Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)


Logo Blia.it

Novità del sito: Verifica fattura elettronica ordinaria e PA

  

Novità del sito: Generatore fogli di cartelle per tombola

Toscàna Regione a statuto ordinario dell'Italia centrale, confina a nord-ovest con la Liguria, a nord con l'Emilia Romagna a est con le Marche e l'Umbria e a sud-est con il Lazio; si affaccia sul mare Tirreno a ovest e sud-ovest e comprende le isole dell'Arcipelago Toscano. 
Il territorio è piuttosto complesso, presentando un'alternanza di catene montuose a valli e di altipiani a zone collinari e pianeggianti. 
L'Appennino Tosco-Emiliano vero e proprio si può distinguere dal cosiddetto antiappennino o preappennino, a cui appartengono le Alpi Apuane nella parte settentrionale e più a sud il Chianti e le colline Metallifere, nonché il gruppo del monte Amiata. 
I bacini intramontani assumono notevole interesse, soprattutto dal punto di vista dell'insediamento umano; disposti in prevalenza da nord-ovest a sud-est, seguono lo stesso orientamento delle catene montuose; i più rilevanti sono la Lunigiana, ai confini con la Liguria, la Garfagnana tra le Alpi Apuane e la catena spartiacque appenninica; e inoltre il bacino di Firenze, il Mugello, il Valdarno superiore (tra il Pratomagno e i monti del Chianti), il Casentino (tra Pratomagno e l'Alpe di Catenaia), la Val di Chiana, e il settore superiore della Val Tiberina (tra l'Alpe Catenaia e l'Alpe della Luna). 
Le pianure più estese sono il Valdarno Inferiore, la Versilia (ai piedi delle Alpi Apuane) e le piane costiere della Maremma. 
La costa è prevalentemente bassa, liscia e sabbiosa, interrotta soltanto dai promontori di Piombino, di Punta Ala e del monte Argentario. 
A parte gli alti tratti di alcuni fiumi tributari dell'Adriatico (Reno, Santerno, Lamone, Marecchia e Foglia), i fiumi toscani sono tributari del mar Tirreno; tra i fiumi principali si annovera il Tevere, che tuttavia ha in Toscana solo il suo alto corso, l'Arno (con i suoi affluenti Elsa ed Era), l'Ombrone, l'Alvegna, il Cecina e il Serchio. Il fiume Magra percorre la Lunigiana, per sfociare in territorio ligure. 
Il clima è piuttosto temperato, ma subisce variazioni notevoli in funzione della distanza dal mare e dall'altitudine. 
Capoluogo della regione è Firenze, pregiatissima città d'arte, ricca di storia e di monumenti, oltre che centro economicamente molto attivo; gli altri capoluoghi di provincia sono Arezzo, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Pistoia, Siena e Prato. 
L'agricoltura conserva una posizione ragguardevole nel quadro dell'economia toscana; produce cereali, olive, uva da vino, ortaggi (cavolfiori, asparagi, carciofi e pomodori) e frutta; tipica la produzione di funghi e di castagne. Meno importanti sono la pesca e l'allevamento. 
Il sottosuolo è relativamente ricco di minerali; notevoli sono i giacimenti di ferro dell'isola d'Elba e di piriti di ferro nel Grossetano; giacimenti di mercurio si trovano nella zona del monte Amiata. Si estraggono inoltre lignite, salgemma, piombo e zinco. Famose sono le cave di marmo delle Alpi Apuane e quelle di alabastro nei dintorni di Volterra. 
Le industrie, prevalentemente ubicate nella valle dell'Arno e in alcune zone costiere, sono prevalentemente medie e piccole imprese, che operano nei settori metallurgico, meccanico, alimentare, tessile, chimico, calzaturiero, grafico editoriale, dell'abbigliamento, del mobile e dei materiali da costruzione. 
In continua espansione è il turismo, imperniato su Firenze, città d'arte conosciuta in tutto il mondo, ma che può contare su altri centri d'attrazione di notevole valore (Pisa, Siena, Lucca, San Gimignano ecc.), oltre che sulle spiagge tirreniche, sulle isole dell'Arcipelago Toscano e sulle numerose stazioni idrotermali (Montecatini Terme, Chianciano Terme e Monsummano Terme). 
