Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

dominànza, sf. 1 L'essere dominante. 2 L'essere prevalente di un carattere genetico sugli altri in un incrocio di individui. 
dominàre, v. v. tr. 1 Tenere soggetto. ~ padroneggiare. <> comandare. 2 Di luogo o costruzione posta in posizione sopraelevata, sovrastante. ~ sovrastare. <> sottostare. la torre dominava la piazza. 3 Reprimere, soffocare, controllare. ~ frenare. era in grado di dominare i propri scatti d'ira
v. intr. 1 Avere dominio, limitarsi. ~ controllarsi. 2 Distinguersi. ~ primeggiare. 3 Prevalere. ~ imporsi. 4 Regnare. ~ prevalere. il disordine dominava in quella casa
dominatóre, agg. e sm. (f.-trìce) Che, chi domina o sovrasta. ~ governante, padrone, vincitore. <> governato, dipendente, vinto. 
dominazióne, sf. 1 Il dominare. 2 Dominio esercitato da una nazione sull'altra o da un sovrano sul popolo. ~ sovranità. 3 Ordine della seconda gerarchia degli angeli. 
domine Antica formula latina di invocazione equivalente all'italiano O signore
domineddìo, sm. Dio, il Signore Iddio. 
Domingo, Placido (Madrid 1941-) Tenore spagnolo di fama internazionale, con repertorio ottocentesco e verista. 
Dominguín, Louis Miguel (Madrid 1925-Cadice 1996) Soprannome di Lucas Miguel Gonzalez, celebre torero spagnolo. 
Dominica Isola delle Piccole Antille (751 km2, 83.000 abitanti) nelle isole Windward (Sopravento) tra la Guadalupa e la Martinica. 
L'isola di origine vulcanica è prettamente montuosa e raggiunge i 1.447 m nel Morne Diablotin con coste ripide sul mare. 
Nel sud si trova il Boiling Lake (lago bollente), le cui acque calde sono riscaldate da correnti vulcaniche sotterranee. 
Il clima è costantemente caldo umido con lievi variazioni stagionali. 
La popolazione per due terzi è nera e ha densità piuttosto elevata. 
La capitale è Roseau (20.000 ab.); altri centri sono Portsmouth e Marigot. 
L'economia è basata prettamente sull'agricoltura con la produzione di banane, esportate tipicamente in Gran Bretagna; si coltivano inoltre agrumi, frutta tropicale, canna da zucchero, ortaggi e palma da cocco. Queste coltivazioni alimentano una discreta attività di trasformazione. Destinati al consumo locale manioca e altri tuberi. 
Modesta l'attività zootecnica, mentre più rilevante è la pesca, in fase di modernizzazione, organizzata prevalentemente in cooperative di pescatori. 
Potenzialmente ricco il patrimonio forestale non ancora sfruttato. 
Il turismo infine rappresenta la seconda attività economica del paese. 
Abitanti-71.000 
Superficie-751 km2 
Densità-94,5 ab./km2 
Capitale-Roseau 
Governo-Repubblica parlamentare 
Moneta-Dollaro dei Caraibi orientali 
Lingua-Inglese, parlato un creolo-francese 
Religione-Cattolica 
dominicàle, agg. Del padrone. ~ padronale. 
Dominicana (Repubblica) Stato dell'America centrale, occupa la parte orientale dell'isola d'Hispaniola e confina a ovest con Haiti. 
Il territorio è caratterizzato dalla Cordillera Central, una catena elevata che raggiunge i 3.175 m del Pico Duarte e i 3.140 nella Loma Tina. 
La catena è fronteggiata a nord, oltre la fertile valle del Cibao, dalla Cordigliera Settentrionale o Sierra de Monte Christi, che culmina nella Loma Diego de Ocampo e scende a nord su una costa alta e rocciosa. 
A sud della Cordigliera Centrale, superata la valle di San Joanne, si innalza la Sierra de Neiba (2.262 m) fronteggiata a sua volta dalla Sierra de Bahoruco. Tra le due sierre si apre una profonda depressione che si protende in territorio haitiano ed è in parte occupata dal lago salato Enriquillo, 42 m sotto il livello del mare. 
La parte orientale del paese è una penisola prevalentemente pianeggiante attraversata dalla Cordigliera Orientale che non supera i 1.000 m di altitudine e digrada in un'ampia zona pianeggiante che arriva al mare con coste basse e sabbiose. 
Le acque territoriali sono ricche di formazioni coralline e povere di isole e isolotti; da ricordare l'isola Beata, dal territorio pianeggiante che rappresenta anche il punto più meridionale del territorio dominicano. 
Il clima è tipicamente tropicale, caldo e non eccessivamente umido, determinato, oltre che dalla latitudine, dall'influsso degli alisei di nord-est. 
Due fiumi sfociano nell'oceano Atlantico (Yaque del Nord e Yuno) mentre nel Mar delle Antille sfocia lo Yaque del Sud. 
La capitale è Santo Domingo de Guzmán (1.323.000 ab.), porto commerciale e importante centro industriale; altre città sono San Pedro de Macorìs (79.000 ab.), Barahaona, San Cristóbal, La Romana sulla costa meridionale. 
Altre città nella parte centrosettentrionale del paese sono Santiago de los Caballeros, San Francisco de Macorís, La Vega, Puerto Plata e Samaná. 
L'agricoltura presenta aspetti contraddittori: da una parte la coltivazione tradizionale in proprietà di media o piccola estensione, da cui provengono i generi di consumo interno, e dall'altra la grande piantagione moderna, meccanizzata, riservata alla produzione di prodotti per l'esportazione, in particolare canna da zucchero, ma anche caffè e cotone, affiancati in anni recenti alla coltivazione della canna da zucchero per far fronte alla crisi della domanda mondiale di tale prodotto. 
