Home page
lambiccàre, v. v. tr. 1 Distillare con l'alambicco. 2 Esaminare e ponderare per capire. 
v. rifl. Affannarsi per capire. ~ scervellarsi. 
lambiccàto, agg. Eccessivamente complicato; artificioso, studiato. ~ contorto. <> semplice. 
lambiccatùra, sf. Sottigliezza nel ragionare. 
lambiccatùra, sf. Sottigliezza nel ragionare. 
lambìre, v. tr. 1 Leccare leggermente. 2 Sfiorare. ~ rasentare. 3 Bagnare. 
lamblìa, sf. Genere di Flagellati parassiti dell'intestino di uomini e altri Mammiferi, appartenenti alla famiglia delle Octomitidacee. ~ giardia. 
Lamborghìni, Ferrùccio (Cento 1916-Perugia 1993) Industriale. Nel 1949 fondò l'omonima società a Cento (Ferrara). All'origine produttrice solo di bruciatori, trattori e simili, nel 1963 ampliò la produzione con la costruzione di automobili di lusso a Sant'Agata Bolognese. Dal 1987 è della Chrysler. 
Lambràte Quartiere industriale milanese posto alla destra del Lambro. 
lambrecchìno, sm. 1 Banda di stoffa pendente, a festoni, impreziosita con ghiande e frange, utilizzata dai tappezzieri per decorare i rideaux delle finestre e i cieli del letto. 2 In architettura, elemento frastagliato con cui si orna l'orlo delle tettoie per nascondere grondaie e doccioni. 
lambrétta, sf. Tipo di motoretta analoga alla Vespa. 
lambris, sm. invar. Rivestimento decorativo con cui venivano rivestiti i locali interni a partire dal rinascimento. 
Làmbro Fiume (130 km) della Lombardia. Nasce dal monte Forcella e confluisce nel Po. Percorre la Valassina, alimenta il lago di Pusiano e attraversa la Brianza (da Erba a Como). Principale affluente è il Lambro meridionale. 
Lambrùgo Comune in provincia di Como (2.079 ab., CAP 22045, TEL. 031). 
lambrùsca, sf. (pl.-che) Specie di vite e di uva. ~ Abrostine. 
Lambruschìni, Alessàndro (Fucecchio 1965-) Atleta italiano, specialista dei 3.000 m siepi. Medaglia d'oro ai campionati europei del 1994, ha vinto la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Atlanta del 1996. 
Lambruschìni, Raffaèllo (Genova 1788-Figline Valdarno 1873) Pedagogista. Dopo aver intrapreso la carriera ecclesiastica, la abbandonò per fondare a San Cerbone un istituto di educazione ove poter realizzare il suo progetto pedagogico, basato su di un rapporto di collaborazione tra alunno e insegnante e sulla valorizzazione delle capacità individuali. Fondò e diresse la rivista La guida dell'educatore (1836-1845). Deputato del regno e professore di pedagogia, ebbe l'incarico di sovrintendente dell'Istituto di studi superiori. Tra le sue opere, Della educazione (1849), Della istruzione (1871), Dell'autoritÓ e della libertÓ: pensieri di un solitario (postuma, 1932). 
lambrùsco, sm. (pl.-chi) Vino emiliano di colore rosso, frizzante, ricavato dal vitigno omonimo. 
lambswool, sm. invar. Lana di agnello inglese. 
lamé, sm. invar. Tessuto fabbricato con inserimento di sottili fili o lamine argentate o dorate. ~ laminato. 
lamèlla, sf. 1 Sottile lamina di qualsiasi materiale. 2 Sottile tessuto cellulare animale o vegetale.