Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: Quotidiani d'epoca consultabili online

  

Novità del sito: Quanto inquina la tua auto?

ovazióne, sf. 1 Trionfo tributato ai generali romani vittoriosi. 2 Acclamazione entusiastica. ~ plauso. 
óve, avv. e cong. avv. 1 Dove. 2 Quando, se mai. ~ se si desse il caso. 
cong. Purché. ~ se mai. 
over, sm. invar. Stile di nuoto eseguito sul fianco, usando un braccio e muovendo le gambe a rana. 
Overbeck, Friedrich (Lubecca 1789-Roma 1869) Pittore e incisore tedesco. Studiò a Vienna e si trasferì nel 1810 a Roma dove visse. Fondò il gruppo dei nazareni con i quali collaborò alla realizzazione degli affreschi con le Storie di San Giuseppe in Egitto (1816-1817) per il palazzo Zuccari e con le scene della Gerusalemme liberata (1819-1830). 
overdose, sf. invar. 1 Dose di droga eccessiva. 2 Quantità eccessiva. 
Sindrome da overdose 
Si verifica in conseguenza di un'intossicazione acuta per una somministrazione eccessiva di droga (in genere eroina, ma anche cocaina, anfetamine, farmaci come le benzodiazepine, barbiturici ecc.). È tipico riscontrarla nei soggetti tossicodipendenti, ma anche in soggetti altrimenti normali. Nell'overdose da oppiacei (eroina, morfina), in una fase precoce, il soggetto potrebbe presentare sintomi come sonnolenza o prurito. In seguito la situazione può evolvere con la presenza di miosi, depressione respiratoria fino all'arresto respiratorio, stato comatoso. 
L'overdose da cocaina può presentarsi con euforia, stato di allucinazione visiva, delirio, tachicardia, respiro accelerato, tremori ed evolvere verso uno stato di depressione respiratoria. 
Nell'overdose da anfetamine le manifestazioni sono abbastanza simili a quelle descritte per l'intossicazione acuta da cocaina. 
Nell'overdose da farmaci il quadro patologico può essere caratterizzato da sintomi rappresentati da disturbi visivi e della parola con rallentamento delle capacità di attenzione e di veglia, nausea e vomito, difficoltà a coordinare i movimenti, fino ad arrivare a uno stato di coma vero e proprio con grave depressione respiratoria, miosi pupillare, ipotensione, ipotermia e gravi compromissioni delle funzioni renali e polmonari. Come primo intervento occorre controllare le funzioni vitali della vittima (stato di coscienza, pervietà delle vie aeree, funzione circolatoria) e nel frattempo chiamare i mezzi di soccorso. 
Nel caso si dovesse soccorrere un soggetto che appare quasi con certezza dipendente da droghe come eroina, morfina ecc., sarà opportuno prevenire possibili rischi di infezioni (AIDS, epatite ecc.) durante eventuali manovre di rianimazione. A tale scopo sarebbe indicato, ove possibile, l'uso di apposite mascherine che consentono di evitare il contatto diretto con il soggetto. 
overdrive, sm. invar. Dispositivo applicato all'albero di trasmissione di un'automobile che, riducendo i giri del motore, consente di risparmiare carburante. 
overflow, sm. invar. Letteralmente significa fuoriuscita. In informatica indica che un'operazione aritmetica ha ecceduto la lunghezza massima del registro a disposizione. 
Overijssel Provincia (1.032.000 ab.) dei Paesi Bassi centro-orientali, al confine con la Germania. Capoluogo Zwolle. 
overlay, sm. invar. Letteralmente significa ricopertura. In informatica indica una tecnica di programmazione che carica nella stessa area di memoria diverse parti di un programma ogni volta che questo si rivela necessario. 
oversize, agg. invar. Che supera la misura normale. 
òvest, sm. invar. Uno dei quattro punti cardinali, in direzione del quale si vede il tramonto del Sole, in occasione dell'equinozio di primavera e di autunno; è anche una delle due intersezioni del circolo verticale, perpendicolare al meridiano astronomico, con l'orizzonte. ~ tramonto. <> est, levante, oriente. 
Òvest Provincia (969.000 ab.) del Camerun occidentale, capoluogo Bafoussam. 
ovibos, sm. invar. Genere di Mammiferi Ruminanti che hanno caratteristiche sia delle pecore che dei buoi, a cui appartiene il bue muschiato, caratteristico della tundra. 
O'vico Dramma di R. Viviani (1917). 
Ovìdio Nasóne, Pùblio (Sulmona 43 a. C.-Tomi 17 d. C.) Poeta latino. Fece parte dei circoli poetici di Messalla e Mecenate; fu esiliato a Tomi sulle rive del mar Nero da Augusto, per un imprecisato scandalo. Le opere giovanili di Ovidio trattavano argomenti erotici: i tre libri di elegie per Corinna Amores; le ventuno epistole di mitiche eroine ai loro amanti Heroides; i tre libri sull'arte dell'innamoramento Ars amatoria; oltre ai Remedia amoris, su come guarire dalla passione, e al Medicamina faciei foeminae, cento versi sull'arte della cosmesi. Nella maturità affrontò i temi della tradizione: i sei libri a illustrazione delle feste del calendario romano Fasti e i quindici libri sulla trasmutazione di esseri mitologici Metamorphoses. Nell'esilio le sue opere furono pervase dalla commiserazione e dalla rabbia per la propria condizione: i cinque libri di elegie Tristia; i quattro libri di epistolae Epistule ex Ponto e il poema invettiva Ibis, contro un avversario rimasto ignoto. Ovidio fu nel medioevo il classico più letto e imitato, insieme a Virgilio, e i poeti rinascimentali furono influenzati dalla sua poetica. 
ovidótto, sm. Canale che trasporta le uova dall'ovaia in un altro organo o anche all'esterno. 
Oviedo Città (192.000 ab.) della Spagna e capoluogo della regione autonoma delle Asturie. Si trova ai piedi del versante nord della cordigliera Cantabrica, in un importante bacino minerario con giacimenti di carbone e ferro. Le principali risorse economiche sono le industrie siderurgiche, metalmeccaniche, ceramiche, tessili, chimiche, del legno, del cemento e del cuoio. Si sviluppò intorno a un monastero benedettino nell'VIII sec. e dall'810 al 924 fu capitale del regno delle Asturie. Interessanti la cattedrale di stile gotico (1388-1528) e le basiliche di San Giuliano e di San Miguel de Lillo (XI sec.). 
ovifórme, agg. Avente la forma di uovo. 
ovìgero agg. Relativo ai bozzoli degli Insetti che vengono costruiti per proteggere le uova. 
sm. pl. Nei picnogonidi, il terzo paio di appendici del cefalotorace, sempre presente nel maschio e a volte assente nella femmina, che porta le uova in fase di sviluppo. 
Ovìglio Comune in provincia di Alessandria (1.312 ab., CAP 15026, TEL. 0131). 
<< indice >>