Home page
esecràbile, agg. Odioso, detestabile. ~ abominevole. <> amabile. 
esecrabilità, sf. L'essere esecrabile. 
esecrabilménte, avv. In modo indegno. 
esecràndo, sm. Degno di esecrazione. ~ esecrabile. 
esecràre, v. tr. Odiare, detestare. ~ aborrire. <> apprezzare. 
esecràto, agg. Empio, immondo. ~ dissacrato. 
esecratòrio, agg. Relativo all'esecrazione. 
esecrazióne, sf. 1 L'esecrare o l'essere esecrato. 2 Imprecazione con cui gli antichi invitavano gli dei a danneggiare i propri nemici. 
esecutività, sf. La condizione di un atto che può essere fatto eseguire immediatamente. 
esecutìvo, agg. e sm. agg. 1 Operativo. ~ attuativo. atto esecutivo. 2 Con funzione di eseguire ciò che è stato deciso. potere esecutivo di uno stato. 3 Che permette di eseguire qualcosa. il progetto esecutivo di un ponte
sm. Segreteria. ~ direttivo. 
esecutóre, agg. e sm. (f.-trìce) agg. Che, chi esegue. 
sm. 1 Chi attua una decisione altrui. 2 Chi esegue una composizione musicale. 
esecutorietà, sf. L'essere esecutorio. 
esecutòrio, agg. Che da facoltà di eseguire o di far eseguire. 
esecuzióne, sf. 1 Attuazione, adempimento. ~ realizzazione. mettere in esecuzione, realizzare; esecuzione capitale, attuazione di una condanna a morte. 2 Interpretazione. l'esecuzione del pezzo musicale non fu delle migliori
esèdra, sf. 1 Nell'antica Roma era il portico a forma di emiciclo usato per intrattenersi e conversare. 2 Piazza o costruzione a pianta semicircolare. 
esegèsi, sf. Spiegazione, analisi critica. ~ commento. 
Esegesi dei luoghi comuni Saggio di L. Bloy (1902). 
esegèta, sm. e sf. (pl. m.-i) Esperto nell'esegesi. ~ critico. 
esegètica, sf. La dottrina dell'esegesi. 
esegètico, agg. (pl. m.-ci) Che si riferisce all'esegesi.