Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Generatore di password casuali

  

Novità del sito: Generatore di password casuali

 

paperback, sm. invar. Libro economico, spesso tascabile, reperibile anche nelle edicole. 
Paperìno Nome italiano di Donald Duck, personaggio di cartoni animati e fumetti creato da W. Disney che rappresenta un papero irascibile e sfortunato, succube del ricco zio Paperone. 
pàpero, sm. Oca giovane. 
Camminare come un papero 
Camminare tenendo i piedi rivolti verso l'esterno. 
papésco, sm. (pl.-chi) Del papa, detto in senso spregiativo. 
papèssa, sf. 1 Donna che secondo la leggenda, fu elevata al papato. 2 Donna che vive nell'agiatezza. 
Pàpi, Giusèppe Ùgo (Capua 893-Roma 1989) Economista italiano. Si occupò di politica economica e finanziaria. Scrisse, tra l'altro, Variazioni di costo e sviluppo dei cicli economici (1929) e Teoria della condotta economica dello Stato (1956). 
papiaménto, sm. Lingua creola parlata nelle Antille olandesi. 
Papilionàcee Famiglia di pianti Dicotiledoni, erbacee o legnose, appartenente all'ordine delle Rosali, comprendente circa cinquecento generi e diecimila specie. Le papilionacee hanno fiori a corolla papilionacea e foglie per lo più composte. Vi appartengono i legumi (fagioli, piselli, fave ecc.), numerose piante medicinali o velenose e diverse foraggere (trifogli, erba medica ecc.). 
papilionàceo, agg. Di corolla, dipetala e zigomorfa, con fiori di forma simile a quella di una farfalla. 
Papiliònidi Famiglia di Insetti Lepidotteri eteroneuri a cui appartengono farfalle con grandi ali dai colori variopinti e antenne corte. 
papìlla, sf. Nome che indica strutture anatomiche sporgenti di piccole dimensioni. 
papillàre, agg. Relativo a papilla. 
papillon, sm. invar. Cravatta con nodo a forma di farfalla. ~ cravattino, farfallino. 
Papin, Denis (Blois 1647-Londra 1714) Fisico e medico francese. Tentando di applicare il vapore a una macchina a pistone inventò l'autoclave
Papìni, Giovànni (Firenze 1881-1956) Scrittore protagonista del movimento futurista, fondatore della rivista Il Leonardo assieme a G. Prezzolini (1903); fondò poi la rivista Lacerba con A. Soffici (1913). Nel 1907 pubblicò Il crepuscolo dei filosofi, nel 1912 Un uomo finito e Parole e sangue, nel 1915 Cento pagine di poesia; in seguito abbracciò la fede cattolica e a quest'ultimo periodo appartengono Storia di Cristo (1921), La felicitÓ dell'infelice (1956), Diario (pubblicato postumo nel 1962). 
papiràceo, agg. Relativo a papiro. 
papìro, sm. Angiosperma (Cyperus papyrus) della famiglia delle Ciperacee e dell'ordine delle Ciperali. Pianta erbacea, cresce spontanea in Siria, in Palestina, nell'Africa tropicale e in Sicilia mentre, nell'Egitto, lungo le sponde del Nilo e nelle paludi del suo delta, dove anticamente era diffusa, è oggi scomparsa. Ha il fusto nudo, a sezione triangolare verso la punta, manca di vere foglie e ha un'infiorescenza sotto la quale si trovano brattee simili a foglie. Anticamente utilizzato per molteplici impieghi, come nell'edilizia e nell'abbigliamento, ma soprattutto, in Egitto, come materiale su cui scrivere. Per fabbricare i fogli di papiro, secondo anche la testimonianza di Plinio il Vecchio, si estraeva il midollo dalla corteccia tagliandolo in pezzi di circa 40 cm che venivano a loro volta tagliati in sottili filamenti successivamente battuti, pressati e lisciati e infine ritagliati; il colore era bianco e la qualità più pregiata aveva fibre più larghe. Fin dal I sec. d. C., i fogli di papiro, erano legati uno di seguito all'altro (normalmente una ventina) a formare un rotolo. Si scriveva con un giunco, la cui punta, dopo essere stata macerata, diventava come un sottile pennello; l'inchiostro (nerofumo o ocra rossa) era una soluzione gommosa e veniva conservato allo stato solido. Nel VI sec. a. C., il papiro passò dall'Egitto ai greci che lo diffusero in tutto il mondo classico. ~ pergamena, documento. 
papirologìa, sf. Disciplina scientifica che si occupa dello studio e dell'interpretazione degli antichi papiri; i papiri più antichi risalgono al periodo egizio, ma la maggior parte sono greci e latini (ci sono anche papiri in altre lingue, come l'aramaico o il copto). Fino a questo momento i documenti recuperati ed esaminati sono circa 3.000, di vario argomento, dalla letteratura alle documentazioni giuridiche, pubbliche o private. 
papiròlogo, sm. (pl.-gi) Studioso di papirologia. 
papìsmo, sm. 1 Insieme delle istituzioni e delle dottrine cattoliche che riconoscono l'autorità del papa. 2 L'insieme dei papisti. 
<< indice >>