Home page
innestatóio, sm. Coltello per innestare. 
innestatóre, agg. e sm. (f.-trìce) Che, chi esegue innesti. 
innestatùra, sf. 1 L'operazione dell'innestare e il modo in cui si innesta. 2 Il punto dove è fatto l'innesto. 
innèsto, sm. 1 L'innestare, l'essere innestato. 2 Ciò che viene innestato. 3 La gemma o il ramo innestati. 4 Dispositivo che permette di collegare due organi meccanici, due circuiti ecc. 5 Trapianto medico. 6 Congiunzione, inserimento. ~ collegamento. 
innevaménto, sm. La presenza e la quantità di neve che si trova in un determinato luogo; le condizioni del manto nevoso. 
innevàre, v. v. tr. 1 Coprire di neve. 2 Imbiancare. 
v. intr. pron. Coprirsi di neve. 
innevàto, agg. Coperto di neve. 
Inni Opera di poesia di Alceo (VII-VI sec. a. C.). 
Inni 
Opera di poesia di Callimaco (III sec. a. C.). 
Inni 
Opera di poesia di P. de Ronsard (1555-1556). 
Inni alla notte Opera di poesia di Novalis (1800). 
Inni sacri Composizioni poetiche di A. Manzoni (1812-1822). Gli Inni sacri costituiscono la prima opera scritta dopo la conversione al cattolicesimo e l'esempio di una poesia nuova che affronta temi vivi nella coscienza contemporanea, popolare e cristiana. Il progetto concepito da Manzoni prevedeva la composizione di 12 inni che celebrassero le principali ricorrenze dell'anno liturgico. In realtà, ne compose solo cinque: La Resurrezione (1812), Il nome di Maria (1812-1813), Il Natale (1813), La Passione (1814-1815) e La Pentecoste, più volte rielaborato, pubblicato nel 1822. La poesia degli Inni sacri testimonia l'intensa partecipazione dell'autore e una grande originalità nell'ambito della poesia romantica. Pur contenendo pagine bellissime (tra tutti gli Inni, si cita La Pentecoste con la scintillante descrizione della discesa dello Spirito santo e del miracolo delle lingue) presenta visibili disuguaglianze. 
inning, sm. invar. Nel baseball, ciascuna delle nove riprese in cui è suddivisa la partita. 
ìnno, sm. 1 Componimento lirico di lode in onore di una divinità, di un santo, di un eroe. ~ carme. 2 Canto patriottico o marziale. ~ celebrazione. 3 Discorso o scritto di carattere laudativo o celebrativo. ~ lode. 
innocènte, agg., sm. e sf. agg. 1 Non colpevole. ~ incolpevole. <> colpevole. 2 Privo di malizia; ignaro, inesperto, semplice. ~ ingenuo. <> smaliziato. quelle parole innocenti lo fecero commuovere. 3 Che dimostra innocenza; casto. ~ candido. <> depravato. 4 Che non nuoce. sembrava un gioco innocente, in realtÓ presentava pericoli elevati. 
sm. e sf. 1 Chi è incolpevole. <> colpevole. 2 Bambino. ~ fanciullo. <> adulto. 3 Persona ingenua. ~ semplicione. 4 Orfanello. ~ trovatello. 
Innocente, L' Romanzo di G. D'Annunzio (1892). Protagonista è Tullio Hermil, marito di Giuliana, che lui tradisce regolarmente con un'amante. Interrotta la difficile relazione con l'amante, Tullio ritrova una breve pace coniugale. Viene però presto assalito dal dubbio che Giuliana lo tradisca con lo scrittore Filippo Arborio. Un trasferimento in campagna sembra riportare la serenità nella sua vita. L'improvvisa rivelazione che Giuliana aspetta un figlio da Filippo Arborio getta Tullio nell'angoscia. Egli sa di essere il colpevole del tradimento, ma non riesce ad accettare la situazione. Poiché ritiene che il bambino sia un ostacolo alla propria felicità, Tullio decide di uccidere l'innocente. Risultato agghiacciante dell'applicazione di una teoria perversa. Il protagonista non è che una nuova incarnazione della figura del superuomo, tema che si mescola al desiderio di rigenerazione e a una contorta analisi psicologica, di ispirazione dostoevskiana. 
innocenteménte, avv. In modo innocente; castamente, ingenuamente, puerilmente. ~ candidamente. 
Innocènti, Adriàna (Forlì 1926-) Attrice italiana. Capace interprete di teatro si è distinta in particolare ne Il gabbiano di Cechov (1984) e ne l'Erodiade di Testori (1984 e 1995). 
Innocènti, Ferdinàndo (Pescia 1891-Varese 1966) Fondatore nel 1933 dell'omonima società automobilistica. 
innocentìno, sm. Chi finge innocenza mascherando malizia. 
innocentìsta, sm. e sf. (pl. m.-i) Chi, relativamente a un processo, propende per l'innocenza dell'imputato. 
innocènza, sf. 1 L'essere innocente; purezza, ingenuità, candore, integrità. ~ semplicità. <> furbizia. 2 Non colpevolezza. ~ incolpevolezza. <> colpevolezza.