Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Bitcoin, blockchain e ... Libra

  

Novità del sito: Accadimenti italiani sui quotidiani dell'epoca

 

pecétta, sf. 1 Brandello di stoffa per riparare uno strappo.2 Benda. ~ cerotto. 
Pecétto di Valénza Comune in provincia di Alessandria (1.249 ab., CAP 15040, TEL. 0131). 
Pecétto Torinése Comune in provincia di Torino (3.438 ab., CAP 10020, TEL. 011). 
pechblenda, sf. Minerale da cui si estraggono l'uranio e il radio. 
pechinése, agg. e sm. agg. Relativo a Pechino. 
sm. Originario della Cina, è un cane da compagnia dal temperamento affettuoso. Presenta un pelo lungo di diverse varietà di colore. 
Pechìno Capitale della Cina (6.800.000 ab., raggiunge gli 11.000.000 di abitanti considerando tutto l'agglomerato urbano), capoluogo della Regione del Nord, situata al bordo della pianura cinese, un centinaio di chilometri a nord del porto di Tianjin sul mar Giallo. Pechino è la città principale della Cina, sia in campo amministrativo e politico, sia per quanto concerne l'attività culturale, con la presenza di diverse università, istituti accademici e scientifici, musei, teatri e biblioteche. La città è divisa in due parti: la città tartara, con tre zone distinte racchiuse da mura una dentro l'altra (città proibita, imperiale ed esterna), e a sud la città cinese, a forma di rettangolo molto allungato. Anche l'economia vede la città ai vertici nazionali, sia del commercio sia dell'industria (in diversi settori, fra cui quello siderurgico, chimico, vetrario, petrolchimico, dell'abbigliamento, editoriale e cinematografico), sia dell'artigianato (orafo, dei mobili, di lacche e avorio, di rame e giada). Ricca di monumenti, è tuttora presente il palazzo imperiale edificato durante la dinastia dei Ming, racchiuso entro le mura della città proibita o purpurea, oltre a vari templi (della Terra, della Luna, del Sole, del Cielo, dell'Agricoltura, di Confucio) e a edifici situati nelle zone periferiche. Notevoli sono il palazzo d'Estate e le tombe dei Ming. L'insediamento originale risale al V sec. a. C. (Ch'i) e, dopo una distruzione subita nel III sec., diventò la principale città dello stato Yan (con il nome di Yanjing) nel periodo che va dal 440 al 220 a. C. Mantenne il suo predominio anche dopo la creazione dell'impero Qin (221 a. C.). Divenne poi la capitale meridionale del regno dei Liao (con il nome di Nanjing o capitale del Sud, nel X sec.). In seguito fu sotto il dominio dei mongoli (Gengis Khan la distrusse nel 1215), che con Qubilay la ribattezzarono Khanbalik (nel XIII sec.). Sotto la dinastia Yuan (1269-1368) la città si ampliò ulteriormente e sotto la dinastia Ming (1368-1644) assunse il nome di Beiping (pace del Nord) in quanto la capitale fu trasferita a Nanchino: tornò a essere capitale solo nel 1421, ribattezzata con il nome di Peking (Beijing, capitale del Nord). Sede preferita della dinastia Manciù (1644-1911), ha subito un grande declino in concomitanza di un altro trasferimento di capitale a Nanchino. Nel 1900 ci fu la rivolta dei Boxers e la città fu occupata da truppe internazionali. Dopo l'occupazione giapponese (1937) e la liberazione alla fine della seconda guerra mondiale, la città è divenuta capitale della Repubblica popolare cinese nel 1949, riacquistando il suo ruolo di egemonia. 
Pechstein, Max (Zwickau 1881-Berlino 1955) Pittore tedesco. Studiò a Dresda; insegnò a Berlino dal 1923 al 1933 e, dopo la parentesi nazista, dal 1945. Aderì al gruppo espressionista Die Brücke, ma in seguito si avvicinò ai fauves e fu tra i promotori della Secessione berlinese. Tra le opere Barca di pescatori (1913, Berlino, Brücke-Museum) e Due ragazze sulla spiaggia (1920, Hannover, Sprengel Museum). 
pècia, sf. Ciascuno dei fogli piegati in quattro che componevano i fascicoli dei libri medievali. 
peciàrio, sm. Addetto medievale che aveva in cura il deposito dei manoscritti con possibilità di darli in prestito o venderli a docenti e studenti. 
pecìle, agg. e sm. Antico portico greco adornato con pitture. 
Pecilìidi Famiglia di Pesci ciprinodontiformi di piccole dimensioni con elevato dimorfismo sessuale. 
Peck, Gregory (La Jolla 1916) Attore cinematografico statunitense, ha interpretato molti film nei generi tipici hollywoodiani, fra i quali Le chiavi del paradiso (1944), Io ti salverò (1945), Duello al sole (1946), Le avventure del capitano Hornblower (1951), Vacanze romane (1953), L'uomo dal vestito grigio (1956), Moby Dick, la balena bianca (1956), Il buio oltre la siepe (1963, con cui vinse il premio Oscar come miglior attore), Il presagio (1976), I ragazzi venuti dal Brasile (1978), Old gringo (1988). 
Peckinpah, Sam (Fresno 1926-Iglewood 1984) Regista cinematografico statunitense. Diresse Sfida nell'Alta Sierra (1962), La ballata di Cable Hogue (1970), Cane di paglia (1971), Pat Garrett e Billy Kid (1973), Convoy (1978) e Osterman Weekend (1983). 
Pecora Fiume (1.809 km) della Russia nordoccidentale. Nasce dai monti Urali e sfocia nel mare di Barents, nella baia di Pecora. I suoi principali affluenti sono l'Ilie, l'Izma e il Sula. Bagna la città omonima ed è navigabile solo nella stagione estiva. 
Pecora, mare della 
Settore del mare di Barents, compreso tra la costa settentrionale russa a sud, le isole Vajgac, Novaja Zemlja a nord-est e Kolgujev a ovest. 
pécora, sf. Mammifero (Ovis aries) ruminante del genere degli Ovis, appartenente alla famiglia dei Bovidi (sottofamiglia Caprini). Questo animale è stato addomesticato dall'uomo in epoca preistorica ed è attualmente diffuso in tutto il mondo, con molte razze diverse. Le caratteristiche principali sono un corpo di medie dimensioni, coperto dal vello; il vello viene utilizzato per la produzione della lana. Le pecore vengono allevate preferibilmente al pascolo. 
pecoràggine, sf. Il comportarsi come una pecora, in modo sottomesso. 
pecoràio, sm. Pastore di pecore. 
pecoràme, sm. Quantità di pecore. 
Pecoràra Comune in provincia di Piacenza (1.086 ab., CAP 29010, TEL. 0523). 
pecoréccio, agg. Relativo alle pecore. 
<< indice >>