Home page
superióra, sf. Monaca che è preposta alle altre nella gerarchia di un monastero. 
superioràto, sm. In una comunità religiosa, l'ufficio di chi è superiore. 
superióre, agg. e sm. agg. 1 Che è più in alto, sopra. 2 Maggiore. 3 Che presenta qualità, pregi di maggior valore. si dimostṛ superiore all'avversario. 4 Che in una disposizione ordinata viene dopo, è in posizione più elevata. 
sm. Chi ha autorità sugli altri in virtù di una posizione gerarchica più elevata. non voleva mancare agli ordini dei superiori
Superióre Regione del Ghana settentrionale, al confine con il Burkina Faso, suddivisa in: Superiore Occidentale (526.000 ab.), capoluogo Wa, e Superiore Orientale (921.000 ab.), capoluogo Bolgatanga. 
Superióre, làgo Il maggiore (84.131 km2, profondità massima 406 m), dei Grandi Laghi, in America settentrionale. Appartiene al Canada (Ontario) per un terzo e per il rimanente agli USA (Wisconsin, Minnesota, Michigan). Tra i laghi d'acqua dolce è considerato il più grande del mondo. Di origine glaciale, è lungo 600 km e largo 660 km. Numerose sono le baie e le insenature, come pure gli immissari. Riceve infatti i fiumi Nipigon, Kaministikwia, Pigeon, Saint Louis. È collegato, a est, con il lago Huron attraverso il canale Saint-Mary. Navigabile per sei-sette mesi all'anno ha una grande importanza come via di collegamento tra le regioni occidentali e l'Atlantico; il traffico è alimentato soprattutto dall'esportazione dei minerali ferrosi estratti dai giacimenti del Minnesota. Sulle sue rive numerosi sono i porti commerciali, come Duluth, Superior, Marquette e Thunder Bay (in territorio canadese). 
superiorità, sf. invar. 1 L'essere superiore. 2 Alterigia. 
superiorménte, avv. Dall'esterno, dall'alto. 
superlatìvo, agg. e sm. agg. Altissimo, più che eccellente. ~ eccelso. opera superlativa
sm. In grammatica, il grado di un aggettivo o avverbio che esprime il valore più elevato (assoluto) o un valore elevato rispetto a una ambiente, un contesto (relativo). 
superlavóro, sm. sing. Lavoro eccessivo che provoca grande affaticamento. 
superleggèro, agg. e sm. agg. Che riguarda oggetti dal peso praticamente nullo rispetto alla norma. 
sm. Pugile che rientra in una certa categoria di peso nella boxe. 
superman, sm. invar. Uomo dai poteri eccezionali, in grado di risolvere qualunque problema. 
supermarket, sm. invar. Supermercato. 
supermàschio, sm. In biologia, individuo avente caratteri morfologici maschili, ma dalla formula cromosomica anomala. 
supermàssimo, sm. Pugile che presenta un peso che lo colloca nella categoria più elevata della boxe. 
supermercàto, sm. Emporio di grandi dimensioni in cui i clienti si servono da soli, scegliendo fra la merce in esposizione ed effettuando il pagamento all'uscita. 
supernazionàle, agg. Soprannazionale. 
supèrno, agg. e sm. agg. Che è superiore. 
sm. pl. Dei del cielo, contrapposti agli dei degli inferi, nella mitologia classica. 
supernova, sf. Stadio finale dell'evoluzione delle stelle massicce, con massa molto più grande di quella solare. In seguito al collasso si verifica un picco di elevatissima luminosità (magnitudine assoluta-18). Nelle supernove il materiale espulso genera una nebulosa di gas che si espande rapidamente e il nucleo collassa in una stella di neutroni rotante o pulsar. 
La supernova di tipo II deriva da stelle giganti e raggiunge magnitudine assoluta-16. 
Nella nostra galassia sono state avvistate tre supernove di tipo I; quella del 1054 ha generato la nebulosa del Granchio, che si espande ancora oggi a una velocità di 1.300 km al secondo. 
supernutrizióne, sf. Alimentazione eccessiva rispetto al reale fabbisogno. 
sùpero, agg. e sm. agg. Superiore. 
sm. Eccedenza, esubero.