Home page
saldàbile, agg. Di materiale, che ha una buona saldabilità. 
saldabilità, sf. Qualità specifica di un materiale consistente nel determinare saldature aventi buone caratteristiche tecniche. 
saldaménto, sm. Operazione del saldare. 
saldàre, v. v. tr. 1 Riattaccare parti distaccate di un oggetto. <> dissaldare, separare. doveva saldare i cocci del vaso. 2 Coordinare, amalgamare fra loro i vari componenti. 3 Estinguere un pagamento. non aveva ancora saldato tutti i suoi debiti
v. intr. pron. 1 Ricongiungersi, riunirsi. 2 Cicatrizzarsi. 
saldatóre, sm. 1 Colui che esegue saldature. 2 Utensile per eseguire saldature. 
saldatrìce, sf. Macchina elettrica per eseguire saldature. 
saldatùra, sf. Atto del saldare. ~ giunzione. 
saldézza, sf. 1 Compattezza, solidità. ~ sicurezza. <> incertezza. 2 Determinazione, fermezza. ~ risolutezza. <> esitazione. 
Sàldidi Famiglia di Insetti Emitteri Eterotteri. Sono chiamati anche acantidi. 
sàldo, agg. e sm. agg. 1 Compatto, senza rotture. ~ solido. 2 Sicuro nei propri propositi. <> volubile, superficiale. 3 Tenace. quella salda amicizia era l'unica cosa su cui poter contare
sm. 1 Il pagamento definitivo di un debito. 2 Liquidazione. il periodo dei saldi era giÓ cominciato
sàle, sm. 1 Composto chimico ottenuto dalla reazione di una base e di un acido. ~ salgemma, salmarino. 2 Buon senso. ~ acume, sensatezza. 
Salé Città (289.000 ab.) del Marocco, sulla costa dell'oceano Atlantico. 
Sàle Comune in provincia di Alessandria (4.363 ab., CAP 15045, TEL. 0131). 
Sàle délle Lànghe Comune in provincia di Cuneo (513 ab., CAP 12070, TEL. 0174). 
Sàle Marasìno Comune in provincia di Brescia (3.071 ab., CAP 25057, TEL. 030). 
Sàle San Giovànni Comune in provincia di Cuneo (192 ab., CAP 12070, TEL. 0174). Centro agricolo (cereali, uva da vino, foraggi). 
Salem Città (364.000 ab.) dell'India, nello stato di Tamil Nadu. 
salemelècco, sm. (pl.-chi) Saluto cerimonioso, smanceria. 
Salémi Comune in provincia di Trapani (12.321 ab., CAP 91018, TEL. 0924). Centro agricolo (coltivazione di agrumi, grano, olive e viti), dell'allevamento bovino e industriale (prodotti alimentari e per l'edilizia). G. Garibaldi assunse la dittatura della Sicilia il 13 maggio 1860 con il proclama di Salemi. Vi si trova il castello di Federico II, risalente al XIII sec. Gli abitanti sono detti Salemitani
salentìno, agg. Del Salento.