Home page
Democrazia in America, La Opera di storia di Ch. A. M. de Tocqueville (1835-1840). 
democristiàno, agg. e sm. agg. Che era della Democrazia Cristiana. 
sm. Chi era iscritto alla Democrazia Cristiana o ne condivideva l'ideologia. 
Demòcrito (Abdera 460-370 a. C.) Filosofo greco, fu discepolo di Leucippo, del quale riprese ed elaborò la dottrina. Fondò l'atomismo, con il quale cercava di dare un'interpretazione della realtà in termini meccanicistici e materialisti. La figura di Democrito ha tutti i caratteri del freddo uomo di scienza, sostanzialmente non interessato ai problemi religiosi né ai conflitti sociali o politici. Il mondo di Democrito è un mondo dominato dai meccanismi impersonali della materia, del caso e della necessità. Al di là delle speranze e dei progetti umani, c'è la sola realtà degli atomi e del vuoto. L'unico modo in cui l'uomo può controllare questo mondo sta nel conoscerlo. Per Democrito, l'intera realtà è composta di atomi eterni, immutabili, invisibili e indivisibili. Il mondo si forma in seguito al movimento vorticoso degli atomi. Dalle collisioni e dalle aggregazioni degli atomi prendono forma le cose. La sensazione e la conoscenza avvengono sempre per contatto fisico. Sottili pellicole atomiche colpiscono gli organi di senso e poi gli atomi psichici. Di fronte all'impossibilità di controllare il mondo, l'uomo di Democrito persegue una saggezza priva di desideri e di speranze, di progetti e di miti. Le sue virtù saranno quelle dell'autocontrollo e della libertà interiore. Democrito ha scritto oltre sessanta opere, di cui la più importante fu Il piccolo ordinamento dell'universo. Di questa vasta produzione restano solo i titoli e poco più di 200 frammenti, per di più tutti brevi. 
démodé, agg. invar. Passato di moda. ~ disusato. <> moderno. 
Demodècidi Famiglia di Aracnidi Acari comprendente specie di piccole dimensioni e dal corpo vermiforme. 
demodex, sm. invar. Genere di Aracnidi Acari della famiglia dei Demodecidi che comprende specie di dimensioni microscopiche viventi nei follicoli piliferi di uomini e animali. 
demodossologìa, sf. Disciplina che studia gli elementi sociali, tecnici e psicologici che concorrono a formare l'opinione pubblica. 
demodulatóre, sm. Circuito elettrico in grado di produrre una demoluzione. 
demodulazióne, sf. Nelle telecomunicazioni il procedimento con il quale si divide il segnale a bassa frequenza da un'oscillazione portante ad alta frequenza. Viene effettuata mediante un circuito elettronico, chiamato appunto demodulatore, che può essere di due tipi. Quando la portante è modulata in ampiezza, il segnale viene rivelato mediante un raddrizzatore posto in serie a un gruppo resistenza-condensatore. Se invece il segnale è modulato in frequenza, il demodulatore provvede a trasformarlo in modulazione di ampiezza e, quindi, a rivelarlo con un circuito simile a quello descritto in precedenza. 
demografìa, sf. Disciplina che studia lo stato e il movimento numerico della popolazione. 
demogràfico, agg. (pl. m.-ci) Riferito alla demografia. 
demolìre, v. tr. 1 Buttar giù, smantellare edifici. ~ abbattere. <> costruire. 2 Rovinare, screditare. ~ distruggere. 
demolitóre, agg. e sm. (f.-trìce) Che, chi demolisce. 
demolizióne, sf. Il demolire, l'essere demolito. ~ smantellamento. <> costruzione. 
demologìa, sf. Disciplina che studia le tradizioni popolari. 
demoltìplica, sf. Dispositivo o sistema di trasmissione atto a effettuare una riduzione di velocità, generalmente di rotazione. ~ demoltiplicatore. 
demoltiplicàre, v. tr. Ridurre una grandezza secondo un determinato rapporto. 
demoltiplicatóre, sm. Dispositivo tecnico che cambia il rapporto di velocità. ~ demoltiplica. 
Dèmone Valle della Sicilia nordorientale, tra i Monti Nebrodi e la costa tirrenica. 
dèmone, sm. 1 Termine derivato dal greco daimon. Già dai tempi antichi, era credenza popolare l'esistenza di forze soprannaturali, capaci di influenzare positivamente o negativamente la vita delle persone. Nelle religioni politeiste, rappresenta un essere intermedio tra la divinità e l'uomo, a volte buono ma il più delle volte cattivo. Nel cristianesimo medievale, i demoni erano considerati degli angeli, sottomessi a Satana, caduti nel peccato. La demonologia, ha portato in molte religioni alla pratica dell'esorcismo (funzioni religiose tendenti a liberare dal maligno l'essere o la cosa invasati) compiuta da religiosi o laici. ~ diavolo. <> angelo. 2 Genio di natura benigna o maligna. 3 Demonio. 4 Passione travolgente. ~ ossessione, impulso.