Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Accadimenti italiani sui quotidiani dell'epoca

  

Novità del sito: Generatore di password casuali

 

idroftàlmo, sm. Glaucoma infantile caratterizzato dall'aumento volumetrico del globo oculare. 
idròfugo, agg. (pl. m.-ghi) Che è o rende impermeabile. 
idrogenàre, v. tr. Sottoporre a idrogenazione. 
idrogenazióne, sf. Reazione chimica che si realizza introducendo idrogeno in un composto chimico. Durante questa operazione l'idrogeno può addizionarsi a composti non saturi con formazione di composti saturi (passaggio da olefina a paraffina); può sostituire l'ossigeno, gli alogeni, lo zolfo; può causare l'idrogenolisi (rottura di legami carbonio-carbonio). Di solito le reazioni di sintesi (ammoniaca da azoto e idrogeno, metanolo da ossido di carbonio e idrogeno) non vengono dette idrogenazioni. 
idrogenióne, sm. Altra denominazione dello ione idrogeno. 
idrògeno, sm. Elemento chimico di peso atomico 1,008, numero atomico 1 e simbolo H. È il più leggero dei gas, incolore, insapore, inodore e infiammabile. Poco solubile in acqua, molto diffusibile anche attraverso ceramica non verniciata, liquefà a-252,7 °C alla pressione di 12,8 atm. È l'elemento più abbondante dell'universo; sulla Terra però non si trova allo stato libero, ma è combinato con l'ossigeno sotto forma di acqua. È formato da molecole biatomiche molto stabili che solo a 2.500 °C ca. cominciano a dissociarsi in atomi liberi. Ha due isotopi, il deuterio e il trizio. La reazione nucleare di fusione di più atomi di idrogeno o dei suoi isotopi in nuclei d'elio è isotermica; avviene in natura nelle stelle e artificialmente è stata ottenuta nella bomba H. È usato in molte applicazioni: grandi quantità d'idrogeno s'impiegano per la sintesi dell'ammoniaca (per fissazione dell'azoto dell'aria), per l'idrogenazione di oli e di grassi, per la produzione dell'acido cloridrico e del metanolo e nei processi di idrodealchilazione e di deidrosolforazione. 
idrogenolìsi, sf. Rottura di un legame per azione dell'idrogeno. 
idrogeologìa, sf. (pl.-gìe) Branca dell'idrologia che studia le caratteristiche fisiche, biofisiche e chimiche delle acque al fine di regolarle. 
idrogeològico, agg. (pl. m.-ci) Relativo all'idrogeologia. 
idrogètto, sm. Apparecchio propulsore a reazione per imbarcazioni che genera una spinta in avanti mediante l'espulsione violenta di una massa d'acqua. 
idrografìa, sf. 1 Parte della geografia fisica che studia le acque terrestri. 2 Distribuzione delle acque di un territorio. 3 Rappresentazione cartografica delle acque di un territorio. 
idrogràfico, agg. (pl. m.-ci) Che concerne l'idrografia. 
idrògrafo, sm. Studioso di idrografia. 
Idròidi Ordine di Celenterati Idrozoi comprendente piccoli polipi che vivono isolati o in colonie. Di solito marini, sono specie di acqua dolci le idre e il genere Cordylophora. Gli Idroidi comprendono i sottordini dei Gimnoblastei (Atecati o Antomeduse) e dei Caliptoblastei (Tecati o Leptomeduse)). 
idrolàsi, sf. In biochimica, classe di enzimi che catalizzano la scissione idrolitica. 
idrolàto, sm. Medicamento liquido costituito da acqua nella quale sono diluiti principi medicamentosi volatili o stabili. 
idròlisi, sf. Scissione di una sostanza ottenuta per mezzo dell'acqua e con l'ausilio di catalizzatori enzimatici e di altra natura. Può essere intesa come il processo inverso della salificazione, nel quale si riformano acidi e basi oppure alcol e acido da un estere. 
idrolìtico, agg. (pl. m.-ci) Di idrolisi. 
idrolizzàto, agg. e sm. agg. Che ha subito l'idrolisi. 
sm. Nella locuzione idrolizzato proteico, un miscuglio di amminoacidi che si ottiene per idrolisi enzimatica o chimica delle proteine. 
idrologìa, sf. Studio delle caratteristiche chimiche e fisiche delle acque. 
<< indice >>