Home page
talàmico, agg. (pl. m.-ci) Riferito al talamo. 
Sindrome talamica 
Sindrome del talamo ottico causata da una lesione circolatoria; può provocare alterazioni della sensibilità, emiparesi, emiatassia e ipercinesia. 
tàlamo, sm. 1 Camera matrimoniale, letto nuziale. ~ alcova. 2 La parte del fiore che sostiene stami e pistilli. 3 Nucleo del sistema nervoso, posto alla base di ciascun emisfero cerebrale. 
Talamóna Comune in provincia di Sondrio (4.261 ab., CAP 23018, TEL. 0342). 
Talamóne Frazione del comune di Orbetello in provincia di Grosseto. Conta 500 ab. ed è situata a 32 m su di un promontorio a nord dell'Argentario nella parte meridionale dei monti dell'Uccellina. Ha origini etrusche e fu anche importante centro romano, fino a quando nel medioevo sfiorì. Conobbe la propria rinascita alla fine del XVI sec. diventando a opera degli spagnoli una delle fortezze dello Stato dei Presidi. Nel maggio del 1860, durante la spedizione dei Mille, Garibaldi la utilizzò come punto di rifornimento. 
Talàna Comune in provincia di Nuoro (1.215 ab., CAP 08040, TEL. 0782). 
talàre, agg. 1 Di tunica che giunge fino ai talloni. 2 Di veste sacerdotale. 
talàri, sm. pl. I calzari alati di Mercurio. 
talass(o)- Primo elemento di parole composte. 
talassemìa, sf. Nome che designa un gruppo di malattie ereditarie riscontrabili in particolare nelle popolazioni del bacino mediterraneo e in quelle di alcune zone dell'Asia sudorientale, dell'Africa settentrionale e centrale, del Pacifico meridionale e dell'America settentrionale. Il nome (che contiene all'ittero. Si possono distinguere l'alfa talassemia, diffusa soprattutto nel Sud-est asiatico e la beta talassemia, presente nell'area mediterranea.  L'origine è ereditaria. La forma della malattia è lieve o grave a seconda che l'individuo ammalato sia eterozigote (un gene talassemico accoppiato con uno sano) od omozigote (entrambi i geni talassemici), ossia la abbia ricevuta da uno solo o da entrambi i genitori. La forma grave, ossia omozigote, si chiama anche morbo di Cooley, dal nome del medico americano che scoprì l'origine della malattia. La forma lieve è ben tollerabile; un malato eterozigote deve comunque evitare di generare un figlio con un altro malato eterozigote (il figlio avrebbe il 25% di probabilità di avere la forma grave) od omozigote (il figlio sarebbe malato gravemente con probabilità del 50%).
talassèmico, agg. e sm. (pl.-ci) agg. Che è colpito da una forma di anemia ereditaria, consistente in un'alterazione dei globuli rossi. 
sm. Chi è talassemico. 
talàssico, agg. (pl.-ci) Marino. 
talassobiologìa, sf. sing. Studio delle forme di vita marine. 
talassocrazìa, sf. Dominio, egemonia sul mare. 
talassofilìa, sf. La tendenza di certi organismi a stabilirsi in zone marine. 
talassofobìa, sf. Paura, timore eccessivo del mare. 
talassografìa, sf. Oceanografia. 
talassoterapìa, sf. Tecnica terapeutica che utilizza gli effetti benefici dei bagni in acqua di mare e del clima marino. 
Talaud Arcipelago (31.000 ab.) dell'Indonesia, tra le Molucche e Mindanao, nel mar delle Molucche. 
Talbot, Charles, duca di Shrewsbury (Isleworth 1660-1718) Politico inglese. Sostenne l'ascesa al trono di Guglielmo III d'Orange e fu suo ministro. 
Talbot, William (Melbury House 1800-Lacock Abbey 1867) Scienziato inglese. Inventò la talbotipia, processo alla base delle moderne tecniche fotografiche.