Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)


Logo Blia.it

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

  

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

pantedésco, agg. Che riguarda tutti i tedeschi. 
panteìsmo, sm. Dottrina filosofico religiosa che identifica l'intero mondo con Dio; Dio è l'essenza e il mondo è una manifestazione dell'essenza divina. Diffusa in oriente, in alcune correnti induistiche, e in occidente (neoplatonici, naturalisti rinascimentali, B. Spinoza), a essa è contraria la religione cristiana, che invece professa la trascendenza di Dio rispetto al mondo materiale. 
panteìsta, sm. e sf. Chi segue il panteismo. 
panteìstico, agg. (pl. m.-ci) Relativo al panteismo. 
pantelìsmo, sm. Ogni concezione della volontà come fondamento metafisico. 
Pantellerìa Isola del mare Mediterraneo, appartenente alla provincia di Trapani, situata a circa 70 km dalle coste tunisine. Dominata dalla Montagna Grande (836 m) che sorge al centro dell'isola, è quasi completamente priva di acqua potabile. Tuttavia, grazie alla fertilità del suolo, vi si svolge una discreta attività agricola; sono inoltre presenti allevamenti di asini e pecore, ma l'economia si basa anche sul turismo e sulla pesca. I primi insediamenti risalgono al neolitico; fu poi colonizzata da fenici, greci e romani (di cui divenne colonia nel 217 a. C.), quindi fu occupata da vandali, bizantini, arabi e, infine, normanni. 
Pantelleria 
Comune in provincia di Trapani (7.484 ab., CAP 91017, TEL. 0923). 
Pantèna Valle dei monti Lessini, in provincia di Verona, attraversata dal torrente Progno. 
Pantèna Valle dei monti Lessini, in provincia di Verona, attraversata dal torrente Progno. 
pantèra, sf. 1 Nome indicante alcuni Felidi. 2 Automobile molto veloce del pronto intervento della polizia. 
Pantèra Ròsa Nome italiano del cartone animato Pink Panther. Creato da Friz Freleng per la sequenza dei titoli di testa del film La pantera rosa (1964), del regista inglese Blake Edwards, accompagnato dal caratteristico tema musicale di henry Mancini, riscosse un successo tale da spingere l'autore alla produzione di una serie di cortometraggi con la pantera rosa come agente segreto (Pinkfinger) o in un'ambientazione di cultura giovanile (Psychedelic Pink), musicale (Pink, plunk, plink) o surreale (Pink punch). Quando Edward diresse l'anno successivo il seguito del film, L'ispettore Clouzot, venne prodotta una serie di cartoni animati intitolata L'ispettore, con la pantera rosa nei panni di un ispettore un po' pasticcione. 
Pantera rosa colpisce ancora, La Film commedia, britannico (1974). Regia di Blake Edwards. Interpreti: Peter Sellers, Christopher Plummer, Catherine Schell. Titolo originale: The Return of the Pink Panther 
Pantera rosa sfida l'ispettore Clouseau, La Film giallo-rosa, britannico (1976). Regia di Blake Edwards. Interpreti: Peter Sellers, Herbert Lom, Colin Blakely. Titolo originale: The Pink Panther Strikes Again 
pantésco, agg. e sm. agg. Relativo o appartenente all'isola di Pantelleria. 
sm. Abitante dell'isola di Pantelleria. 
pantésco, agg. e sm. agg. Relativo o appartenente all'isola di Pantelleria. 
sm. Abitante dell'isola di Pantelleria. 
pàntheon, sm. 1 Attualmente vengono così definiti gli edifici in cui vengono sepolte le personalità più illustri di una nazione. 2 Complesso delle divinità adorate nelle religioni politeistiche. 
Nell'antichità è un tempio consacrato a tutti gli dei. Il più noto è quello di Roma, la cui storia si dipana nei secoli. Le sue origini risalgono al 27 a. C. quando Marco Agrippa, genero di Augusto, lo costruì come luogo di culto dedicato a tutti gli dei. Un incendio lo compromise in parte nell'80 d. C., ma solo nel 118 d. C. Adriano lo ricostruì. Nel 609 d. C. papa Bonifacio IV lo ebbe in dono dall'allora imperatore di Bisanzio Foca e decise di consacrarlo come chiesa di Santa Maria ai Martiri. In seguito, il Pantheon sopportò parecchie trasformazioni e spoliazioni: nel 663, in occasione della visita dell'imperatore di Bisanzio Costantino II, il Pantheon perdette le sue tegole dorate che furono portate a Costantinopoli. Durante l'esilio dei papi ad Avignone, all'inizio del XIV sec., il Pantheon venne fortificato e nel 1632 papa Urbano VIII fece utilizzare il bronzo del portico per il baldacchino in San Pietro, opera del Bernini; quest'ultimo aggiunse in quell'epoca due torrette al Pantheon. Esse però mal si collocavano vicino alla cupola e dietro il porticato, quindi furono soppresse nel 1883. Considerato uno dei più significativi monumenti di Roma, lo stesso Stendhal lo giudicò quanto di pił perfetto dell'architettura romana. Il pronao a base rettangolare è posto sul lato anteriore ed è ornato da colonne che reggono un frontone, recante iscrizioni che citano Marco Agrippa e i restauri di Caracalla. Il pronao si fonda sui resti dell'antico tempio di Agrippa e nasconde all'esterno la meravigliosa cupola, dalle proporzioni perfette: diametro e altezza sono uguali a 43,3 m. Nonostante le dimensioni, il progetto architettonico è perfettamente realizzato e il peso della cupola si ripartisce su otto archi interni che poggiano su pilastri. I muri del tamburo sono spessi fino a sei m. Il soffitto è ornato da cassettoni di legno e al centro vi è l'unica apertura verso l'esterno (ocullus), di nove metri di diametro, che fa filtrare la luce. Il pavimento reca disegni romani originali, restaurati alla fine del XIX sec. All'interno, nelle nicchie trovano posto le tombe di Vittorio Emanuele II (completata nel 1888) e di Raffaello Sanzio, morto nel 1520. Il sarcofago è posto sotto la scultura della Madonna del Lorenzetto (1524) e porta un'iscrizione del poeta Pietro Bembo: Qui giace quel Raffaello, dal quale, vivo, la gran madre di tutte le cose, la natura, temette di essere vinta e, lui morto, di morire
Pantigliàte Comune in provincia di Milano (4.872 ab., CAP 20090, TEL. 02). 
pantoclastìa, sf. L'impulso morboso alla distruzione che caratterizza le crisi isteriche e maniacali. 
pantocratóre, sm. Immagine iconografica rappresentante un Cristo che benedice. Si trova soprattutto nell'arte bizantina del X sec. 
pantofobìa, sf. Fobia generalizzata in cui l'oggetto dell'angoscia cambia a seconda delle situazioni. 
pantòfola, sf. Calzatura da casa di vario materiale. ~ babbuccia, ciabatta, pianella. 
<< indice >>