Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)


Logo Blia.it

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

Clark, John Bates (Providence 1847-New York 1938) Economista statunitense. Elaborò la teoria della distribuzione basata sulla produttività marginale e sulle politiche antimonopolistiche. Tra le sue opere, Distribuzione della ricchezza (1899) e Il controllo dei trust (1901). 
Clark, John Maurice (Northampton 1884-Westport 1963) Economista statunitense. Figlio di J. Bates, formulò la teoria imperniata sul principio dell'acceleratore e scrisse Studi sulla teoria economica dei costi generali (1923). 
Clark, Mark Wayne (Madison Barracks, New York 1896-Charleston, South Carolina 1984) Generale statunitense. Nel corso della seconda guerra mondiale fu a capo delle forze alleate prima nel Nord Africa e poi in Italia. Dal 1952 al 1953 ebbe il comando delle truppe delle Nazioni Unite nella guerra di Corea. 
Clarke, Marcus Andrew Hislop (Londra 1846-Melbourne 1881) Scrittore australiano. Tra le opere, il romanzo For the Terms of His Natural Life (1870). 
claróne, sm. Antica denominazione del corno di bassetto. 
clasmatocìto, sm. Cellula di tessuto connettivo dotato di lunghi prolungamenti granulosi e varie granulazioni. 
Class di asen, La Commedia di E. Ferravilla (1879). 
classàre, v. tr. Classificare. 
clàsse, sf. 1 Ciascuna delle cinque categorie in cui fu diviso il popolo dell'antica Roma in base al censo. 2 L'insieme della persone aventi pari condizioni sociali, economiche o praticanti lo stesso mestiere. ~ ceto. 3 L'aggruppamento a scopo scientifico di animali, vegetali, minerali e altre cose. ~ divisione, tipo, genere, famiglia, specie, ordine. 4 I soldati della stessa leva. 5 Ripartizione degli alunni di una scuola secondo lo stesso grado di studio; scolaresca; aula. ~ corso, anno. 6 Distinzione fatta su mezzi di trasporto pubblici a seconda delle attrezzature e dei vantaggi offerti. ~ categoria. 7 Qualità superiore, gran pregio. ~ stile. 8 Anticamente usata nell'accezione di flotta. 8 In mineralogia è ognuno dei trentadue gruppi di cristalli, classificati mediante cristallografia. 9 In matematica è sinonimo di insieme e può assumere diversi significati a seconda dell'ambito di applicazione. 
Classe operaia va in paradiso, La Film drammatico, italiano (1971). Regia di Elio Petri. Interpreti: Gian Maria Volonté, Mariangela Melato, Salvo Randone. 
classènse, agg. Di classe. 
classiàrio, sm. Nell'antichità romana, soldato di marina. 
clàssica, sf. Gara sportiva annuale di lunga tradizione. 
classicaménte, avv. In modo classico. 
classicheggiànte, agg. Che imita i classici; che tende al classico. 
classicheggiàre, v. intr. Imitare i classici. 
classicìsmo, sm. 1 Qualità di classico. 2 Teoria artistica che pone come regola fondamentale dell'arte l'imitazione dei classici. 
Tendenza estetica nata nel Quattrocento umanista, consacrata nel rinascimento italiano (Brunelleschi, Donatello, Mantegna), ispiratrice dell'arte del XVI e XVII sec., grazie agli artisti della corte di Lorenzo il Magnifico a Firenze (Raffaello, Palladio, Carracci). Continuò come neoclassicismo nel XVIII sec. in contrasto al romanticismo e postromanticismo, dal quale subirà un ridimensionamento. 
Letteratura 
Termine con duplice significato, ossia relativo alla produzione di un certo periodo storico, oppure come visione dell'arte che predilige l'espressione formale come veicolo di trasmissione di un messaggio universale, indipendente dall'epoca o dal contesto linguistico in cui si è sviluppato. Il punto di riferimento è l'Ars poetica di Orazio (13 a. C.), nella quale Orazio (richiamandosi alla Poetica di Aristotele) espone tutti i punti fondamentali del classicismo, ossia il senso della misura, l'abbandono della ricerca del particolare a effetto, a favore della coerenza e dell'armonia. Tutti i maggiori poeti di allora vi aderirono (Virgilio, Tibullo, Properzio e Livio), creando una branca detta del classicismo augusteo, osteggiato dai maggiori poeti latini del I sec. d. C. (Seneca, Lucano, Petronio, Marziale, Tacito). Il termine classico viene anche utilizzato in riferimento ad alcune opere del passato ritenute modelli o norme imprescindibili per l'esperienza artistica e spirituale. Nell'accezione più vasta, il termine si riferisce a