Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Accadimenti italiani sui quotidiani dell'epoca

  

Novità del sito: Primi esperimenti con la Carta d'Identità Elettronica (CIE)

 

dolceménte, avv. Con dolcezza. 
dolcétta, sf. Nome comune della Valeriana olitoria; pianta erbacea alta fino a 20 cm., ha fiorellini azzurri riuniti in un'infiorescenza compatta e foglie oblunghe disposte in rosetta alla base. 
dolcétto, sm. Vino rosso ottenuto da un vitigno piemontese coltivato nelle Langhe. 
dolcevìta, o dólce vìta, agg. e sm. invar. Di indumento di maglia a collo alto. 
dolcézza, sf. 1 Sapore di ciò che è dolce. 2 Qualità del dolce. la dolcezza di un ricordo. 3 Mitezza, amabilità. ~ bontà. 4 Sentimento di commozione e felicità. ~ tenerezza. 5 Al plurale, ciò che è piacevole, dolce. ~ amenità. <> amarezza. 6 Attenzione, delicatezza. ~ cortesia, premura. <> freddezza, formalità. la prese con dolcezza fra le sue braccia. 
Dólci, Danìlo (Sesana 1924-Partinico 1997) Scrittore sociologo ha dedicato la sua opera, in versi e in prosa, alla rinascita delle zone depresse della Sicilia, in seguito alla sua esperienza di assistente sociale svolta principalmente nel Meridione. Insignito del premio Lenin per la pace nel 1959. Opere principali, Banditi a Partinico (1955), Inchiesta a Palermo (1956), Non esiste il silenzio (1974). Tra le opere in versi, Voci dalla cittą di Dio (1951), Il limone lunare (1970), Creatura di creature (1979), Palpitare di nessi (1986). 
dolciamàro, o dolceamàro, agg. Che è nello stesso tempo dolce e amaro. 
dolciàrio, agg. e sm. agg. Relativo alla lavorazione e alla produzione dei dolci. 
sm. Chi lavora nell'industria dolciaria. 
dolciàstro, agg. 1 Di sapore dolce, ma non gradevole. ~ stucchevole. 2 Mellifluo. ~ ambiguo. 
dolcificànte, agg. e sm. agg. Che dà sapore dolce. 
sm. Sostanza dolcificante. 
dolcificàre, v. tr. 1 Rendere dolce. ~ zuccherare. 2 Diminuire la durezza di un'acqua, eliminandone i sali che la rendono tale. ~ addolcire. 
dolcificatóre, sm. Apparecchio per dolcificare un'acqua dura. 
dolcificazióne, sm. Il dolcificare e l'effetto. 
dolcìgno, agg. Di sapore che tende al dolce. ~ dolciastro. 
Dolcìno, fra (Prato di Valsesia 1260-Vercelli 1307) Eretico, discepolo di G. Segarelli, a capo della setta degli apostolici, operò principalmente nell'Italia settentrionale, predicando la comunità dei beni e la fine dell'autorità papale. Respinse gli attacchi armati dei vescovi di Novara e Vercelli, ma fu catturato, vinto e arso vivo. 
dolciùme, sm. 1 Quantità di cose dolci. 2 Sapore dolce e stucchevole. 3 Al plurale, assortimento di dolci. 
dólco, agg. (pl. m.-chi) 1 Dolce, clemente riferito al clima. ~ mite. 2 Morbido. ~ malleabile. 
Dolégna dél Còllio Comune in provincia di Gorizia (520 ab., CAP 34070, TEL. 0481). 
dolènte, agg. 1 Che duole. ~ dolorante. aveva diverse parti dolenti del corpo, in seguito alla caduta. 2 Che prova dolore. ~ addolorato. <> contento, lieto. non sembrava dolente per quanto accaduto. 3 Che mostra dolore. ~ afflitto. <> compiaciuto. aveva occhi dolenti nel fissarmi
dolére, v. v. intr. 1 Provocare una sensazione dolorosa. 2 Rincrescere. ~ dispiacere. 
v. intr. pron. 1 Provare rincrescimento, pentirsi. ~ rammaricarsi. <> felicitarsi. si doleva di non averlo ascoltato. 2 Lamentarsi. ~ lagnarsi. <> compiacersi. non puoi continuare a dolerti per le tue disgrazie. 3 Soffrire dolori fisici. 
<< indice >>