Home page
eccitàbile, agg. Facile a eccitarsi. ~ impulsivo. <> impassibile. 
eccitabilità, sf. L'essere eccitabile. 
eccitaménto, sm. L'eccitare o ciò che eccita. 
eccitànte, agg. e sm. agg. 1 Che eccita. ~ stimolante. <> tranquillizzante. 2 Allettante, provocante. ~ seducente. <> deprimente. 
sm. Sostanza che stimola il sistema nervoso provocando eccitamento. 
eccitàre, v. v. tr. 1 Provocare o suscitare qualcosa. ~ stimolare. <> assopire. 2 Porre in uno stato di tensione. ~ istigare. <> placare. 
v. rifl. Agitarsi, esaltarsi. ~ accalorarsi. 
eccitatìvo, agg. Eccitante. 
eccitàto, agg. Che è in uno stato di eccitazione. 
eccitatóre, agg. e sm. (f.-trìce) 1 Che o chi eccita. 2 Apparecchio che determina un'eccitazione elettrica. 
eccitazióne, sf. Stato di chi o ciò che è eccitato. ~ frenesia. <> controllo. 
eccitóne, sm. Coppia elettrone-lacuna ottenuta in un cristallo per eccitazione con un fotone di energia opportuna. 
Eccles, John Carew (Melbourne 1903-Svizzera 1997) Neurofisiologo australiano. Compì importanti studi sull'impulso nervoso che gli valsero insieme a A. L. Hodgkin e A. F. Huxley il premio Nobel nel 1963. Nel 1981 in collaborazione con K. Popper scrisse L'io e il suo cervello
ecclesìa, sf. Nella antiche città greche, era l'assemblea popolare, aperta a tutti nei regimi democratici, limitata ad alcuni cittadini appartenenti a determinate classi, nei regimi oligarchici. Le sue funzioni variavano da città a città; in Atene, aveva il compito di discutere i progetti di legge, di eleggere i magistrati, di giudicare i reati politici e di stabilire la pace, le guerre, le alleanze e di stipulare i trattati. 
ecclesiàle, agg. Della Chiesa. 
ecclesiàstico, agg. e sm. (pl. m.-ci) agg. Che riguarda la chiesa o il clero. ~ religioso. <> laico. 
sm. Membro del clero. ~ sacerdote. <> laico. 
ecclesiologìa, sf. Parte della teologia che studia le verità di fede riguardanti la chiesa. 
ecclìmetro, sm. Strumento topografico per misurare angoli di inclinazione verticale. 
ecclissàre => ¤eclissare¤ 
ecclìssi => ¤eclissi¤ 
ècco, avv. e inter. avv. 1 Espressione usata per richiamare l'attenzione di una persona. ecco lo stadio: siamo arrivati. 2 Seguito dal participio passato indica che l'azione espressa dal verbo è stata compiuta. 
ecco fatto! 3 Con valore conclusivo, chiude un discorso. ecco, ora sai anche tu cosa significa per me quella storia. 
inter. Familiarmente usato per dare maggior enfasi alla frase. ecco! Ci mancava anche questa! 
eccóme, avv. e inter. Serve ad affermare o confermare con energia una cosa, senza dubbio. ~ certamente. <> nient'affatto.