Home page
Essonne Dipartimento (1.085.000 ab.) della Francia, nell'Île-de-France. Capoluogo Èvry. 
essotèrico, agg. (pl. m.-ci) Si dice di una serie di discipline filosofiche destinate alla più ampia diffusione. 
essudatìvo, agg. Relativo a un processo morboso in cui vi è formazione di essudati. 
essudàto, sm. Il versamento che si produce per essudazione. 
essudazióne, sf. Nei processi infiammatori è il passaggio di sangue ed elementi cellulari negli spazi interstiziali dei tessuti o in determinate cavità. 
èst, sm. 1 Oriente. ~ levante. 2 Uno dei quattro punti cardinali e una delle intersezioni dell'orizzonte e del circolo verticale perpendicolare al meridiano atmosferico. È il punto cardinale dove si vede sorgere il Sole, in occasione dell'equinozio di primavera e autunno. <> ovest. 
Est Canale della Francia, che collega la Mosa, la Mosella e la Saona. 
est est est, loc. sost. m. invar. Nome di un famoso vino bianco prodotto a Bolsena e Montefiascone, in provincia di Viterbo. 
establishment, sm. invar. 1 Classe dirigente. 2 Sistema. 
estancia, sf. Azienda per l'allevamento del bestiame tipica dell'America meridionale. 
èstasi, sf. Ebbrezza, rapimento. ~ stupore. 
Estasi Film drammatico, cecoslovacco (1933). Regia di Gustav Machaty. Interpreti: Hedy Lamarr, Zvonimir Rogoz, Aribert Mog. Titolo originale: Extase 
estasiàre, v. v. tr. Affascinare, rapire. ~ incantare. <> angosciare, agghiacciare. 
v. rifl. Andare in estasi, in visibilio. ~ entusiasmarsi. 
estasiàrsi, v. intr. pron. 1 Andare in estasi. 2 Entusiasmarsi profondamente per qualcosa. ~ esaltarsi. 3 Ammirare smodatamente qualcosa o qualcuno. ~ incantarsi. 
estasiàto, agg. Colto da estasi, rapito d'ammirazione. 
estàte, sf. La stagione più calda dell'anno che incomincia il 21 giugno e termina il 23 settembre. 
Estate e fumo Dramma di T. Williams (1947). 
estàtico, agg. (pl. m.-ci) 1 Contemplativo. ~ rapito, incantato. 2 Incantato, rapito. ~ ammaliato. <> lucido, presente. 
Èste (comune) Comune in provincia di Padova (17.668 ab., CAP 35042, TEL. 0429). Centro agricolo (coltivazione di tabacco, barbabietole e cereali) e industriale (prodotti metalmeccanici, della ceramica, alimentari e conciari) alle pendici dei colli Euganei. Fondata durante l'età del ferro, passò ai veneti e quindi ai romani. Divenne feudo della famiglia da cui prese il nome e successivamente entrò a far parte della Repubblica di Venezia. Vi si trovano il palazzo Mocenigo, del XVI sec., con il Museo Nazionale Atesino, e il castello dei Da Carrara, costruito nel XIV sec. Gli abitanti sono detti Estensi
Este (famiglia) Famiglia principesca italiana, discendente da Adalberto degli Obertenghi, cosiddetta dal castello di Este. Esistevano vari rami, tra cui il folco estense, che governò Modena e Reggio con Obisso II e Ferrara con Azzo VII, e quello guelfo estense, con Guelfo duca di Baviera. Grazie a Ercole I, Alfonso I, Ercole II e Alfonso II Ferrara divenne una delle più splendide corti del rinascimento. Nel 1598 il ducato passò alla chiesa, mentre quello di Modena e Reggio proseguì con gli Asburgo Este (Francesco IV, Francesco V). 
Villa d'Este 
Villa fatta costruire a Tivoli nel 1550 ca. da Pirro Ligorio per il cardinale Ippolito II d'Este. È famosa per il suo giardino rinascimentale.