Home page
mammùt, sm. invar. Mammifero proboscidato (Elephans primigenius) estintosi alla fine del Pleistocene. Simile all'elefante attuale, benché di statura più piccola (3 m ca. di altezza) era caratterizzato dalla folta lanugine e dalle lunghe zanne ricurve verso l'alto. Era diffuso in Europa, Asia e America settentrionale, anche se le ultime glaciazioni fecero sì che i mammut si spingessero verso sud. In Siberia sono stati ritrovati alcuni esemplari ibernati e perfettamente conservati. 
màmo, sm. Ruolo comico delle compagnie drammatiche del teatro italiano ottocentesco che rappresenta un giovane sciocco e ingenuo, spesso beffato, che però vuole apparire scaltro. 
Mamoiàda Comune in provincia di Nuoro (2.633 ab., CAP 08024, TEL. 0784). 
Mamoré Fiume (1.800 km) dell'America Meridionale. Nasce dalle Ande, in Bolivia e confluisce nel Beni. 
Mamoulian, Rouben (Tbilisi 1898-Woodland Hills 1987) Regista teatrale, cinematografico e televisivo statunitense. Diresse Amami stanotte (1932), Il dottor Jekyll (1932) e Sangue e arena (1941). 
Man (città) Città (51.000 ab.) della Costa d'Avorio, capoluogo del dipartimento omonimo (274.000 ab.). 
man (informatica), invar. In informatica è il nome di un comando del sistema operativo UNIX che permette di consultare i manuali in linea. 
Man (ìsola) Isola del mar d'Irlanda (588 km2, ca. 65.000 ab.), che non fa parte del Regno Unito, ma dipende direttamente dalla corona ed ha autonomia legislativa. 
Diffusa l'agricoltura con cereali, patate, l'allevamento e la pesca. Il turismo rappresenta una risorsa rilevante. 
Capoluogo è Douglas, frequentato centro balneare. 
man (zoologia), sm. invar. Originario dell'isola di Man, è un gatto dal pelo corto privo di coda. Caccia i topi con grande abilità. 
Man' yoshu Antologia di poesie di autori vari (VII-VIII sec.) della letteratura giapponese. È composta da 4.496 opere di 561 poeti diversi. 
mana, sm. invar. Vocabolo melanesiano e polinesiano che gli storici delle religioni usano per indicare una forza soprannaturale impersonale. 
Manabí Provincia (1.032.000 ab.) dell'Ecuador, nella regione della Costa. Capoluogo Portoviejo. 
manachìno, sm. Nome di tutti gli Uccelli Passeriformi della famiglia dei Pipridi. Originari dell'America centro meridionale, hanno un piumaggio morbido e, nei maschi, variopinto. Le specie più conosciute sono la Chiroxiphia caudata, o monachino dalla coda lunga. e il Manacus manacus, o monachino monaco. 
Manacòrda, Giórgio (Roma 1941-) Scrittore italiano, studioso e traduttore di letteratura tedesca. Tra le opere, di tono polemico, Iconografia (1974), Tracce (1977), L'esecutore (1981) e Per la poesia. Manifesto di un pensiero emotivo (1993). 
Manacòrda, Giuliàno (Roma 1919-) Critico letterario italiano. Di orientamento marxista, si è dedicato in particolare alla storia della letteratura del Novecento (1967, 1977, 1980, 1987). Tra glia altri lavori, Montale (1969), Vent'anni di pazienza (1972), Dalla Randa al Beretti (1972) e Lettere a Solaria (1979). 
Manado Città (275.000 ab.) dell'Indonesia, sulla penisola di Minahasa. Capoluogo della provincia di Celebes Settentrionale. 
management, sm. invar. Amministrazione, gestione. 
manager, sm. invar. 1 Amministratore, dirigente con funzioni imprenditoriali. ~ funzionario. 2 Chi cura gli interessi di pugili, cantanti, attori e simili. ~ agente, impresario, procuratore. 
manageriàle, agg. Relativo a, o da, manager. 
managerialità, sf. Il possesso di qualità manageriali.