Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)


Logo Blia.it

Novità del sito: Quotidiani d'epoca consultabili online

  

Novità del sito: Spesa pubblica - rendiconti Ministeri 2017

astringènte, agg. e sm. Sostanza che diminuisce l'attività peristaltica dell'intestino. ~ costrittore. <> emolliente, fluidificante. 
astrìngere, v. tr. Ridurre certe funzioni dei tessuti organici. 
àstro, sm. 1 Corpo celeste. ~ stella. 2 Chi eccelle in un campo. ~ star. 
astro- Primo elemento di parole composte. 
astrobiologìa, sf. Branca della scienza che studia i fenomeni e le problematiche relative a possibili forme di vita nell'universo. Può essere galattica o solare, in relazione allo specifico campo d'indagine. 
astroblastòma, sm. Tumore maligno del tessuto nervoso. 
astrobùssola, sf. Strumento usato nella navigazione aerea per controllare la rotta di un aeromobile. 
astrocaryum, sm. invar. Genere di palme di altezza media, ricoperte di spine nere originarie dell'America tropicale. Dalla polpa dei frutti, di forma ovale e colore giallo-arancio, si ricava un olio. 
astrochìmica, sf. Lo studio della composizione chimica delle stelle. 
astrocìta, sm. (pl.-i) Cellula della sostanza grigia del sistema nervoso che presenta ramificazioni disposte a raggio. 
astrodinàmica, sf. I problemi di meccanica e dinamica connessi col moto nello spazio dei satelliti e dei veicoli spaziali. 
astròfico, agg. (pl. m.-ci) Di componimento in versi che non è suddiviso in strofe. 
astròfilo, sm. Chi si diletta di astronomia. 
astrofìsica, sf. Ramo dell'astronomia che si interessa delle caratteristiche fisiche e naturali dei corpi celesti. L'astrofisica si suddivide sulla base dei diversi settori di studio (astrofisica solare, astrofisica stellare, astrofisica galattica). Gli studi si basano sulle radiazioni emesse studiando lo spettro elettromagnetico di oggetti come stelle, pulsar, buchi neri, quasar e galassie; gli strumenti utilizzati vengono collocati sulla Terra oppure su palloni atmosferici, satelliti, sonde interplanetarie e razzi automatici. Scienza creata nel secolo scorso per studiare la composizione chimica delle varie atmosfere stellari da J. Fraunhofer e A. Sacchi che, utilizzando metodi spettroscopici, ha consentito di tracciare un quadro preciso di tutti i fenomeni che si verificano nell'universo, in tutte le bande dello spettro elettromagnetico. 
astrofìsico, agg. e sm. agg. Relativo all'astrofisica. 
sm. Studioso di astrofisica. 
astrofobìa, sf. Ossessivo timore di determinati eventi atmosferici. 
astrògrafo, sm. Telescopio con ottiche particolari, molto indicato nell'osservazione di pianetini, comete e campi stellari; è un rifrattore a grande campo o riflettore, ma modificato dall'aggiunta di una lente correttrice. 
astrolàbio, sm. Antico strumento per misurare l'altezza apparente di un astro sull'orizzonte. 
astrolatrìa, sf. Culto degli astri proprio delle religioni dei popoli antichi, come Egizi, Aztechi, Incas e Maya. 
astrologàre, v. intr. Fare congetture astrologiche; oroscopi. 
<< indice >>