Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Primi esperimenti con la Carta d'Identità Elettronica (CIE)

  

Novità del sito: Bitcoin, blockchain e ... Libra

 

piacentìno agg. Relativo a Piacenza e ai suoi abitanti. 
sm. 1 Abitante o nativo di Piacenza. 2 Denominazione di tutta la regione di Piacenza. 
Piacènza Città (103.000 ab., CAP 29100, TEL. 0523) capoluogo di provincia dell'Emilia-Romagna, situata sulla riva destra del Po. Zona abitata già in tempi preistorici, fu colonia romana dal 218 a. C., con il nome di Placentia; in seguito passò sotto il dominio di goti, bizantini, longobardi e franchi. Nell'XI sec. divenne libero comune e aderì, con la lega lombarda, alla lotta contro Barbarossa. In seguito passò alle signorie di Visconti e Sforza (fra il XIV e il XV sec.) e poi alla chiesa. Nel 1545 entrò a far parte del ducato di Parma e Piacenza. Infine, nel 1860 entrò nel regno di Sardegna. La città è un importante centro per il commercio dei prodotti agricoli e dell'allevamento, con attività industriali diversificate (settore alimentare, tessile, chimico, cartario ecc.). Le chiese e i monumenti principali sono Sant'Antonino (XI sec.), la chiesa della Madonna della Campagna (1528), il palazzo del Comune (1281), il palazzo Farnese (1558), le statue equestri dei Farnese (1620). 
Provincia di Piacenza 
(2.589 km2, 270.000 ab.) Il territorio si estende dal Po alla formazione montano-collinare dell'Appennino Piacentino. L'agricoltura è quella tipica della pianura padana (frumento e mais) e della collina (vite). Praticato l'allevamento, soprattutto quello suino (salumi). Sono presenti industrie chimiche, alimentari e tessili. 
Piacènza d'Àdige Comune in provincia di Padova (1.503 ab., CAP 35040, TEL. 0425). 
piacére, sm. e v. sm. 1 Soddisfazione dei sensi o dell'animo. avvertiva un sottile piacere intellettuale in quelle sfide. 2 Divertimento. ~ spasso, svago. 3 Desiderio, volontà. 4 Cortesia. ~ favore. <> dispetto. gli chiedeva solo quel piacere e niente altro
v. intr. 1 Produrre buona impressione. ~ deliziare, dilettare. <> disgustare, nauseare. 2 Sembrare conveniente, giusto. 
Piacere dell'onestà, Il Dramma di L. Pirandello (1917). 
Piacere, Il Romanzo di G. D'Annunzio (1889). Ambientato a Roma, il libro ha per protagonista il conte Andrea Sperelli, un esteta simile al Dorian Gray descritto da Oscar Wilde, convinto che occorra fare della propria vita un'opera d'arte. Poeta, pittore e musicista dilettante, proveniente da una famiglia di artisti, Andrea è diviso tra due immagini femminili: Elena Muti, la donna fatale, e Maria Ferres, la donna pura. In realtà l'esteta cerca in quest'ultima una sostituta di Elena. Finirà per tradirsi. Abbandonato da Maria resterà solo. Il protagonista possiede alcuni tratti dello stesso autore come la ricerca della mondanità e dell'erotismo, perciò la crisi di Andrea rappresenta la crisi mediata dall'estetismo di D'Annunzio. 
Piacere, Il<***> 
Film commedia, francese (1951). Regia di Max Ophüls. Interpreti: Claude Dauphin, Gaby Morlay, Madeleine Renaud. Titolo originale: Le plaisir<***> 
piacévole, agg. Che può piacere, capace di attrarre. ~ desiderabile, gradevole. <> spiacevole, disgustoso. 
piacevolézza, sf. L'essere piacevole. 
Piacevoli e ridicolose semplicità di Bertoldino, figliuolo del già astuto Bertoldo, Le Racconto di G. C. Croce (1608). 
Piacevoli notti, Le Novella di G. F. Straparola (1550-1553). 
piaciménto, sm. Gradimento, volontà. 
piàda, sf. Sottile focaccia azzima tipica della Romagna. 
Piàdena Comune in provincia di Cremona (3.623 ab., CAP 26034, TEL. 0375). 
piadìna, sf. Piada. 
Piaf, Edith (Parigi 1915-1963) Cantante francese. Nome d'arte di Giovanna Gassion, esordì nel 1936, ma divenne famosa solamente nel dopoguerra. Memorabili furono le sue interpretazioni di La vie en rose, Un monsieur me suit dans la rue. Lasciò le sue memorie nel libro Au bal de la Change (1958). 
piàga, sf. Lesione della della cute o di una mucosa, per malattia o ferita, difficilmente guaribile. ~ ferita, fistola, lesione. 
piagàre, v. tr. Coprire di piaghe. 
Piaget, Jean (Neuchâtel 1896-Ginevra 1980) Psicologo svizzero, proseguendo l'opera di E. Claparède a Ginevra, si dedicò con particolare attenzione ai problemi epistemologici, affermando che lo sviluppo mentale può essere nettamente suddiviso in varie fasi, ben individuabili. Fra le sue opere, La rappresentazione del mondo nel fanciullo (1936), Psicologia dell'intelligenza (1947), Introduzione all'epistemologia genetica (1950), Il comportamento motore dell'evoluzione (1976). 
Piàgge Comune in provincia di Pesaro (990 ab., CAP 61030, TEL. 0721). 
piaggerìa, sf. 1 Il piaggiare. 2 Atto o detto di chi adula. ~ servilismo. 
<< indice >>