Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

oriònidi Sciame di meteore il cui radiante cade nella costellazione di Orione; sono osservabili intorno al 20 ottobre. È associato alla cometa di Halley. 
Orissa Stato (155.782 km2, 26.370.000 ab., capitale Bhubaneswar) federato dell'Unione indiana. Confina a nord-est con il Bengala, a nord con il Bihar, a nord-ovest con il Madhya Pradesh, a sud con l'Andhra Pradesh e a est con il golfo del Bengala. Le principali risorse economiche sono costituite dall'agricoltura (riso, canna da zucchero, iuta), dalla pesca, dai giacimenti minerari (ferro, manganese, carbone, cromite). Sono presenti anche industrie metallurgiche, siderurgiche, cartarie, tessili, alimentari e del cemento. 
Oristàno Città (33.000 ab., CAP 09170, TEL. 0783) della Sardegna e capoluogo della provincia omonima. Le principali risorse economiche sono l'agricoltura, con coltivazioni di cereali e prodotti ortofrutticoli, l'artigianato (ricami, vasellame) e le industrie alimentari, chimiche, meccaniche, del legno, della carta. Fu fondata nell'VIII sec. e fu capitale del giudicato di Arborea dal XIII al XV sec. I principali monumenti sono la torre di San Cristoforo (XIII sec.), il duomo con il campanile (XIV sec.), le chiese di Santa Giusta (XII sec.) e San Francesco (1838). Interessante anche il museo archeologico Antiquarium Arborense. 
Provincia di Oristano 
(2.631 km2, 160.000 ab.) Fu istituita nel 1974 e comprende un territorio pianeggiante (Campidano) e uno collinare (Arborea). È attraversata dal fiume Tirso che sfocia nel golfo di Oristano, dopo aver formato il lago Omodeo. Presso la foce del Tirso si trovano gli stagni costieri di Cabras e di Santa Giusta. Le principali risorse economiche sono l'agricoltura, con le coltivazioni di cereali, olive, uva e ortaggi, l'allevamento ovino e caprino e la pesca. 
Golfo di Oristano 
Insenatura della Sardegna occidentale, fra capo San Marco e capo di Frasca. 
orittèropo, sm. Mammifero (Orycteropus afer) della famiglia degli Oritteropodi e dell'ordine dei Tubulidentati. Lungo 70 cm, è ricoperto di setole rade. Diffuso nelle foreste e nelle savane dell'Africa centromeridionale, si scava la tana con le sue robuste unghie. 
oriùndo, agg. e sm. Detto di chi è originario di un determinato luogo. ~ nativo. 
orizzontàle, agg. e sm. agg. 1 Relativo all'orizzonte. 2 Che è parallelo al piano dell'orizzonte. ~ disteso. <> verticale. 3 Relativo a oggetti, cose dello stesso piano, analoghi. associazioni sindacali orizzontali, sindacati diversi della stessa zona geografica. 
sm. Posto in posizione orizzontale. ~ disteso, sdraiato. 
orizzontalità, sf. L'essere orizzontale. 
orizzontalménte, avv. In situazione orizzontale. 
orizzontaménto, sm. 1 Orientamento rispetto ai punti cardinali. 2 Struttura edilizia con funzioni di copertura o di sostegno. 
orizzontàre, v. v. tr. 1 Mettere in una determinata posizione rispetto all'orizzonte. 2 Orientare. 
v. intr. pron. 1 Orientarsi. cercava di orizzontarsi facendo riferimento alle stelle. 2 Raccapezzarsi. non riusciva a orizzontarsi in mezzo a quella selva di conti
orizzónte, sm. 1 Linea apparente che separa il cielo dalla terra o dal mare. 2 Quadro complessivo. 3 Prospettiva. ~ panoramica. 
Orizzonte perduto Film fantastico, americano (1937). Regia di Frank Capra. Interpreti: Ronald Colman, Thomas Mitchell, Edward Everett Horton. Titolo originale: Lost Horizon 
Orizzonti di gloria Film drammatico, americano (1957). Regia di Stanley Kubrick. Interpreti: Kirk Douglas, Adolphe Menjou, Ralph Meeker. Titolo originale: Paths of Glory 
ORL Sigla di Otorinolaringoiatria. 
Orlàndi Malaspìna, Rìta (Bologna 1935-) Soprano italiano. Interprete particolare di Verdi e Puccini ha cantato nei teatri di tutto il mondo. 
Orlando (o Orlando furioso) Dramma in tre atti di A. Vivaldi, libretto di G. Braccioli (Venezia, 1727). 
Orlando 
Opera in tre atti di G. F. Händel, libretto anonimo (Londra, 1733). 
