Home page
scialàre, v. v. intr. 1 Sperperare. ~ scialacquare, largheggiare. 2 Abbondare. 
v. tr. Sperperare, dissipare. 
sciàlbo, agg. e sm. agg. Pallido, poco vivace. ~ scolorito. <> colorito. 
sm. Intonaco. 
scialbóre, sm. 1 L'essere scialbo. 2 Mancanza di espressività. 
scialìtico, agg. (pl. m.-ci) Che illumina senza produrre ombre. 
sciallàto, agg. Che ha la forma di scialle. 
sciàlle, sm. Indumento femminile appoggiato sulle spalle con le estremità portate al petto. 
sciàlo, sm. Spreco, sperpero. <> economia, parsimonia. 
Scialo, Lo Romanzo di V. Pratolini (1960). 
Scialòja, Antònio (San Giovanni a Teduccio 1817-Procida 1877) Economista. Dal 1865 al 1867, quale ministro delle finanze del regno d'Italia, decretò il corso forzoso della lira. 
Scialòja, Tòti (Roma 1914-Roma 1998) Pittore. Tra le opere Due Rossi (1957, Denver, Museum of Modern Art). 
Scialòja, Vittòrio (Torino 1856-Roma 1933) Politico, figlio di Antonio e studioso di diritto romano. Nel 1919 e 1920 fu ministro degli esteri. 
scialolìta, sm. (pl.-i) Calcolo salivare. 
scialóne, sm. Chi sciala per abitudine. 
scialorrèa, sf. Aumento della secrezione salivare. ~ ptialismo. 
scialùppa, sf. Imbarcazione di dimensioni ridotte, usata per piccoli spostamenti in mare o in caso di emergenza. 
sciamànico, agg. (pl. m.-ci) Tipico degli sciamani e dello sciamanismo. 
sciamanìsmo, o sciamanèsimo, sm. Fenomeno per cui alcuni individui, in stato di estasi, comunicano con gli spiriti dei defunti o le divinità. 
sciamannàre, v. tr. 1 Sciupare. ~ sgualcire. 2 Mettere in disordine. 3 Scomporre. ~ disfare. 
sciamannàto, agg. Disordinato, scomposto.