Home page
tacitaménte, avv. 1 Silenziosamente. 2 Implicitamente. 
tacitaménto, sm. L'atto di tacitare. 
tacitàre, v. tr. 1 Far tacere, ridurre al silenzio. 2 Sedare, calmare. 
tacitiàno, agg. 1 Relativo alle opere, al pensiero di P. Cornelio Tacito. 2 Stringato e conciso. 
tacitìsmo, sm. sing. 1 Studio delle opere di Tacito. 2 Stile che imita quello di Tacito. 
tàcito, agg. 1 Che non parla, che resta in silenzio. 2 Che non è rumoroso. 3 Sottinteso, non manifestato esplicitamente. 
Tàcito, Màrco Clàudio Politico romano. Succedette ad Aureliano per volontà del senato come imperatore nel 275 e 276. Sconfisse i goti in Cilicia. 
Tàcito, Publio Cornèlio (55 ca-120 ca) Storico romano. Di estrazione facoltosa e nobile, ricevette un'accurata educazione e si affermò nell'arte oratoria. Divenne genero di Agricola e ricoprì le cariche di questore, pretore, console e proconsole d'Asia. Nel Dialogus de oratoribus individua le cause della decadenza dell'eloquenza nella degenerazione politica e nella perdita della libertà. Descrive nei quarantasei capitoli del De vita et moribus Iulii Agricolae la vita di Agricola e la conquista romana della Britannia. Nel trattato etnogeografico Germania fornisce ricche e dettagliate informazioni sui costumi dei germani. Produsse due grandi opere storiche divise in Historiae, di cui dei probabili dodici libri iniziali ci sono pervenuti i primi quattro e l'inizio del quinto e gli Annales in sedici libri di cui restano i primi e gli ultimi sei. La prima opera comprende gli avvenimenti dalla morte di Nerone a quella di Domiziano (69-96 d. C.), mentre la seconda raccoglie quelli compresi tra la morte di Augusto e quella di Nerone (16-68 d. C.). La sua opera rivela un'acutezza psicologica e un'incisività drammatica che si avvale di uno stile originale e duttile, ma nello stesso tempo asciutto e sobrio. Fu sostenitore del partito senatorio e accolse con pessimismo l'avvento degli imperatori, che rappresentavano per lui un ostacolo alla libertà e la vittoria del male. Vagheggiò invece la nascita di un principato che non escludesse la libertà. 
taciturnità, sf. invar. La condizione di essere taciturno. 
tacitùrno, agg. e sm. agg. 1 Che parla poco. ~ muto, riservato. <> chiacchierone. 2 Silenzioso. 
sm. Chi abitualmente parla poco. 
tackle, sm. invar. Contrasto fatto su un avversario, nel gioco del calcio. 
Tacloban Città (103.000 ab.) delle Filippine, sulla costa nordorientale dell'isola di Leyte. Capoluogo della provincia di Leyte. 
Tacna Città (172.000 ab.) del Perú, ai piedi della Cordigliera Occidentale. Capoluogo del dipartimento omonimo. 
Tacoma Città (158.000 ab.) degli USA, nello stato di Washington, sull'oceano Pacifico. 
Tadasùni Comune in provincia di Oristano (216 ab., CAP 09080, TEL. 0785). 
Taddèo di Bàrtolo (Siena 1362?-1422?) Pittore. Tra le opere Vita di Maria (1406-1408, Siena, Palazzo Pubblico). 
tae-kwon-do, sm. invar. Tecnica di combattimento simile al kung fu. 
tafàno, sm. Insetto (Tabanus bovinus) della famiglia dei Tabanidi e dell'ordine dei Ditteri. Misura circa 2 cm. I maschi si nutrono di nettare e frutta mentre le femmine, provviste di un apparato boccale perforante e succhiante si nutrono in particolare del sangue di bovini ed equini. Con le loro punture dolorose, i tafani immettono nella pelle una piccola quantità di saliva dall'azione anticoagulante e possono trasmettere con essa gli agenti di numerose malattie (spirochetosi, filaria, malattia del sonno ecc.). Le larve, che prediligono gli ambienti umidi, sono carnivore e alcune aggrediscono anche prede più grandi di loro come insetti, anfibi e molluschi. Le specie più diffuse sono: tafano dei buoi o tabanus bovinus (Europa, Africa settentrionale, Asia), tafano nero o tabanus atratus (Stati Uniti), tafano accecante o tabanus coecutiens (che può procurare forti congiuntiviti). 
tafferùglio, sm. (pl.-igli) Baruffa, rissa. 
tàffete, inter. Voce che imita il rumore di qualcosa che cade.