893-Madrid 1936) Politico spagnolo. Capo dell'estrema destra monarchica, venne ucciso dagli avversari politici. 
Càlvo, mónte La vetta più elevata (1.055 m) del Gargano, che domina il centro di San Giovanni Rotondo. 
calypso ved.¤ calipso¤ 
càlza, sf. 1 Indumento a maglia che riveste la gamba dal piede o dalla caviglia in su, di lunghezza variabile. ~ calzerotto. far la calza, tesserla a mano. 2 Stoppino di cotone, utilizzato nei lumi a petrolio. 
Càlza Bìni, Albèrto (Roma 1881-1957) Architetto urbanista. Lavorò ai piani regolatori di Roma, Taranto e Salerno. Presiedette l'Istituto case popolari (1923-1943). 
Calzabìgi, Ranièri de' (Livorno 1714-Napoli 1795) Librettista. Tra le opere Orfeo e Euridice (1762) e Alceste (1768). 
calzamàglia, sf. 1 Indumento di maglia che fascia tutto il corpo dal collo ai piedi o dalla vita ai piedi. 2 Nel medioevo italiano, calzoni molto aderenti del costume maschile. 
calzànte, agg. e sm. agg. Che calza, che aderisce perfettamente; aderente, confacente, azzeccato. ~ adatto. <> improprio. gli fece allora un esempio calzante, per chiarire meglio il concetto. 
sm. Arnese che serve per infilare le scarpe. ~ calzascarpe. 
calzàre, v. e sm. v. tr. 1 Infilare scarpe, guanti, calze o altri indumenti che aderiscono a una parte del corpo. ~ indossare. <> togliere, levare. 2 Fornire di calzature. vestire e calzare una persona, mantenerla. 3 Avere indosso. ~ portare. <> togliere. calzava un paio di anfibi molto pesanti
v. intr. 1 Di indumenti, andar bene, essere aderenti. il berretto calza bene. 2 Convenire, essere appropriato. ~ confarsi. <> stridere, stonare. calzare a pennello, essere perfetto. 
sm. Stivale, scarpa. ~ calzatura. 
calzascàrpe, sm. invar. Calzatoio. ~ calzante. 
calzatóia, sf. 1 Pezzetto di legno che si infila sotto un mobile zoppicante per dagli stabilità. 2 Cuneo che si infila sotto le ruote di un veicolo in pendenza per impedirgli di muoversi. 
calzatóio, sm. Arnese che aiuta a calzare le scarpe. 
calzatùra, sf. Nome usato per definire, genericamente, ogni tipo di scarpa. ~ scarpa. 
calzaturière, sm. Industriale della calzatura. 
<< indice >>