Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

  

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

Campi di Castiglia Opera di poesia di A. Machado (1912). 
Campi Elisi Opera di poesia di L. Sinigalli (1939). 
Càmpi Salentìna Comune in provincia di Lecce (11.594 ab., CAP 73012, TEL. 0832). Centro agricolo (coltivazione di tabacco e frutta) e industriale (prodotti alimentari, tessili e metalmeccanici). Gli abitanti sono detti Campioti
Càmpi, Antònio (? 1524-? 1587) Pittore italiano. Figlio di Galeazzo, per incarico di Filippo II di Spagna contribuì a decorare il palazzo dell'Escorial di Madrid (1584). Tra le opere, la Morte della Vergine (1577, San Marco, Milano). 
Càmpi, Giùlio (Cremona ca. 1505-1572) Pittore e architetto. Tra le opere Pentecoste (1557, Cremona, San Sigismondo) e Chiesa di Santa Margherita a Cremona (ca. 1547). 
campicchiàre, v. intr. Campare alla meglio, stentatamente. 
campidòglio, sm. Rocca di una città. 
Campidòglio Uno dei sette colli di Roma. È diviso in due cime, l'antica arx, sede odierna della chiesa di Santa Maria in Aracoeli, e il Capitolium, ove un tempo si innalzava il tempio di Giove, fatto costruire da Tarquinio il Superbo nel 509 a. C.; la sistemazione attuale venne realizzata su progetto di Michelangelo che al palazzo Senatoriale e a quello dei Conservatori, che già esistevano, aggiunse il Museo Capitolino e al centro la statua equestre di Marco Aurelio. 
Campidoglio, piazza del 
In origine il Campidoglio era il centro dell'Antica Roma, ricco di templi e monumenti. Ospitava infatti il tempio di Giove, voluto da Tarquinio il Superbo nel VI sec. a. C. Il tempio, a pianta etrusca, era composto da tre stanze (dedicate a Giove, Giunone e Minerva) dove si svolgevano le cerimonie religiose più importanti. Il Campidoglio affonda la sua storia in quella delle origini di Roma: fu al centro del ratto delle Sabine, quando i sabini, guidati da Tito Tazio, riuscirono a forzare la cittadella del Campidoglio per vendicare il rapimento delle donne sabine. Il Campidoglio fu al centro anche dell'invasione dei Galli (390 a. C.), quando le oche consacrate alla dea Giunone e ospiti del tempio diedero l'allarme della presenza del nemico. Il Campidoglio divenne poi il simbolo della potenza di Roma, come attesta la stessa derivazione della parola capitale da Capitolium, nome latino del Campidoglio. Nel medioevo la piazza del Campidoglio era ridotta a poco più di un pascolo per le capre e solo nel 1536, in occasione della visita di Carlo V a Roma, papa Paolo III si rese conto del degrado della zona e volle far rinnovare la piazza e i palazzi che la circondavano. I lavori iniziarono nel 1546 e terminarono il secolo successivo. Il progetto fu inizialmente affidato a Michelangelo che però non fece in tempo a vederlo terminato. Michelangelo volle la piazza a base trapezoidale, abbellita dai palazzi che si affacciavano e da uno nuovo, fatto costruire per l'occasione (Palazzo Nuovo, appunto). Michelangelo disegnò anche la pavimentazione della piazza che risulta delimitata da tre palazzi: palazzo Senatorio, palazzo dei Conservatori e il già citato palazzo Nuovo. Nel palazzo Senatorio ha sede, fin dal 1143, il comune di Roma. Nel 1582 il palazzo fu ricostruito e la facciata rinascimentale che oggi si può ammirare è dovuta a Giacomo della Porta. Il palazzo dei Conservatori del XV sec. fu modificato da Giacomo della Porta in base al progetto di Michelangelo e ospita i Musei Capitolini, come anche il palazzo Nuovo. 
Da ovest si accede nella piazza del Campidoglio tramite la Cordonata, una scalinata progettata da Michelangelo che sbuca in piazza Venezia. La scala ha alla sua base due sculture di leoni in granito e quella di Cola di Rienzo che ricorda la sua condanna a morte dopo la rivolta del 1347. In cima alla scalinata le due statue dei Dioscuri, risalenti al XVI sec. e successivamente restaurate. 
campièllo, sm. A Venezia, piazzetta nella quale sboccano le calli. 
Campiello, Il Commedia di C. Goldoni (1756). 
Campiello, Il 
Opera in tre atti di E. Wolf-Ferrari, libretto di M. Ghisalberti (Milano, 1936). 
campière, o campièro, sm. In Sicilia, chi è addetto alla sorveglianza di un terreno agricolo. 
campigiàna, sf. Una sorta di mattone di piccolo spessore usato per pavimentazioni. 
Campìgli, Màssimo (Firenze 1895-Saint-Tropez 1971) Pittore. Ha filtrato le esperienze futurista e cubista in un impasto personale che risente anche delle influenze dell'arte etrusca ed egizia. Tra le opere Famiglia (1929, Milano, Galleria d'Arte Moderna) e Le spose dei marinai (1934, Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna). 
Campìglia Cèrvo Comune in provincia di Biella (200 ab., CAP 13060, TEL. 015). 
Campìglia déi Bèrici Comune in provincia di Vicenza (1.742 ab., CAP 36020, TEL. 0444). 
Campìglia Marìttima Comune in provincia di Livorno (12.513 ab., CAP 57021, TEL. 0565). Centro agricolo, dell'attività mineraria (estrazione di piombo e pirite), con presenza di acque termali nella frazione di Terme di Caldana. Vi si trova la chiesa di San Giovanni, del XII sec. Gli abitanti sono detti Campigliesi
Campigliòne-Fenìle Comune in provincia di Torino (1.173 ab., CAP 10060, TEL. 0121). 
càmpila, sf. Curva applicata al problema della duplicazione del cubo da Eudosso di Cnido. 
campimetrìa, sf. In oculistica, la misurazione del campo visivo. 
campìmetro, sm. Apparecchio per la misurazione dell'ampiezza del campo visivo. 
<< indice >>