Home page
lacrimóso, agg. 1 Pieno di lacrime; spezzato. ~ rotto. 2 Che è causa di lacrime; patetico, commovente, strappalacrime. ~ struggente. 
lacrosse, sm. invar. Gioco a squadre molto diffuso in Canada derivante dall'irochese baggataway. La regolamentazione attuale risale agli inizi del 1800. 
lactobacillus, sm. invar. Genere di Batteri della famiglia Lactobacillaceae, il più rappresentativo, a cui appartengono circa quindici specie immobili, bastoncellari e non sporigene in grado di fermentare gli zuccheri formando acido lattico, solo o con altri prodotti secondari. 
lacuàle, agg. Relativo al lago. 
lacùna, sf. 1 Interruzione nella scrittura lasciato da uno spazio bianco. ~ spazio. 2 Cavità. 3 Vuoto, mancanza. ~ carenza. 
lacunàre, sm. e agg. sm. Soffitto in cui, l'intelaiatura dei travi, resa visibile, è usata come ornamento; cassettone. ~ riquadro. 
agg. In medicina, si dice lesione lacunare una condizione patologica di sostanze nervose in cui sono presenti lacune. 
lacunosaménte, avv. Con lacune. 
lacunosità, sf. Caratteristica di ciò che è lacunoso. 
lacunóso, agg. Pieno di lacune; carente, difettoso, incompleto. ~ incompiuto. <> esauriente. 
lacùstre, agg. Relativo ai laghi. 
Ladakh Distretto (105.000 ab.) dell'India, nello stato di Jammu e Kashmir. Capoluogo Leh. 
làdano, sm. Resina estratta dal Cistium ladaniferum e da specie affini che viene utilizzata in profumeria. 
laddóve, avv. e cong. avv. Dove, nel luogo in cui. 
cong. Mentre. 
ladìno, agg. e sm. agg. 1 Relativo alla regione ove si parla il ladino. 2 Facile. 3 Lubrico. 
sm. Gruppo dialettale neolatino. 
È presente in tre aree: l'area occidentale del cantone svizzero dei Grigioni, ove viene parlato il grigionese o romancio, l'area centrale (dolomitico) di alcune valli delle province di Bolzano, Trento e Belluno, ove è in forte calo, e l'area orientale del friulano comprendente Carnia e Friuli, che ha il maggior numero di parlanti. 
ladìno, agg. e sm. agg. 1 Relativo alla regione ove si parla il ladino. 2 Facile. 3 Lubrico. 
sm. Gruppo dialettale neolatino. 
È presente in tre aree: l'area occidentale del cantone svizzero dei Grigioni, ove viene parlato il grigionese o romancio, l'area centrale (dolomitico) di alcune valli delle province di Bolzano, Trento e Belluno, ove è in forte calo, e l'area orientale del friulano comprendente Carnia e Friuli, che ha il maggior numero di parlanti. 
Ladìspoli Comune in provincia di Roma (19.319 ab., CAP 00055, TEL. 06). Centro agricolo (coltivazione di carciofi) e turistico (balneazione). Venne fondata dal principe Ladislao Odescalchi. Gli abitanti sono detti Ladispolani
Làdoga Lago (18.400 km2) della Russia, al confine con la Finlandia, nella repubblica autonoma di Carelia. Il maggiore d'Europa per superficie. Situata a 4.000 m di altitudine, con una profondità massima di 220 m, ha come immissari i fiumi Volhov, Sjas, Ojat, Suir e come emissario il fiume Neva che sfocia nel mar Baltico presso il golfo di Finlandia. I principali porti sono Novaja Ladoga e Priozersk. Vi si pratica la pesca. 
ladrerìa, sf. Comportamento da ladri; furto, ladroneria, ladrocinio, truffa. ~ ruberia. 
ladrescaménte, avv. In modo ladresco. 
ladrésco, agg. (pl. m.-chi) Da ladro; furfantesco. ~ ladronesco.