Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Accadimenti italiani sui quotidiani dell'epoca

  

Novità del sito: Generatore di password casuali

 

Po È il maggiore fiume d'Italia, con una lunghezza di 652 km. Il Po nasce dal Monviso, cima delle Alpi Cozie, a Pian del Re (2.020 m); attraversa poi tutta la pianura padana (così chiamata dal nome latino del fiume, Padus) per andare a gettarsi nel mare Adriatico formando un delta molto esteso, a sud di Venezia, e dividendosi in una moltitudine di canali: Po di Levante, Po Grande, Po di Goro, Po di Volano. La pianura padana è di tipo alluvionale e cioè si è formata grazie agli apporti di materiale da parte del Po e dei suoi numerosi affluenti: Dora Riparia, Stura di Lanzo, Dora Baltea, Sesia, Ticino, Adda, Oglio, Mincio (dalla sinistra) e Tanaro, Scrivia, Staffora, Taro, Secchia, Panaro (dalla destra). Nella sua seconda parte (dopo la confluenza con il Ticino a Pavia) il fiume è navigabile. Attivi porti fluviali sono Piacenza, Cremona, Borgoforte e Ostiglia. I sedimenti trasportati dal fiume in gran quantità hanno provocato l'innalzamento del suo letto che, nell'ultimo tratto, risulta più elevato rispetto alla parte precedente, con gravi rischi di alluvioni. 
Po délla Pìla Ramo centrale del delta del Po, in Emilia Romagna. Sfocia nel mare Adriatico. 
Po délle Tòlle Ramo sudorientale del delta del Po, in Emilia Romagna. Si stacca dal ramo principale presso Ca'Zuliani e sfocia nel mare Adriatico. 
Po di Primàro Il più importante ramo del delta del Po, in Emilia Romagna. Si stacca dal corso principale nei pressi di Ficarolo e sfocia nel mare Adriatico. 
Pòbbe, Marcèlla (Montegalda, Vicenza 1927-) Soprano italiano. È un'interprete specializzata nel melodramma italiano dell'800 e nelle opere di autori russi, di Mozart e di Gluck. 
Pobeda, pìcco La vetta (7.439 m) più elevata della catena del Tian Shan, al confine tra il Kirghizistan e la regione autonoma di Xinjiang Uygur in Cina. 
Pocapàglia Comune in provincia di Cuneo (2.296 ab., CAP 12060, TEL. 0172). 
Pocciànti, Pasquàle (Bibbiena 1774-Firenze 1858) Architetto. Tra le opere il cisternone e il cisternino dell'acquedotto di Livorno (dal 1827). 
Pocenìa Comune in provincia di Udine (2.558 ab., CAP 33050, TEL. 0432). 
Pocenzàna Comune in provincia di Massa Carrara (1.661 ab., CAP 54010, TEL. 0187). 
pochade, sf. invar. Commedia leggera e maliziosa. 
pochette, sf. invar. Borsetta da donna senza manico, avente forma di busta. 
pochézza, sf. Scarsezza. 
pocket, agg. invar. e sm. Tascabile. 
pòco, agg., avv. e sm. agg. Piccolo di numero, grandezza, valore. aveva poche speranze di batterlo
avv. Insufficientemente. ~ scarsamente. <> parecchio. lavorava poco e male
sm. Ciò che è poco. ~ insufficiente, scarso. <> bastante, sufficiente. 
pòculo, sm. In archeologia, recipiente per bere. 
podàgra, sf. Attacco di gotta che si manifesta in una forma artritica acuta localizzata in un'articolazione. 
podagrària, sf. Nome comune dell'Aegopodium podagraria, detta anche castalda, che si trova comunemente in pianura, sotto le siepi, e nei pascoli. 
podàgrico, agg. (pl. m.-ci) Relativo a podagra. 
podagróso, agg. e sm. agg. Relativo a podagra. 
sm. Chi è malato di podagra. 
<< indice >>