Home page
Simposio, IlProsa di Senofonte (V-IV sec a. C.). 
Simpson, desèrto diRegione desertica dell'Australia, estesa nel settore sudorientale del Territorio del Nord e su parte del Queensland e dell'Australia Meridionale. 
SimulaIn informatica è la sigla di Simulation Language (linguaggio di simulazione). Si tratta di un linguaggio di programmazione sviluppato agli inizi degli anni '60. 
simulàcro, sm.1 Rappresentazione di una divinità. 2 Rappresentazione, immagine distorta della realtà. 
simulàre, v. tr.1 Manifestare falsi sentimenti o pensieri. simuḷ disinteresse per quel dipinto. 2 Imitare. 3 Ricreare per prove o esperimenti, situazioni simili a quelle reali. simularono le conseguenze di un attacco nemico via terra
simulataménte, avv.In modo simulato, finto. 
simulàto, agg.Finto, non sincero. 
simulatóre, sm.(f.-trìce) 1 Chi simula. 2 Dispositivo che permette di ricreare una certa situazione analoga a quella reale per fare delle prove o misure. 
simulazióne, sf.1 L'atto si simulare. 2 Prova, esperimento. 
simultaneità, sf.Contemporaneità. 
simultàneo, agg.Che accade nello stesso istante di tempo. ~ contemporaneo. 
simùn, sm. invar.Vento caldo che soffia dal deserto africano verso il Mediterraneo. 
sin-1 Sinonimo di cis-prefisso usato in chimica per definire un doppio legame in cui almeno uno dei due atomi non è di carbonio. 2 Primo elemento di parole composte. 
sinagòga, sf.(pl.-ghe) 1 Luogo di culto degli ebrei. 2 La comunità degli ebrei. 
SinàgraComune in provincia di Messina (3.173 ab., CAP 98069, TEL. 0941). 
SinaiPenisola bagnata dal mar Mediterraneo e dal mar Rosso (golfi di Suez e di Aqaba), culmina nel Gebel Caterina (2.638 m). Di forma triangolare, appartiene geograficamente all'Asia e politicamente all'Egitto. Il paesaggio è desertico e stepposo e il clima molto arido. Principale risorsa economica è lo sfruttamento del sottosuolo (petrolio, ferro, manganese). La popolazione, molto scarsa, è costituita da tribù nomadi. Vi si trovano numerosi monasteri e conventi, fra cui il convento di Santa Caterina (tuttora abitato), dotato di una biblioteca ricca di importanti manoscritti. Anticamente gli egiziani frequentarono il territorio per motivi militari e per lo sfruttamento di giacimenti di rame e turchesi (lo provano numerose iscrizioni a partire dalla terza dinastia a Rammesse IV) e a Sãrãbit-al-Khãdim fu costruito un santuario alla signora della terra e del Turchese, patrona del Sinai. Fu tappa della perigrinazione degli israeliani usciti dall'Egitto verso la terra di Canaan e secondo la Bibbia gli ebrei rimasero circa un anno nei pressi del Gebel Musa (2.131 m) che viene identificato con il monte Sinai sul quale Mosè ricevette le Tavole della legge. Nel 1956 e nel 1967 fu teatro di combattimenti fra israeliani ed egiziani. Nel 1967, dopo il terzo conflitto arabo-israeliano (guerra dei sei giorni), fu occupato da Israele che chiuse temporaneamente il canale di Suez. Israele mantenne il controllo del territorio fino al 1982, quando, con gli accordi di Camp David (1979), restituì il Sinai all'Egitto. 
sinalbìna, sf.Principio attivo della senape bianca. 
sinalèfe, sf.Nella metrica lettura come unica sillaba dell'ultima vocale di una parola e della prima della parola seguente. 
SinaloaStato (2.204.000 ab.) del Messico, affacciato all'oceano Pacifico. Capitale Culiac´n. 
SinalùngaComune in provincia di Siena (11.583 ab., CAP 53048, TEL. 0577). Centro agricolo (coltivazione di olivi, viti e cereali) e industriale (mobilifici, prodotti per l'edilizia e meccanici). Gli abitanti sono detti Sinalunghesi