Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Bitcoin, blockchain e ... Libra

  

Novità del sito: Primi esperimenti con la Carta d'Identità Elettronica (CIE)

 

affermàbile, agg. Che si può affermare. 
affermàre, v. v. tr. 1 Dare per certo, dichiarare; dire di sì. ~ assentire. <> negare. 2 Sostenere con decisione. ~ asseverare. <> ritrattare. 
v. rifl. 1 Avere successo, farsi strada. ~ segnalarsi. <> fallire. 2 Imporsi, rafforzarsi, prendere piede. ~ diffondersi. <> scemare. 
affermatìva, sf. Asserzione, affermazione. 
affermativaménte, avv. In modo affermativo. 
affermatìvo, agg. Che esprime un'approvazione. ~ favorevole. <> negativo. 
affermàto, agg. Che ha raggiunto la notorietà. ~ celebre. <> sconosciuto. 
affermazióne, sf. 1 L'affermare; parola o frase affermativa. ~ asserzione. <> smentita. 2 L'affermarsi; successo. ~ trionfo. <> disfatta. 
afferràbile, agg. Che si può afferrare. 
afferràggio, sm. Accoppiamento fisso di sicurezza fra una macchina per prove meccaniche e la provetta da esaminare. 
afferràre, v. v. tr. 1 Prendere, tenere con forza. ~ abbrancare. <> mollare. 2 Capire. ~ comprendere. 
v. rifl. Tenersi, attaccarsi, appigliarsi. ~ aggrapparsi. 
affettàre, v. tr. 1 Tagliare a fette. ~ tranciare. 2 Dimostrare, esibire, simulare. ~ ostentare. 
affettataménte, avv. In modo affettato. ~ leziosamente, artificiosamente. 
affettàto, agg. e sm. agg. Artefatto, ostentato, lezioso. ~ manierato. <> semplice. 
sm. Salume tagliato a fette. 
affettatóre, sm. Chi affetta. 
affettatrìce, sf. e agg. Macchina per affettare salumi o altri prodotti. 
affettatùra, sf. Operazione del tagliare a fette. 
affettazióne, sf. Ostentazione artificiosa. ~ finzione, innaturalezza. <> immediatezza, semplicità, naturalezza. 
affettivaménte, avv. Dal punto di vista affettivo. 
affettività, sf. 1 Capacità affettiva. ~ affettuosità. <> indifferenza. 2 Insieme dei sentimenti propri di un individuo. 
I moti dell'animo possono essere gradevoli, come amore, gioia, allegria, o sgradevoli, come odio, paura, rabbia, dolore. Anticamente veniva associata alle passioni, ree di causare turbamenti all'anima. Il primo a studiarne i meccanismi fu Cartesio (Trattato delle passioni dell'anima, 1649). Si deve però attendere fino agli inizi del Novecento per avere una valida teoria scientifica dell'affettività, quando E. Titchener (1909) affermò che i sentimenti hanno molta affinità con le sensazioni elementari e, come queste ultime, tendono ad attenuarsi con l'abitudine. Successivamente, la scuola psicoanalitica studiò l'affettività nell'ambito più vasto dell'incoscio e quella behaviourista (studio del comportamento) ne valutò le cause, mettendole in relazione con gli stimoli ambientali. La moderna psicoterapia ritiene che i disturbi a carico dell'affettività (depressione o eccitamento a livelli patologici) siano alla base di quasi tutte le malattie mentali. 
affettìvo, agg. 1 Che deriva da affetto. ~ affettuoso. <> freddo. 2 Incline agli affetti. ~ sentimentale. <> impersonale. 
<< indice >>