Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Bitcoin, blockchain e ... Libra

  

Novità del sito: Primi esperimenti con la Carta d'Identità Elettronica (CIE)

 

Prolegomena ad Homerum Opera di filologia di F. A. Wolf (1795). 
prolegòmeni, sm. pl. Introduzione ai principi basilari di una dottrina. 
prolèssi, sf. invar. 1 Anticipazione di parole rispetto alla normale collocazione per accentuarne il rilievo. 2 Figura retorica per cui si previene un'obiezione confutandola anticipatamente. 
proletariàto, sm. Nella visione della società divisa in classi, il proletariato è la classe che dispone di redditi minimi o comunque bassi, in contrapposizione ai detentori del potere politico ed economico. In particolare, nella teoria marxista, il proletario è il lavoratore privo di mezzi di produzione che deve vendere la sua forza-lavoro in cambio del salario ai proprietari dei mezzi di produzione, ossia del capitale. ~ classe lavoratrice. <> alta borghesia. 
proletàrio, agg. e sm. agg. Relativo al proletariato. lotta proletaria
sm. 1 Condizione e classe dei lavoratori dipendenti. 2 L'insieme dei lavoratori dipendenti. 3 Chi nella società dell'antica Roma aveva come unica ricchezza i figli. 
prolèttico, agg. (pl. m.-ci) Che costituisce prolessi. 
proliferàre, v. intr. 1 Il riprodursi con grande rapidità delle cellule. ~ crescere, moltiplicarsi. <> estinguersi, finire. 2 Moltiplicarsi rapidamente. 
proliferazióne, sf. Il proliferare. 
prolìfero, agg. Che si diffonde per proliferazione. 
prolificàre, v. intr. 1 Generare prole. 2 Moltiplicarsi, espandersi. 
prolificazióne, sf. Il prolificare. 
prolificità, sf. L'essere prolifico. 
prolìfico, agg. (pl. m.-ci) 1 Fecondo, che genera o ha generato molta prole. ~ fertile. <> sterile. 2 Molto produttivo. <> improduttivo. 
prolìna, sf. Acido pirrolidin-a-carbossilico avente formula C5H9O2
prolissità, sf. L'essere prolisso. 
prolìsso, agg. Lungo ed esteso nello scrivere o nel parlare. ~ ampolloso, retorico. <> essenziale, conciso. 
PROLOG In informatica è la sigla di Programming in Logic. Si tratta di un linguaggio sviluppato verso la metà degli anni '70 finalizzato alla programmazione logica. 
pròlogo, sm. (pl.-ghi) Breve discorso introduttivo. ~ preludio, premessa. <> epilogo. 
prolùdere, v. intr. 1 Fare una prolusione. 2 Iniziare a parlare. 
prolùnga, sf. 1 Elemento che permette di collegare uno strumento e simili, a maggiore distanza. 2 Carro militare di trasporto. 
<< indice >>