Abitanti-3.510.114 
Superficie-22.992 km2 
Densità-152,6 ab./km2 
Capoluogo-Firenze 
Province (fra parentesi il numero di abitanti del capoluogo espresso in migliaia): Arezzo (91), Firenze (402), Grosseto (70), Livorno (167), Lucca (86), Massa-Carrara (56), Pisa (98), Pistoia (87), Prato (166), Siena (60) 
toscaneggiànte, agg. Che imita i toscani, la loro lingua. 
toscaneggiàre, v. intr. Parlare, scrivere alla maniera dei toscani. 
Toscanìni, Artùro (Parma 1867-Riverdale, New York 1957) Direttore d'orchestra italiano. Violoncellista, esordì come direttore a Rio de Janeiro nel 1886, durante una tournée in Brasile. Direttore d'orchestra al teatro Regio di Torino (1895-1898), fu direttore stabile alla Scala di Milano (1898-1903). Trasferitosi al Metropolitan di New York, vi rimase fino alla prima guerra mondiale. Contrario alle dittature, si rifiutò di dirigere in Italia e in Germania e nel 1928 si trasferì a New York alla direzione della filarmonica, l'orchestra della NBC. Nel 1946 diresse il concerto di inaugurazione della Scala ricostruita. Fu interprete di prestigio delle opere di L. van Beethoven, J. Brahms, G. Verdi e R. Wagner. 
toscanìsmo, sm. Termine, modo di dire proprio della lingua toscana. 
toscanità, sf. invar. Insieme delle caratteristiche dell'essere toscano. 
toscanizzàre, v. v. tr. Esprimere una frase alla maniera toscana. 
v. intr. pron. Assumere nella parlata, nello scrivere le caratteristiche del toscano. 
toscanizzazióne, sf. L'effetto di toscanizzare. 
toscàno, agg. e sm. agg. Relativo alla Toscana. 
sm. 1 Abitante della Toscana. 2 Lingua parlata in Toscana. 3 Sigaro. 
Toscàno, arcipèlago Arcipelago che si estende tra il mar Ligure e il mar Tirreno, il canale di Piombino e il canale della Corsica. È composto dalle isola Elba, Gorgona, Capraia, Canosa, Giglio e Giannutri. 
Tóschi, Pàolo (Lugo, Ravenna 1893-Roma 1974) Folclorista italiano. Studioso delle tradizioni popolari e religiose, ha scritto Guida allo studio delle tradizioni popolari (1941), Saggi di letteratura popolare (1943) e Il folklore (1952). 
tósco, agg. e sm. (pl. tóschi) agg. Toscano. 
sm. 1 Dialetto albanese parlato nelle colonie albanesi della Grecia e dell'Italia meridionale. In Albania è diffuso a sud del fiume Seman. 2 Veleno. 
Tosco-Emiliàno, Appennìno Sezione dell'Appennino settentrionale compresa tra la Cisa e la Bocca Serriola. Vetta più elevata il monte Cimone (2.165 m). 
Toscolàno-Madèrno Comune in provincia di Brescia (6.653 ab., CAP 25088, TEL. 0365). 
Toshiba Gruppo industriale giapponese. Nato nel 1939 dalla fusione della Tokyo Electric Company con la Shibaura Engineering Works, opera nell'elettronica di consumo e nel settore informatico. 
Tósi, Artùro (Busto Arsizio 1871-Milano 1956) Pittore. Tra le opere Strada per Clusone (1929, Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna) e Neve a Rovetta (1948, Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna). 
Tósi, Frànco (Milano 1850-Legnano, Milano 1898) Industriale italiano. Considerato tra i maggiori artefici dello sviluppo dell'industria meccanica italiana, ha fondato l'omonima società che produce caldaie a vapore, turbine idrauliche e sistemi elettromeccanici. 
Tósi, Giusèppe (Borgoticino, Novara 1916-Roma 1981) Atleta. Campione italiano del lancio del disco nel 1943, 1946, 1947, 1948 e 1951. 
tosóne, sm. Vello di montone. 
tósse, sf. Irritazione delle vie respiratorie che provoca violente espirazioni di aria e muco. il medico gli prescrisse uno sciroppo per la tosse
<< indice >>