Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)


Logo Blia.it

Novità del sito: Quotidiani d'epoca consultabili online

  

Novità del sito: Spesa pubblica - rendiconti Ministeri 2017

potabilità, sf. L'essere potabile. 
potabilizzazióne, sf. Il far diventare potabile. 
potage, sm. invar. Minestra di verdura, specialmente il passato di verdure. 
Potamogetonàcee Famiglia di Monocotiledoni erbacee rizomatose acquatiche. 
potamologìa, sf. Ramo della geografia che studia i fiumi. 
potàre, v. tr. Tagliare i rami degli alberi per favorirne la crescita. 
potàssa, sf. 1 Attuale denominazione del carbonato di potassio. 2 Idrossido di potassio (potassa caustica). 
potàssico, agg. (pl. m.-ci) Relativo a potassio. 
potàssio, sm. Elemento chimico con numero atomico 19, simbolo K, peso atomico 39,102. Il potassio è un metallo alcalino, molto diffuso in natura anche se non allo stato libero, ma solo in forma di composti solubili (silvina, carnallite) o insolubili (basalti, feldspati, granito ecc.). È un metallo soffice, di colore argenteo. A contatto con l'acqua la decompone, prendendo fuoco, mentre a contatto con l'aria si ossida facilmente. La potassa (K2CO3) è il composto più diffuso del potassio e viene utilizzata per la produzione industriale del sapone e nell'industria vetraria. I sali del potassio sono utilizzati come fertilizzanti. 
potatóio, sm. Strumento per potare gli alberi. 
potatóre, sm. Chi pota. 
potatùra, sf. 1 Il potare, il modo e il tempo. 2 I rami potati. 
Potëmkin, Grigorij Aleksandrovic (Sizena 1739-Nicolaev 1791) Politico russo. Dal 1774 fu aiutante generale e favorito di Caterina II. Riuscì a domare, tra il 1773 e il 1775, la rivolta di Pugacëv, e così fu nominato governatore delle province meridionali. Nel 1783 conquistò la Crimea, fondò Sebastopoli e promosse la colonizzazione delle nuove terre. 
potentàto, sm. 1 Principe o sovrano posto al governo di uno stato. 2 Governo, stato potente. 
potènte, agg. e sm. agg. 1 Che ha potere, forza, autorità. ~ energico. <> fiacco. 2 Che produce grande effetto. ~ valido. <> impotente. 
sm. Chi ha grande potere e autorità. 
Potènza Città (66.000 ab., CAP 85100, TEL. 0971) capoluogo della regione Basilicata e della provincia omonima, situata nella valle del Basento, nell'Appennino Lucano. La città, attiva in epoca romana, fu anche municipio; in seguito cadde sotto il dominio longobardo, per passare poi al ducato di Benevento (VI sec.) e al principato di Salerno. Nel 1860, prima fra le città del meridione, insorse contro i Borbone. Fra gli edifici principali, il duomo (del XII sec., ricostruito nel XVIII sec.) e le chiese di San Michele (XI-XII sec.) e San Francesco (XIII sec.). È un importante centro per il commercio dei prodotti agricoli e dell'allevamento ed è inoltre sede di industrie alimentari, elettrotecniche, edili, meccaniche, del legno. 
Provincia di Potenza 
(6.545 km2, 420.000 ab.) Il territorio è perlopiù montuoso o collinare (Appennino Lucano), attraversato dalle valli formate da diversi corsi d'acqua (Bradano, Sinni, Agri), e giunge fino al mar Tirreno. L'economia si basa prevalentemente sull'agricoltura, la silvicoltura e l'allevamento; la presenza industriale è circoscritta al capoluogo. Anche il turismo ha una certa importanza, sia sul mare (Maratea), sia sulle montagne (Vulture, Pollino). 
potènza, sf. 1 Potere, forza, efficacia. ~ efficienza, validità. <> impotenza. 2 Autorità di una persona sugli altri. ~ influenza, autorevolezza. 3 In matematica è il prodotto di più fattori uguali tra loro. 4 In fisica è la velocità di variazione del lavoro (ossia la velocità con cui viene prodotto un lavoro); equivale al prodotto tra la forza (che produce il lavoro) e velocità del punto a cui è applicata; se il lavoro prodotto è costante nel tempo, equivale al rapporto tra lavoro fatto e tempo impiegato per compierlo. La potenza viene misurata in watt (W), ossia in joule al secondo. Nella pratica è usato anche il cavallo-vapore (1 CV = 736 W; nei paesi anglossassoni si usa 1 HP = 746 W). 
Potenza delle tenebre, La Dramma di L. N. Tolstoj (1886). 
Potènza Picèna Comune in provincia di Macerata (13.602 ab., CAP 62018, TEL. 0733). Centro agricolo (coltivazione di ortaggi, uva, barbabietole e frutta), industriale (calzaturifici, fabbriche di strumenti musicali, prodotti dell'abbigliamento e giocattoli) e turistico (balneazione nella vicina frazione di Porto Potenza Picena). Vi si trova il palazzo del Podestà, risalente al XVI sec. Gli abitanti sono detti Potentini
potenziàle, agg. e sm. agg. 1 Che può realizzarsi. ~ presumibile, realizzabile. <> effettivo, in atto. 2 Virtuale in potenza. 3 In grammatica, di verbo che esprime possibilità. 
sm. Energia, tensione. ~ potenzialità. 
<< indice >>