Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Primi esperimenti con la Carta d'Identità Elettronica (CIE)

  

Novità del sito: Primi esperimenti con la Carta d'Identità Elettronica (CIE)

 

pannònico, agg. (pl. m.-ci) Relativo alla Pannonia e ai suoi abitanti. 
Panofsky, Erwin (Hannover 1892-Princeton 1968) Storico e critico d'arte tedesco. Tra le opere Idea (1924) e Il significato delle arti visive (1955). 
panoftalmìte, o panoftalmìa, sf. Flemmone dell'occhio. Inizialmente colpisce l'uvea, quindi si estende a tutto il bulbo oculare. 
panoplìa, sf. 1 L'insieme delle varie parti che compongono un'armatura. 2 Trofeo dell'armatura di un guerriero. 
panoràma, sm. (pl.-i) 1 Ampia veduta di un paesaggio, generalmente dall'alto. quel panorama valeva la fatica della salita. 2 Esposizione sommaria, visione d'insieme. ~ scenario, vista. il panorama economico del dopoguerra era estremamente duro
Panoràma Settimanale di politica e cultura edito dall'editore Mondadori. Dall'inizio (1963) fino al 1967 è stato pubblicato con scadenza mensile. 
panoràmica, sf. 1 Ripresa fotografica di un panorama ampio e lontano. ~ carrellata, vista d'insieme. 2 Ripresa cinematografica effettuata spostando gradualmente la macchina da presa in senso laterale. 3 Strada panoramica. 4 Rassegna. visiṭ una panoramica sulla scultura contemporanea. 5 Radiografia della dentatura di un paziente. 
panoràmico, agg. (pl. m.-ci) 1 Relativo a panorama. 2 Che consente di vedere un panorama. una finestra panoramica sugli scogli attirava la sua attenzione. 3 Completo, esauriente. si imponeva a questo punto uno sguardo panoramico della situazione
panormìta, agg. (pl. m.-i) Riferito a Palermo. 
panòrpa, sf. Genere di Insetti mecotteri, con ali provviste di una ricca nervatura, grandi occhi composti e antenne sottili, i cui maschi hanno l'addome che termina in un lungo rostro. 
Panòrpidi Famiglia di Insetti mecotteri, comprendente il genere Panorpa, con addome che nelle femmine è ha gli ultimi segmenti che possono rientrare uno nell'altro e che nei maschi termina in una grossa pinza. 
panòttico, agg. (pl. m.-ci) In architettura, ambiente fabbricato mediante peculiari accorgimenti prospettici che lo rendano inquadrabile con una sola occhiata. 
panpepàto, sm. Dolce di farina impastata con miele, canditi, spezie, pepe e mandorle. 
panpsichìsmo, sm. Dottrina filosofica secondo la quale la materia è animata e può essere ricondotta a proprietà e ad attributi psichici. 
panromànzo, agg. Che è proprio di tutte le lingue romanze. 
Pànsa, Giampàolo (Casale Monferrato 1935-) Giornalista. Tra le opere Carte false (1986), Questi anni alla Fiat (intervista a Cesare Romiti, 1988). Negli ultimi anni ha pubblicato diversi romanzi: Ma l'amore no (1994), Siamo stati coś felici (1995), I nostri giorni proibiti (1996). 
pansé, sf. Adattamento di pensée. 
pansessualìsmo, sm. Uno dei modi in cui sono denominate le teorie psicanalitiche secondo le quali la base del comportamento umano è l'istinto umano. 
panslavìsmo, sm. Insieme dei movimenti e delle ideologie che avevano lo scopo finale di riunire le popolazioni slave. Da una parte, in Russia, il movimento assunse una connotazione decisamente reazionaria e si identificò con l'imperialismo zarista, mentre in altre zone, specialmente quelle europee dominate dagli austriaci, tendeva al raggiungimento di una maggiore indipendenza dei popoli slavi. 
panslavìsmo, sm. Insieme dei movimenti e delle ideologie che avevano lo scopo finale di riunire le popolazioni slave. Da una parte, in Russia, il movimento assunse una connotazione decisamente reazionaria e si identificò con l'imperialismo zarista, mentre in altre zone, specialmente quelle europee dominate dagli austriaci, tendeva al raggiungimento di una maggiore indipendenza dei popoli slavi. 
<< indice >>