Home page
Carlota Angela Romanzo di Castelo Branco (1858). 
Carlson, Carolyn (Fresno 1943-) Ballerina e coreografa statunitense. Tra i principali esponenti della nuova danza americana. Creò numerosi balletti: L'or des fous (1975), Trio (1979), Chalk Walk (1983), Agosto e settembre (1992) e La visione di Stone Poems (1995). 
Carlùccio, Leànte Francésco (Verona 1953-) Compositore italiano. Premio Alte Kirche nel 1975 con Mon Mandarin, ha partecipato alla biennale di Venezia nel 1976 con Orfeo e nel 1979 con Prometeo liberato
carludovìca, sf. Genere di piante simili alle palme, benché senza fusto, originarie dell'America tropicale. Appartiene alla famiglia delle Ciclantacee. 
Carlyle, Thomas (Ecclefechan, Scozia 1795-Londra 1881) Romanziere e saggista. Tra le opere Sartor resartus (1833-1834) e Gli eroi, il mito degli eroi e l'eroico nella storia (1841). 
carmagnòla, sf. 1 Giubba a falde corte che si indossava ai tempi della rivoluzione francese. 2 La canzone che il popolo cantava attorno agli alberi della libertà. 
Carmagnòla Comune in provincia di Torino (24.725 ab., CAP 10022, TEL. 011). Centro agricolo (coltivazione di cereali, frutta e ortaggi) e industriale (prodotti alimentari, tessili e meccanici). Vi si trova una collegiata in stile gotico. Gli abitanti sono detti Carmagnolesi
Carmagnòla, Francésco Bussóne détto il (Carmagnola 1380 ca.-Venezia 1432) Condottiero e conte. Il personaggio e protagonista dell'omonima tragedia di Manzoni (1820). Conquistò Genova e molti altri territori per il ducato di Milano (1422). Al servizio di Venezia vinse a Maclodio (1427). Perse a Lodi, Soncino e Cremona e fu accusato di tradimento dai veneti; in seguito venne decapitato. 
Carmagnòla, Francésco Bussóne détto il (Carmagnola 1380 ca.-Venezia 1432) Condottiero e conte. Il personaggio e protagonista dell'omonima tragedia di Manzoni (1820). Conquistò Genova e molti altri territori per il ducato di Milano (1422). Al servizio di Venezia vinse a Maclodio (1427). Perse a Lodi, Soncino e Cremona e fu accusato di tradimento dai veneti; in seguito venne decapitato. 
Càrme Satellite di Giove, scoperto nel 1938; la distanza di 22.350.000 km, lo colloca al quattordicesimo posto tra tutti i satelliti di Giove; ha un raggio di 15 km e un periodo orbitale di 692 giorni. 
càrme, sm. 1 Nella poesia greca e latina, componimento poetico lirico. 2 Componimento lirico di elevato contenuto e di tono solenne. 
carmelitàno, agg. e sm. agg. Dell'ordine religioso fondato sul monte Carmelo. 
sm. Frate appartenente all'ordine del Carmelo. 
L'ordine religioso dei carmelitani fu fondato nella seconda metà del XII sec. in Palestina, (eremiti di Nostra Signora del monte Carmelo), con una regola assai severa; ricevette l'approvazione da Onorio III nel 1226. In occidente nel XIII sec. fu un ordine mendicante. I Carmelitani scalzi osservano la regola monastica dei carmelitani riformata da Santa Teresa d'Ávila e da San Giovanni della Croce nel 1568. 
Carmen Dramma in quattro atti di G. Bizet, libretto di H. Meilhac e L. Halévy (Parigi, 1875). 
Il dramma si svolge a Siviglia dove Don José, guardia dei dragoni, viene attirato dalla provocante Carmen, sigaraia, e quando lei viene arrestata per provocazione egli la fa fuggire. Per questo lui viene imprigionato e una volta libero raggiunge Carmen. Intanto le carte prevedono la morte di entrambi. La donna viene attratta da Escamillo, torero, e rifiuta Don José che in preda alla gelosia uccide l'amante e si costituisce. 
Carmen 
Racconto di P. Mérimée (1845). 
Carmen de moribus Trattato di M. P. Catone (III-II sec. a. C.). 
Carmi (Liber Catulli Veronensis) Raccolta poetica di G. V. Catullo (prima metà I sec. a. C.). L'opera comprende 116 carmi, ripartiti in nugae (bagatelle), carmina docta (canti eruditi), poemetti mitologici, tra cui l'Attis e la Chioma di Berenice, ed elegie. I carmi di Catullo rispecchiano la crisi della repubblica: da essi sono assenti i valori politici della civitas romana; come alternativa emerge il privato, con le sue piccole gioie e i suoi drammi che sembrano costituire tutta la sostanza dell'esistenza. In essi Catullo cantò l'amore per la sua donna, che celebrò col nome di Lesbia, il dolore, l'infedeltà. La raffinatezza del suo stile fa pensare che abbia tenuto presenti gli esempi dei greci Callimaco e Saffo. 
Carmiàno Comune in provincia di Lecce (12.176 ab., CAP 73041, TEL. 0832). Centro agricolo e commerciale (coltivazione della vite e mercato zootecnico) e industriale (prodotti enologici). Gli abitanti sono detti Carmianesi
Carmignàno Comune in provincia di Prato (9.584 ab., CAP 50042, TEL. 055). 
Carmignàno di Brènta Comune in provincia di Padova (6.823 ab., CAP 35010, TEL. 049). 
Carmina Burana Canti in latino e tedesco di autore anonimo (1225 ca.). Così chiamati perché conosciuti la prima volta da un manoscritto della fine del secolo XIII, conservato nell'abbazia di Benediktbeuern (Bura Sancti Benedicti) in Baviera. Sono un esempio importante della poesia goliardica. Sono costituiti da 250 componimenti in latino e circa 50 in tedesco volgare. Temi sono le donne, il vino, il gioco, oltre a parodie di inni, litanie e altri elementi religiosi, satire contro i vizi del clero. Non mancano drammi e canti liturgici. I più famosi sono quelli che invitano al godimento spensierato della vita. Il complesso dei canti lascia intravedere una certa familiarità con i poeti classici latini. Furono musicati nel 1937 da C. Orff (1895-1982). 
carminatìvo, sm. Medicamento atto a fornire l'espulsione dei gas dell'apparato digerente.