Destinati al consumo interno sono invece cereali, in particolare riso e manioca, la patata dolce e ortaggi; le banane vengono esportate. 
Notevole è il patrimonio forestale, in particolare per quanto riguarda la produzione di essenze pregiate e di legname. 
Le risorse minerarie non sono certo irrilevanti, ma sono adeguatamente sfruttati soltanto i giacimenti di bauxite i minerali nichel-ferrosi, oro e salgemma. 
In fase di potenziamento sono i programmi di estrazione petrolifera che potrebbe garantire i due terzi del fabbisogno nazionale. 
L'attività manifatturiera è quasi del tutto limitata alla trasformazione dei prodotti agricoli locali; si tratta infatti di zuccherifici, distillerie, manifatture di tabacchi, cotonifici, oleifici e birrifici. 
Le esportazioni riguardano prevalentemente i prodotti agricoli e sono per il 60% destinate agli Stati Uniti. 
STORIA Nel 1492 Cristoforo Colombo raggiunge l'isola di Haiti, che chiama Hispaniola. Nei due secoli successivi, la prima colonizzazione spagnola determina la scomparsa delle popolazioni autoctone (indiani arawak). Nel 1697 l'isola viene suddivisa tra la Francia (Haiti) e la Spagna con il trattato di Ryswick. Nel 1795 la colonia spagnola è ceduta alla Francia con il trattato di Basilea. 
Nel 1809 i dominicani si liberano delle truppe francesi. Negli anni 1822-1844 la repubblica di Haiti mantiene il proprio dominio su tutta l'isola. Nel 1844-1861, a seguito di una ribellione contro gli haitiani, viene proclamata la Repubblica Dominicana. Successivamente il presidente Pedro Santana proclama il ritorno della repubblica alla Spagna. Nel 1865 la Spagna rinuncia definitivamente alle sue pretese. Nel 1870-1916, il paese è scosso da numerosi colpi di stato e finisce per cadere nelle mani degli Stati Uniti. 
Gli americani portano avanti una politica di ordine che facilita l'arrivo al potere di Rafael Leonidas Trujillo. Dal 1930 al 1961 quest'ultimo esercita una dittatura assoluta. Egli viene assassinato nel 1961. Il suo successore Juan Bosch, eletto presidente, viene rovesciato dai militari. Nel 1965, temendo il contagio castrista, gli Stati Uniti, intervengono militarmente. Negli anni successivi Joaquin Balaguer si mantiene al potere appoggiandosi sull'esercito. Nel 1978 Antonio Guzmán Fernandez, candidato del partito rivoluzionario domenicano, viene eletto presidente. Quattro anni dopo gli succede Jorge Blanco. Nel 1986 J. Balaguer ritorna alla presidenza della repubblica e viene successivamente rieletto alla guida dello stato. 
Abitanti-7.910.000 
Superficie-48.730 km2 
Densità-162,3 ab./km2 
Capitale-Santo Domingo de Guzmán 
Governo-Repubblica presidenziale 
Moneta-Peso dominicano 
Lingua-Spagnolo 
Religione-Cattolica 
dominicàno, agg. e sm. agg. Della Repubblica Domenicana. 
sm. Chi è nato o vive nella Repubblica Domenicana. 
domìnio, sm. 1 Il dominare, l'avere autorità su qualcuno o qualcosa; signoria, potere. ~ supremazia. <> sudditanza. 2 Territorio sottomesso all'autorità o al controllo di uno stato. ~ giurisdizione, possedimento. 3 Proprietà. ~ possesso. 4 Ambito di un'attività o di una ricerca; campo, ambito, settore. ~ branca. 5 Padronanza, potere incontrastato. ~ controllo. 
dominion, sm. invar. Nome attribuito agli stati indipendenti membri del Commonwealth britannico. 
Dominique Romanzo di E. Fromentin (1863). 
dòmino, sm. 1 Abito per mascherarsi a foggia di mantello e persona così mascherata. 2 Gioco tra due o più giocatori. 
Gioco antichissimo, diffuso in Italia dal 1700, formato da ventotto tessere rettangolari di osso, avorio, plastica, con un lato nero e uno bianco diviso in due, ciascuno con uno dei punti da zero a sei, secondo tutte le possibili combinazioni. I giocatori (da due a sei), devono liberarsi di tutte le tessere, disponendole sul tavolo una alla volta in una lunga catena, quando risulta possibile collegarsi a un'altra tessera con lo stesso punteggio sul lato libero. 
Dominus vobiscum, loc. avv. Espressione latina, il Signore sia con voi, utilizzata più volte dal sacerdote durante la celebrazione della messa in latino, rivolgendosi ai fedeli. 
Domitìlla, Flàvia (?-100 ca.) Santa e matrona romana. Nipote di Vespasiano, fu cacciata nell'isola di Pandataria da Domiziano poiché cristiana. Diede nome ad alcune tra le più vaste catacombe di Roma. 
Domiziàno, Tìto Flàvio (Roma 51-96) Imperatore romano, figlio di Vespasiano, succedette al fratello Tito nell'81. Il suo governo si caratterizzò per il rafforzamento militare e l'accentramento di potere arrivando al punto d'instaurare una tirannia. Cacciò da Roma filosofi e matematici e perseguitò i cristiani. Condusse guerre contro i catti, i daci e i sarmati. Morì vittima di una congiura. 
Domìzio Enobàrbo, Gnèo (?-104? a. C.) Politico romano. Nel 122 fu eletto console e ultimò la conquista della Gallia meridionale. 
Domýzio Enobarbo Gneo 
Politico romano. Console dal 32 a. C. partecipò direttamente all'omicidio di Cesare e combatté al fianco di Antonio contro i parti nel 36. 
<< indice >>