Orlando 
Film fantastico, britannico (1992). Regia di Sally Potter. Interpreti: Tilda Swinton, Billy Zane, Lothaire Bluteau. Titolo originale: Orlando 
Orlando furioso Poema in XLVI canti, in ottave, di L. Ariosto (1516-1532). L'opera riprende il poema Orlando innamorato interrotto da M. M. Boiardo. L'intreccio del poema si occupa delle vicende di numerosissimi personaggi (Le donne, i cavalier, l'arme, gli amori / le cortesie, le audaci imprese io canto), che vengono narrate in parallelo, troncandole e riprendendole successivamente. Ogni canto presenta una sorta di introduzione nella quale l'autore inserisce le sue considerazioni di carattere morale prendendo spunto dalle vicende raccontate. 
Le molteplici vicende e il loro vario incrociarsi non possono essere facilmente descritti; a scopo orientativo è utile ricordare i tre filoni narrativi principali: la guerra del moro Agramante contro Carlo Magno, che costituisce il nucleo centrale dell'intreccio al quale sono collegati in vario modo tutti gli altri avvenimenti narrati; l'amore di Orlando per la bella Angelica, il suo vano inseguimento della donna, la sua pazzia; le vicende di Ruggiero e Bradamante, che dopo innumerevoli peripezie, si sposeranno, dando origine al casato degli Este. 
L'inizio dell'azione vede Carlo Magno che affida Angelica a Namo di Baviera per evitare la disputa tra i suoi due innamorati, Orlando e Rinaldo. Angelica approfitta dello scontro armato per fuggire: la sua fuga si concluderà alla fine del canto XXIII con le nozze con Medoro, avvenimento che provocherà la pazzia di Orlando. Nel canto II iniziano le avventure di Bradamante che si concluderanno solo alla fine del poema (canto XLVI). 
Tra le tante vicende secondarie, si possono ricordare: quelle della buona maga Melissa, la quale fa conoscere a Bradamante tutta l'illustre discendenza che da lei deriverà; la maga Alcina, che tiene prigionieri diversi cavalieri tra cui Astolfo; quelle ambientate nel castello fatato e labirintico del mago Atlante sui Pirenei; l'episodio di Cloridano e Medoro con la loro drammatica sortita notturna; il viaggio di Astolfo con l'ippogrifo attraverso l'inferno, il paradiso terrestre e poi sulla luna dove recupera il senno di Orlando. 
Il tema principale del poema è stato individuato dai critici nella ricerca (una donna, un uomo o anche semplicemente un oggetto) che i vari personaggi indirizzano verso mete che continuano a sfuggire. La ricerca principale di Bradamante abbraccia tutta l'estensione dell'opera, concludendosi con la fine di essa. L'autore mantiene sempre un sorriso distaccato nei confronti dei suoi personaggi, che si agitano in iniziative spesso legate a illusioni, inganni o follie. 
Orlando innamorato Poema in 60 canti, in ottave, di M. M. Boiardo (1476-1494). Il punto dal quale muove tutta la vicenda del poema è la bella figlia del re del Cataio, Angelica, della quale sono innamorati tutti i cavalieri cristiani e saraceni. Ella sarà di chi vincerà lo scontro con il fratello di lei, Argalia. Angelica non è d'accordo e fugge, inseguita da Orlando e Ranaldo. Nella selva delle Ardenne interviene la magia delle fonti: a quella dell'amore beve Angelica che si innamora di Ranaldo, a quella dell'odio beve Ranaldo che inizia a odiare Angelica. Dopo varie vicende, si verifica ancora, invertita, la magia delle fonti, e Ranaldo, innamorato di Angelica, viene a contesa con Orlando. Interviene il re Carlo che promette la fanciulla al più valoroso nell'imminente battaglia con i saraceni. 
L'opera, diretta al pubblico delle corti (Signori e cavalier che ve adunati / per udir cose dilettose e nove), riprende poeticamente i temi cavallereschi introducendo elementi importanti di novità: la virtù come affermazione individuale dell'uomo e l'amore come edonismo e passione. La sua popolarità ha reso i nomi di due dei fieri cavalieri, Rodomonte e Gradasso, sinonimi spregiativi di autori di imprese incredibili. 
Orlando paladino Dramma in tre atti di F. J. Haydn, libretto di N. Porta (Eszterh´za, 1782). 
Orlàndo, Ruggèro (Verona 1907-Roma 1994) Giornalista italiano. Antifascista e partigiano nella Resistenza fu eletto deputato nel 1972 nelle file del PSI. Dopo aver collaborato con l'Eiar prima, passò alla RAI dove è stato uno dei più noti corrispondenti all'estero. 
agg. Relativo alla città di Orleans e ai suoi abitanti. 
sm. Abitante o nativo di Orleans. 
<< indice >>