Home page
supplichévole, agg. Che supplica, che ha toni di supplica. 
Supplici, Le Tragedia di Euripide (421 a. C.). È una delle 19 tragedie di Euripide conservate (delle circa 90 attribuitegli). Le madri dei combattenti caduti a Tebe insieme a Polinice supplicano il re di Atene Teseo di intervenire sul re tebano Creonte che non vuole restituire i corpi dei loro figli. Anche il re di Argo, Adrasto, si unisce alla richiesta di intervento. Teseo si lascia convincere, batte i tebani e riporta in patria i sette morti. La moglie di uno dei caduti, Evadne, si getta sul rogo. L'opera è stata interpretata dai critici come un'esaltazione della democrazia di Atene. 
Supplici, Le 
Tragedia di Eschilo (463 a. C.). 
supplìre, v. v. tr. Sostituire temporaneamente. si trov˛ a supplire l'insegnante di latino
v. intr. Provvedere a colmare una mancanza. doveva supplire ai quelle lacune di storia
suppliziàre, v. tr. Sottoporre a supplizi, torturare. 
supplìzio, sm. (pl.-i) 1 Tortura, pena corporale. 2 Intenso tormento. 
supponènte, agg. Arrogante, che mostra presunzione. 
supponènza, sf. Arroganza, atteggiamento sdegnoso. 
suppórre, v. tr. Ipotizzare, presumere. 
supportàre, v. tr. Sostenere, dare supporto. 
supporter, sm. invar. Tifoso, sostenitore. 
suppòrto, sm. 1 Sostegno. supporto di un dipinto. 2 Telaio a cui fissare una parte mobile. 
Suppositi, I Commedia di L. Ariosto (1509). 
suppositìvo, agg. Espresso in termini di supposizione. 
suppositòrio, sm. Preparazione farmaceutica solida che permette di introdurre nell'organismo medicamenti per via uretrale, vaginale o anale. 
supposizióne, sf. 1 Ipotesi, congettura. 2 Dichiarazione, atto che non corrisponde alla realtà. 
suppósta, sf. Medicinale che viene somministrato per via rettale. 
suppósto, agg. e sm. agg. Che è stato ipotizzato, congetturato. 
sm. Ciò che si ipotizza o congettura. 
suppuràre, v. intr. Giungere a suppurazione, marcire. ~ fare pus, fare materia. 
suppuratìvo, agg. e sm. agg. Riguardante la suppurazione. 
sm. Medicinale che affretta la suppurazione. 
suppurazióne, sf. Formazione di pus provocata da agenti piogeni.