Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

Donizétti, Gaetàno Doménico Marìa (Bergamo 1797-1848) Compositore, dal 1806 al 1815 studiò musica sotto la guida di Simone Mayr che comprese la genialità e la bravura dell'allievo e lo mandò a Bologna per completare la sua formazione e preparazione. Ebbe successo a Roma con la Zoraide di Granada (1822) e a Napoli con La zingara (1822). Nel 1838, dopo la morte della moglie, si trasferì a Parigi, dove rimase fino al 1845 ottenendo notevoli successi di pubblico. Tra le sue numerose opere, sono da ricordare Anna Bolena (1830), L'elisir d'amore (1832), Lucrezia Borgia (1833), La figlia del reggimento (1840), La favorita (1840), Linda di Chamonix (1842), Don Pasquale (1843). Il suo capolavoro è Lucia di Lammermoor (1835, su libretto di S. Cammarano) dove si rivela pienamente la tecnica solida e accurata del musicista e una melodia ricca di sfumature che ben rappresenta il clima romantico e nordico della vicenda. Il melodramma di Donizetti rappresenta un po' il prodotto della borghesia italiana prima del risorgimento. A Donizetti viene riconosciuta l'accuratezza dell'orchestrazione e l'impiego raffinato dei legni, che nelle opere migliori, tra cui L'elisir d'amore, Don Pasquale e Lucia di Lammermoor, raggiunge risultati brillanti ed espressivi. L'alto numero delle opere prodotte (più di settanta) non ha impedito a Donizetti di introdurre alcune notevoli innovazioni nel teatro operistico: adozione di un preludio in luogo della sinfonia iniziale; adozione di finali d'atto drammatici; invenzione del baritono romantico; drammatizzazione dell'azione tramite contrazione progressiva della durata degli atti. 
dònna, sf. 1 La femmina adulta della specie umana. <> uomo. donna di mondo, che fa vita mondana; abiti da donna, adatti per le donne; andare a donne, cercare facili conquiste. 2 Moglie, compagna, donna amata. la propria donna. 3 Domestica. ~ serva. 4 Signora e titolo d'onore che si premetteva alle donne nobili. ~ padrona. 5 Figura del gioco delle carte francesi. 
Donna che visse due volte, La Film giallo, americano (1958). Regia di Alfred Hitchcock. Interpreti: James Stewart, Kim Novak, Barbara Bel Geddes. Titolo originale: Vertigo 
Donna del giorno, La Film commedia, americano (1936) 
Regia Jack Conway. Interpreti: Jean Harlow, William Powell, Spencer Tracy, Myrna Loy. Titolo originale: Libeled Lady 
Donna del giorno, La 
Film commedia, Americano (1942). Regia di George Stevens. Interpreti: Spencer Tracy, Katharine Hepburn, William Bendix. Titolo originale: Woman of the Year 
Donna del lago, La Melodramma in due atti di G. Rossini, testo di A. L. Tottola (Napoli, 1819). 
Donna del lago, La 
Poema di W. Scott (1810). 
Donna del mare, La Dramma in 3 atti di H. Ibsen (1888). Come gli altri drammi dell'autore norvegese, la Donna del mare affronta un problema tratto dalla realtà borghese contemporanea: la protagonista, Ellida, che ha una relazione con un forestiero misterioso, di fronte alla concreta possibilità di andarsene con lui (il marito la lascia libera di scegliere) decide di non seguire l'uomo. 
Donna del Paradiso Lauda drammatica di Iacopone da Todi (seconda metà XIII sec.). 
Donna del tenente francese, La Film drammatico, americano (1981). Regia di Karel Reisz. Interpreti: Meryl Streep, Jeremy Irons, Leo McKern. Titolo originale: The French Lieutenant's Woman 
Donna della domenica, La Romanzo di C. Fruttero e F. Lucentini (1972). 
Donna di picche, La Racconto di A. S. Puskin (1834). 
Donna di sabbia, La Romanzo di K. Abe (1962). 
Donna fantasma, La Commedia di P. Calderón de La Barca (1629). 
Donna Fior e i suoi due mariti Romanzo di J. Amado (1966). 
Donna mancina, La Romanzo di P. Handke (1976). 
Donna senz'ombra, La Opera in tre atti di R. Strauss, libretto di H. von Hofmannsthal (Vienna, 1919). 
Donna serpente, La Opera fiaba in un prologo, tre atti e sette quadri di A. Casella, libretto di C. Ludovici (Roma, 1932). 
Donna uccisa con dolcezza, Una Dramma di Th. Heywood (1603). 
Donna, Una Romanzo di S. Aleramo (1906). 
donnàccia, sf. (pl.-ce) Prostituta. ~ sgualdrina. 
donnaiòlo, sm. Chi corteggia continuamente e con successo le donne ed è sempre in cerca di successi amorosi. ~ playboy 
<< indice >>