un atteggiamento dello spirito, a un patrimonio di aspirazioni artistiche e a un paradigma di valori culturali rintracciabili in tutte le epoche. Esso ha così assunto il significato di perfezione, di corrispondenza a una norma considerata universalmente valida e insuperabile. Di conseguenza, il termine enfatizza i valori di continuità della tradizione. In questo senso, viene applicato ai modelli dell'antichità greca e romana, ma anche a modelli del mondo romanzo tra i quali Dante, Petrarca e Boccaccio; gli scrittori del Cinquecento sono classici per quelli dell'Ottocento; oggi anche Leopardi e Manzoni sono già classici per noi. Il culto dei classici greci e latini e la loro persistenza nella cultura occidentale dopo il crollo dell'impero di Roma costituiscono un fenomeno culturale di importanza e durata senza pari. L'ammirazione per il sapere classico, nonostante forti resistenze, s'impose nelle scuole e negli scriptoria dei monasteri, fatto che consentì alla latinità medievale di salvare il patrimonio culturale dell'antichità greca e romana. Il modello letterario classico venne a poco a poco ricostituito, in seguito alle prime rivisitazioni del 1300 (Petrarca). S'impose definitivamente grazie alla riproposizione dei teorici rinascimentali (P. Bembo, 1470-1547) i cui massimi esponenti furono G. G. Trissino (1478-1550) e G. Giraldi Cinzio (1504-1573). La piena affermazione del classicismo come dottrina e teoria generale dell'arte coincise con la conoscenza più diffusa della Poetica di Aristotele (tradotta in latino nel 1498 da Giorgio Valla e pubblicata dall'editore veneziano Aldo Manuzio nel 1508) che definì regole e modelli normativi di tipo etico ed estetico. Il classicismo divenne la norma estetica principale di tutti gli scrittori del Cinquecento italiano e influenzerà l'intera produzione letteraria in prosa, in versi e teatrale dell'epoca. A parte in Francia, dove il classicismo rimase la concezione artistica dominante per tutto il XVII sec. (J. de La Fontaine, P. Corneille, J. Racine, N. Boileau), nel resto d'Europa non rappresentò che una breve stagione; i principi d'armonia, equilibrio, decoro formale vennero messi in contraddizione dal manierismo e spazzati via dalla poetica barocca. L'opera compiuta dall'Arcadia, che riporterà in auge valori di semplicità e chiarezza, non sarà altro che un tentativo superficiale di ritorno al classicismo. Nel XVIII sec., con una realtà storicopolitica cambiata, il primato della poesia antica verrà attaccato dalla nascente idea di un progresso inevitabile anche nel campo artistico. Il neoclassicismo di fine secolo viene visto come desiderio di ricostruzione di un mondo spirituale idealizzato piuttosto che come riproposizione di modelli classici. Con J. W. Goethe, F. Schiller, U. Foscolo, G. Leopardi il classicismo viene inteso come ricerca artistica paradigmatica di una condizione esistenziale immutabile e come forma artistica, nella quale il contenuto sia superiore alla forma, atta a trasmettere messaggi non ambigui, contrapponendosi così a quei concetti d'illuminazione poetica, d'identificazione tra arte e vita, tipici della letteratura del XIX e XX sec. 
Musica 
Periodo che va dalla seconda metà del 1700 al 1830. Genere musicale che, grazie alle innovazioni apportate da W. A. Mozart, L. van Beethoven, F. J. Haydn, tende a raggiungere il massimo equilibrio formale ed espressivo; principale espressione del classicismo è la forma sonata. Temi questi che riappariranno anche nel teatro musicale d'oltralpe (C. W. Gluck, W. A. Mozart, L. van Beethoven) e italiano con L. Cherubini, G. Spontini e G. Rossini. 
Arte 
In arte, il termine viene utilizzato per descrivere le qualità di chiarezza, equilibrio e armonia associate all'arte della Grecia e della Roma antica. Spesso il termine designa la dipendenza stilistica dai modelli antichi. In senso più specifico, esso viene usato in contrapposizione al romanticismo, per indicare l'arte che aderisce ai canoni ideali di bellezza piuttosto che all'ispirazione personale dell'artista. 
Classicismo e illuminismo nell'Ottocento italiano Saggio di S. Timpanaro (1965). 
classicìsta, sm. (pl. m.-i) Studioso del classicismo anche amante delle antichità classiche. 
classicìstico, agg. (pl. m. ci) Proprio del classicismo, dei classicisti. 
<< indice >>