Home page
archimandrìta, sm. Capo di un ordine religioso o di un monastero di rito cristiano orientale. 
Archimède (Siracusa 287-212 a. C.) Matematico e fisico greco. Ad Archimede si devono importanti contributi, come il calcolo del p e lo studio della rappresentazione dei numeri e della geometria infinitesimale. Studiò la geometria, con il calcolo di aree e volumi di solidi di rotazione. In meccanica, inventò la vite senza fine, la carrucola mobile e le ruote dentate. Sempre ad Archimede si devono gli studi che gettarono le basi dell'idrostatica, con il suo Trattato dei corpi galleggianti. Famoso l'aneddoto secondo il quale, scoprendo durante il bagno il principio sui corpi immersi nei fluidi che da lui prende il nome, cominciò a correre nudo per le vie gridando Eureka! (Ho trovato!). Durante l'attacco di Roma a Siracusa fece costruire catapulte e leggendarie macchine da guerra dotate di una sistema di specchi ustori, con i quali poteva incendiare le navi nemiche. Quando i romani occuparono la città, nonostante l'ordine di Marcello di risparmiare lo scienziato, Archimede fu ucciso per sbaglio da un soldato (212 a. C.). 
Principio di Archimede 
Principio di idrostatica secondo il quale ogni corpo immerso in un liquido riceve una spinta diretta dal basso verso l'alto uguale al peso del liquido spostato. L'interpretazione di questo principio da parte della fluidodinamica permette di spiegare sia il moto ascensionale in un fluido di un corpo con densità inferiore a quella del fluido stesso, sia la corrispondente condizione di equilibrio. In particolare, il galleggiamento di un corpo in un fluido allo stato liquido si ottiene quando il peso della frazione di fluido spostato equivale al peso del corpo stesso o della sua parte immersa. 
Postulato di Archimede 
Dati tre punti A, B e C, allineati in modo che B sia compreso tra A e C, esiste sempre un multiplo del segmento AB che comprenda tra i suoi estremi anche il punto C. 
Spirale di Archimede 
Insieme di punti che si ottiene su di un piano sommando il movimento uniforme di un punto su una semiretta e la rotazione uniforme della semiretta stessa attorno alla sua origine. 
archipèndolo, sm. Squadra a bracci uguali dal cui vertice pende un filo a piombo, serve a verificare l'orizzontalità di un piano. 
Archipenko, Aleksandr (Kiev 1887-New York 1964) Scultore russo. Tra le opere Carrousel Pierrot (1913, New York, Solomon R. Guggenheim Museum), Medrano e Incontro di pugilato (1914, New York, Solomon R. Guggenheim Museum). 
architettàre, v. tr. 1 Ideare un progetto. ~ creare. 2 Macchinare, ordire. ~ tramare. <> sventare. 
architétto, sm. 1 Chi progetta costruzioni. 2 Ideatore. ~ costruttore. 3 Artefice. ~ autore. 
architettonicaménte, avv. Dal punto di vista architettonico. 
architettònico, agg. 1 Proprio dell'architettura. 2 Armonicamente strutturato. 
architettùra, sf. 1 Arte e tecnica del progettare e realizzare edifici. 2 Complesso di opere architettoniche di un periodo. ~ edificio. 
Architettura, L' Opera di architettura di L. B. Alberti (1452). 
architravàto, agg. Munito di architrave. 
architràve, sm. Trave orizzontale sostenuta da pilastri. 
Archivi del Nord Autobiografia di M. Yourcenar contenuta nell'opera Il labirinto del mondo (1977). 
archiviàre, v. tr. 1 Porre in archivio. ~ schedare. archiviare una pratica. 2 Mettere da parte, abbandonare. ~ accantonare. 
archiviazióne, sf. L'archiviare, l'essere archiviato. 
archìvio, sm. 1 Raccolta di documenti pubblici o privati; il luogo ove viene conservata tale raccolta. 2 Insieme di informazioni memorizzate. 
archivìsta, sm. e sf. Funzionario addetto all'amministrazione o alla conservazione di un archivio. 
archivìstica, sf. Il complesso delle norme per la sistemazione e il funzionamento degli archivi. 
archivìstico, agg. Che riguarda il funzionamento degli archivi. 
archivòlto, sm. Fascia decorativa tendente a sottolineare, esteticamente, il valore di un arco.